Artrite reumatoide a bassa attività, il dosaggio della terapia biologica può essere ridotto, risparmiando anche sui costi #ACR2018

I pazienti con artrite reumatoide che raggiungono una bassa attività di malattia possono ridurre con successo la dose del farmaco biologico, risparmiando sui costi della terapia, secondo i dati di uno studio presentati al congresso annuale all'American College of Rheumatology (ACR) che si è tenuto recentemente a Chicago.

I pazienti con artrite reumatoide che raggiungono una bassa attività di malattia possono ridurre con successo la dose del farmaco biologico, risparmiando sui costi della terapia, secondo i dati di uno studio presentati al congresso annuale all’American College of Rheumatology (ACR) che si è tenuto recentemente a Chicago.

«La terapia biologica ha cambiato totalmente il trattamento dell'artrite reumatoide e si usa ormai da 20 anni», ha detto Patrick Durez dell'Università Cattolica di Lovanio, in Belgio. «Diversi studi hanno dimostrato che la riduzione graduale del trattamento biologico nei pazienti che raggiungono una bassa attività della malattia può essere effettuata con successo. Oltre al nostro, anche altri studi hanno evidenziato che è possibile ridurre la dose di etanercept da 50 mg a 25 mg senza perdere il controllo della malattia».

Durez e colleghi hanno valutato i dati di 332 pazienti con artrite reumatoide dell'Università Cattolica di Lovanio per analizzare la proporzione di soggetti per i quali i farmaci biologici DMARD (antireumatici modificanti la malattia) potessero essere ridotti gradualmente nella pratica clinica quotidiana, oltre che per valutare le caratteristiche di questi pazienti e determinare quali sono i biologici che vengono ridotti più facilmente.

La dose può essere ridotta con successo
Tutti i soggetti inclusi nello studio sono stati trattati con un DMARD biologico per almeno 1 anno. Nei casi in cui un paziente raggiungeva una bassa attività della malattia o la remissione, i medici raccomandavano una riduzione della dose. I ricercatori hanno raccolto dati sulle caratteristiche del paziente, i dati basali prima di iniziare la terapia biologica, sulle eventuali riacutizzazioni e sui costi del trattamento.

Tra i pazienti inclusi nello studio, 140 hanno ridotto il loro regime biologico DMARD, mentre 192 hanno ricevuto dosi complete. Nel gruppo a dose ridotta l'86,7% dei pazienti ha fatto uso concomitante di metotrexato, rispetto al 73,8% della coorte a dose piena (p=0,005). Non ci sono state differenze tra i gruppi riguardo al genere, anticorpi anti-citrullina, erosioni, numero di DMARD biologici precedenti, il tempo al primo DMARD biologico sintetico o convenzionale, punteggio basale del DAS28-CRP (Disease Activity Score 28 and C-Reactive Protein) e uso di glucocorticoidi.

Secondo Durez, i punteggi dell’Health Assessment Questionnaire erano più bassi nel gruppo a dose ridotta rispetto a quello a dosaggio pieno, come anche i punteggi DAS28-CRP (2,26 vs 2,64, p=0,001). Quindici pazienti hanno sono andati incontro a una riacutizzazione durante il periodo di follow-up. Gli agenti anti-TNF erano i farmaci più comunemente prescritti nella coorte dello studio (anti-TNF 68%, tocilizumab 15%, rituximab 10%, abatacept 7%). I farmaci ridotti con maggior frequenza erano adalimumab, etanercept e rituximab ed erano anche quelli associati alle riduzioni più significative della spesa farmaceutica annuale per i pazienti.

«Nella pratica quotidiana, la riduzione della dose dei farmaci biologici nell'artrite reumatoide è possibile quando si raggiunge una bassa attività o la remissione della malattia», ha detto Durez. «Il paziente sarebbe sicuramento aperto a questa possibilità, dato che ridurrebbe il numero di effetti collaterali, al punto che a volte è lui stesso a ridursi il dosaggio. La combinazione con metotrexato è probabilmente un importante fattore predittivo per iniziare a ridurre gradualmente il regime posologico, ma abbiamo bisogno di ulteriori ricerche».

Bibliografia

Dierckx S et al. Tapering of Biological Antirheumatic Drugs in Rheumatoid Arthritis Patients Is Achievable and Cost Effective in Daily Clinical Practice: DATA from the Brussels UCL RA Cohort. Abstract 625. Presented at ACR/ARHP Annual Meeting, Oct. 20-24, 2018; Chicago

Leggi