Artrite reumatoide, tofacitinib si può usare anche senza MTX. Studio ORAL Shift

Ortopedia e Reumatologia

I pazienti con artrite reumatoide (AR) trattati con tofacitinib hanno avuto risultati di efficacia e sicurezza paragonabili a quelli dei pazienti trattati con tofacitinib più metotrexate, secondo i risultati dello studio ORAL Shift presentati al Congresso annuale EULAR.

I pazienti con artrite reumatoide (AR) trattati con tofacitinib hanno avuto risultati di efficacia e sicurezza paragonabili a quelli dei pazienti trattati con tofacitinib più metotrexate, secondo i risultati dello studio ORAL Shift presentati al Congresso annuale EULAR.

"I risultati di ORAL Shift forniscono informazioni importanti sull'uso di tofacitinib come monoterapia dopo l’interruzione del metotrexate, che è significativo in quanto alcune persone che vivono con l'artrite reumatoide non possono o non vogliono usare il metotrexate", ha detto Stanley B. Cohen, Metroplex Clinical Research Center di Dallas.

Cohen e colleghi hanno confrontato l'efficacia e la sicurezza di una dose di tofacitinib di 11 mg a rilascio prolungato, con o senza metotrexate. I pazienti con AR trattati con tofacitinib sperimentato efficacia e sicurezza risultati comparabili ai pazienti trattati con tofacitinib più metotrexate.

Lo studio, un trial di fase 3b/4, ha arruolato 694 pazienti con artrite reumatoide severa che hanno raggiunto una bassa attività patologica (LDA) dopo 24 settimane di trattamento con tofacitinib più metotrexate. Questi pazienti sono stati assegnati casualmente a una seconda fase di 24 settimane in cui i pazienti sono stati assegnati casualmente 1:1 per ricevere il tofacitinib in monoterapia o tofacitinib con methotrexate.

La modifica del DAS28-ESR è servita come misura di outcome primario, con la non inferiorità della monoterapia con tofacitinib rispetto alla terapia combinata come end point. I ricercatori hanno anche misurato la risposta HAQ-DI, ACR20/50/70 e l'Indice di attività delle malattie cliniche (CDAI), definito LDA.
I risultati hanno mostrato un cambiamento medio di DAS28-4 (ESR) di 0,33 per il gruppo di monoterapia e di 0,03 per tofacitinib più metotrexate (differenza media = 0,3; 95% CI, 0.12-0.48) alla settimana 48, dimostrando non inferiorità.

Ulteriori risultati hanno mostrato un beneficio non clinicamente significativo per il tofacitinib in monoterapia in esiti tra cui il cambiamento in DAS28-4 (CRP), SDAI e CDAI, secondo i risultati. Risultati comparabili sono stati riportati tra i due bracci in termini di risposte ACR e HAQ-DI, insieme ai tassi di LDA. Entrambi i regimi di trattamento hanno prodotto tassi di remissione simili.

Il profilo di sicurezza ha mostrato 10 eventi avversi gravi e cinque interruzioni dovute ad eventi avversi nel gruppo di monoterapia. La terapia combinata ha prodotto cinque eventi avversi gravi e cinque interruzioni dovute ad eventi avversi.

Durante la fase in doppio cieco dello studio, il 40,5% dei pazienti con braccio monoterapico ha subito eventi avversi, rispetto al 41% nel gruppo del metotrexate. I tassi di eventi avversi gravi sono stati del 3,8% dei pazienti nel braccio di monoterapia e dell'1,9% di quelli nel braccio di terapia combinata.
"Da un punto di vista clinico, questi risultati forniscono ai medici dati che aiutano ad informare la decisione di togliere i pazienti appropriati dal metotrexate", ha dichiarato Cohen.

Cohen SB, et al. LB0002. Presented at: EULAR Annual Congress; June 12-15, 2019; Madrid