Artrite reumatoide, un'interruzione temporanea del MTX migliora risposta a vaccino contro l'influenza

In pazienti affetti da artrite reumatoide, sospendere il trattamento con MTX per un mese dalla esecuzione del vaccino anti-influenzale potrebbe migliorare la risposta al vaccino. Questi i risultati di un trial clinico randomizzato di recente pubblicazione sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases.

In pazienti affetti da artrite reumatoide, sospendere il trattamento con MTX per un mese dalla esecuzione del vaccino anti-influenzale potrebbe migliorare la risposta al vaccino. Questi i risultati di un trial clinico randomizzato di recente pubblicazione sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases.

E' noto che i pazienti affetti da AR si caratterizzano per un rischio più elevato di infezioni a causa delle disfunzioni e della soppressione della risposta immunitaria associate al trattamento.

Per queste ragioni, la vaccinazione contro le malattie prevenibili attraverso la profilassi vaccinale (compresa quella contro l'influenza) è raccomandata in tutti i pazienti affetti da AR.

MTX, il caposaldo della terapia farmacologica dell'AR, è stato associato ad una riduzione della risposta alla vaccinazione influenzale.

Obiettivo dello studio, pertanto, è stato quello di studiare se una sospensione temporanea di MTX potesse essere in grado di migliorare l'efficacia del vaccino contro l'influenza stagionale.

A tal scopo, i ricercatori hanno randomizzato 199 pazienti affetti da AR alla continuazione del trattamento con MTX o alla sua sospensione nelle 4 settimane precedenti o successive l'inoculo del vaccino oppure nelle 2 settimane precedenti e le 2 successive alla la vaccinazione.

I risultati hanno documentato risposte soddisfacenti a tutti i 3 antigeni del vaccino (incremento pari almeno a 4 volte dell'inibizione del titolo anticorpale di emoagglutinazione) nel 51% dei pazienti che sospendevano il trattamento con MTX nel corso delle due settimane precedenti e successive la vaccinazione, rispetto al 31,5% di quelli che non sospendevano il trattamento con MTX (p=0,044).

La sospensione di MTX ad un mese dall'esecuzione della vaccinazione non ha sortito risultati migliori rispetto a quanto osservato nel gruppo di pazienti che non avevano interrotto il trattamento con MTX. Al contrario, la sospensione del trattamento nelle 4 settimane successive la vaccinazione ha portato di conseguenza, ad un miglioramento dei risultati rispetto a quanto osservato nei pazienti che non interrompevano il trattamento con MTX.

Il livello di anticorpi anti-H3N2 è aumentato di ben 12,2 volte nel gruppo che aveva interrotto il trattamento con MTX 2 settimane prima e 2 settimane dopo la vaccinazione. L'aumento è stato, invece, di 10 volte in quelli che avevano interrotto il trattamento con MTX nelle 4 settimane successive l'inoculo del vaccino rispetto a 5,9 volte nei pazienti che non avevano interrotto il trattamento con MTX.

L'incremento del livello di anticorpi Anti-B-Yamagata è stato pari, rispettivamente, a 4,7 volte nel gruppo che aveva interrotto il trattamento con MTX 2 settimane prima e 2 settimane dopo la vaccinazione, 6,1 volte nel gruppo che aveva interrotto il trattamento nelle 4 settimane successive l'inoculo del vaccino e 2,9 nel gruppo di pazienti che non aveva interrotto il trattamento.

Recidive di AR sono state documentate in una proporzione di pazienti compresa tra il 24% e il 39%, senza variazioni significative tra gruppi. Inoltre, in tutti i casi di recidiva, la ripresa del trattamento con MTX ha determinato un rapido recupero di questi pazienti.

Nel commentare i risultati, i ricercatori hanno notato che  “...i dati disponibili suggeriscono come l'effetto di MTX sulle cellule del sistema immunitario sia immediato, mentre l'effetto di modificazione del corso di malattia del MTX necessiti probabilmente di tempi più lunghi per dispiegarsi completamente. Il fatto che la sospensione di MTX migliori la risposta immunitaria ai vaccini suffraga, inoltre, la prassi di interrompere il trattamento con questo farmaco in presenza di infezioni acute potenzialmente letali”.

Sono ora necessari nuovi studi che determinino la durata ottimale della sospensione del trattamento con MTX in grado di ottimizzare l'efficacia del vaccino, impedendo al contempo le recidive di AR.

Nicola Casella

Bibliografia
Park JK et al. Effect of methotrexate discontinuation on efficacy of seasonal influenza vaccination in patients with rheumatoid arthritis: a randomised clinical trial. Annals of the Rheumatic Diseases Published Online First: 03 May 2017. doi: 10.1136/annrheumdis-2017-211128
Leggi