Le  nuove linee guida della OA Research Society International (OARSI) sulla gestione dell’osteoartrosi del ginocchio raccomandano un approccio più conservativo per l’uso di alcuni farmaci, incluso il paracetamolo, a causa di evidenze emergenti di eventi avversi ad essi associati. Le nuove linee guida sono state pubblicate sulla rivista Osteoarthritis and Cartilage.

Le nuove linee guida riguardano un ampio range di farmaci e trattamenti non farmacologici per l’osteoartrosi del ginocchio e differiscono per molti aspetti da altre linee guida come ad esempio quella dell’American College of Rheumatology.

Per quanto riguarda il paracetamolo, dati recenti hanno suggerito un aumento del rischio di eventi avversi associati all’uso del medicinale superiore a quello osservato in precedenza, in particolare quando il medicinale viene somministrato per periodi prolungati.
Per questo motivo gli esperti raccomandato di utilizzare dosi ridotte del medicinale per periodi di breve durata.

Inoltre, il panel di esperti che ha stilato le nuove linee guida, tra cui il Prof. David Hunter del Dipartimento di Reumatologia del Royal North Shore Hospital, ha affermato che evidenze recenti hanno aumentato le preoccupazioni riguardo l’utilizzo di farmaci oppioidi (orali e trans dermici) nei pazienti con osteoartrosi. La raccomandazione sull’uso di questi farmaci è stata classificata come “incerta”.
Le nuove linee guida raccomandano l’utilizzo di farmaci come la duloxetina e trattamenti come la balneoterapia e la pratica del t’ai chi in base a nuove evidenze che rafforzano le raccomandazioni rilasciate nel 2010.

Le linee guida OARSI sono coerenti con altre raccomandazioni per quanto riguarda l’esercizio fisico e i programmi per la perdita di peso ritenuti efficaci nei pazienti con osteoartrosi del ginocchio.
Le raccomandazioni differiscono da altre linee guida per quanto riguarda le ignezioni intra articolari di steroidi per la riduzione del dolore nei pazienti con osteoartrosi. Secondo gli esperti dell’OARSI, anche se questi farmaci risultano efficaci nell’alleviare il dolore, i medici dovrebbero prendere in considerazione altre opzioni di trattamento.

Gli esperti raccomandano l’uso di Fans per via orale e COX-2 inibitori nei pazienti con osteoartrosi del ginocchio senza comorbidità, ma raccomandano cautela nei pazienti ad alto rischio che presentano comorbidità. Le linee guida, inoltre, sconsigliano l’uso di PPI in combinazione con Fans non selettivi per la gastroprotezione nelle persone senza rischio di comorbidità.

T.E. McAlindon et al., OARSI guidelines for the non-surgical management of knee osteoarthritis, Osteoarthritis and Cartilage
leggi