Ortopedia e Reumatologia Congresso ACR 2020

Aumenta il rischio di protesi di ginocchio e anca se si usa il warfarin in pazienti con osteoartrosi. #ACR2020

Una nuova ricerca presentata al congresso dell'ACR (American College of Rheumatology), mostra che l'uso di warfarin, un farmaco anticoagulante basato sull'antagonismo della vitamina K ampiamente prescritto per prevenire la formazione di coaguli di sangue, Ŕ associato a un rischio significativamente maggiore di protesi di ginocchio e anca nei pazienti con osteoartrosi.

Una nuova ricerca presentata al congresso dell’ACR (American College of Rheumatology), mostra che l'uso di warfarin, un farmaco anticoagulante basato sull’antagonismo della vitamina K ampiamente prescritto per prevenire la formazione di coaguli di sangue, è associato a un rischio significativamente maggiore di protesi di ginocchio e anca nei pazienti con osteoartrosi.

L'osteoartrosi (OA) è una comune malattia articolare che colpisce più spesso la mezza età e gli anziani. Un tempo era comunemente indicato come "usura" delle articolazioni, ma ora sappiamo che l'OA è una malattia dell'intera articolazione, che coinvolge la cartilagine, il rivestimento articolare, i legamenti e l'osso.

La vitamina K è un cofattore essenziale nella gamma-carbossilazione post-traslazionale dell'acido glutammico per formare residui di acido gamma-carbossi-glutammico (Gla). Ciò conferisce funzionalità alle proteine dipendenti dalla vitamina K, comprese quelle delle ossa e della cartilagine che svolgono un ruolo importante nella regolazione della mineralizzazione. Un basso livello di vitamina K può portare a una sottocarbossilazione delle proteine Gla e quindi alla loro disfunzione.

La carenza di vitamina K è stata associata all'OA e recenti ricerche dimostrano che l'integrazione di vitamina K può ridurre la progressione dell'OA. Tuttavia, nessuno studio fino ad oggi ha valutato se l'antagonismo della vitamina K con l'uso di warfarin possa essere dannoso per l'OA.
Questo nuovo studio ha valutato la relazione tra uso di warfarin, un farmaco comunemente prescritto per la fibrillazione atriale e il rischio di sostituzione del ginocchio e dell'anca nell'OA allo stadio terminale.

"Abbiamo ipotizzato che la degenerazione ossea e cartilaginea dipendente dalla vitamina K attraverso l'antagonismo della vitamina K possa portare ad anomalie nel funzionamento dei condrociti con effetti negativi sulla salute della cartilagine, che a sua volta potrebbe aumentare il rischio di sviluppare o peggiorare l'OA", ha sottolineato il coautore dello studio Priyanka Ballal, borsista di reumatologia presso il Boston University Medical Center.

"Poiché gli anticoagulanti orali diretti sono opzioni alternative per l'anticoagulazione che non inibiscono il funzionamento della vitamina K, chiarire questo probabile rischio legato al warfarin darebbe a medici e pazienti informazioni preziose nel momento di scegliere quale anticoagulante usare in caso di fibrillazione atriale".

Lo studio caso-controllo ha utilizzato i dati dell'Health Improvement Network, un database di cartelle cliniche elettroniche compilate dai medici di medicina generale del Regno Unito (UK) e rappresentativo della popolazione generale.
Il campione di studio era limitato agli adulti di età compresa tra 40 e 89 anni con fibrillazione atriale poiché questa diagnosi richiede una terapia anticoagulante.

È stato eseguito un controllo tra pazienti che assumevano il warfarin, che è appunto un antagonista della vitamina K, con anticoagulanti orali diretti che non inibiscono la vitamina K e sono stati commercializzati per la prima volta nel Regno Unito nel 2008.

I ricercatori non hanno incluso nello studio chiunque avesse subito un intervento di sostituzione del ginocchio o dell'anca prima del 2014, chiunque avesse gravi comorbidità che limiterebbero l'intervento chirurgico, coloro che avevano assunto warfarin o anticoagulanti orali diretti entro un anno dal periodo di studio e chiunque avesse utilizzato entrambi i farmaci nel periodo di studio.

Sono stati identificati i casi come chiunque avesse subito una sostituzione del ginocchio o dell'anca tra il 2014 e il 2018. Ogni caso è stato abbinato a un massimo di quattro controlli per età e sesso. Il warfarin e l'uso diretto di anticoagulanti orali sono stati definiti come aventi una o più prescrizioni dopo l'ingresso nello studio ed entro un anno prima della data iniziale.

I ricercatori hanno valutato il warfarin rispetto agli anticoagulanti orali diretti per il rischio di sostituzione del ginocchio o dell'anca. Lo studio ha incluso 913 pazienti che avevano subito una sostituzione del ginocchio o dell'anca, rispetto a 3.652 controlli di pari età e sesso.
La loro età media era di 74 anni e il 46% erano donne. Dei 913 casi chirurgici, il 64,9% utilizzavano warfarin e il 35,1% assumevano anticoagulanti orali diretti.

Dopo aver corretto i potenziali fattori di confondimento, i ricercatori hanno scoperto che chi assumeva warfarin aveva una probabilità 1,57 volte maggiore di avere una sostituzione del ginocchio o dell'anca rispetto a chi era in terapia con anticoagulanti orali diretti.
Con la durata dell'uso di warfarin rispetto all'uso diretto di anticoagulanti orali è stato anche riscontrato un aumento del rischio di intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio o dell'anca.

I ricercatori hanno dunque sottolineato che i loro dati supportano l'importanza di un adeguato quantitativo di vitamina K nel limitare la progressione dell'OA nei pazienti e sollevato la considerazione dell'uso di anticoagulanti orali diretti al posto del warfarin quando indicato nelle persone con OA o a rischio di malattia.

"Dati questi potenziali effetti negativi del warfarin sulla salute delle articolazioni, il nostro studio suggerisce che gli anticoagulanti orali diretti potrebbero essere considerati per la gestione della fibrillazione atriale tra i pazienti che hanno OA. I prossimi passi per la ricerca del nostro gruppo sono la progettazione e il lancio di uno studio randomizzato adeguatamente potenziato per testare l'efficacia della supplementazione di vitamina K in pazienti con OA ".

Warfarin Use and Risk of Knee and Hip Replacements (ABSTRACT # 0934) ACR Convergence 2020