EULAR ridefinisce i propri obiettivi strategici per il prossimo quinquennio #EULAR2018

Presentati, nel corso della conferenza stampa di apertura dei lavori del congresso EULAR 2018, che quest'anno si tiene ad Amsterdam, gli obiettivi della strategia quinquennale di azione che la società scientifica europea intende perseguire nel prossimo lustro (2018-2023). La strategia presentata questo pomeriggio ad Amsterdam rappresenta la terza annualità di un piano s intrapreso da EULAR per migliorare lo sviluppo di eccellenza della Reumatologia in sei aree di interesse: Formazione, Congresso Annuale, Qualità della Cura, Ricerca, Tutela dei pazienti e Organizzazione interna dell'associazione.

Sono stati presentati, nel corso della conferenza stampa di apertura dei lavori del congresso EULAR 2018, che quest'anno si tiene ad Amsterdam, gli obiettivi della strategia quinquennale di azione che la società scientifica europea intende perseguire nel prossimo lustro (2018-2023).

La strategia presentata questo pomeriggio ad Amsterdam rappresenta la terza annualità di un piano s intrapreso da EULAR per migliorare lo sviluppo di eccellenza della Reumatologia in sei aree di interesse: Formazione, Congresso Annuale, Qualità della Cura, Ricerca, Tutela dei pazienti e Organizzazione interna dell'associazione.

La strategia EULAR 2018-2023 si propone di migliorare ulteriormente gli standard di eccellenza e le attività implementate e condotte da EULAR nel campo della Reumatologia.

Il presidente di EULAR, prof Johannes W. Bijlsma, ha affermato che lo scopo della strategia EULAR per il prossimo quinquennio è quello di colmare il gap ancora esistente tra gli avanzamenti notevoli della ricerca scientifica e la realtà quotidiana della cura dei pazienti affetti da malattie muscolo-scheletriche. L'impatto dei 6 obiettivi strategici che EULAR si propone di perseguire nel prossimo quinquennio potrebbe avere ricadure di vasta portata sul vissuto di questi individui. Molte persone potrebbero di nuovo ritornare al lavoro, la sintomatologia potrebbe essere riconosciuta e trattata tempestivamente grazie ad una maggiore consapevolezza e conoscenza di queste malattie, e la ricerca scientifica dovrebbe contribuire alla migliorata comprensione e al trattamento di queste condizioni. Il futuro fa ben sperare, e la nuova strategia quinquennale ha tutte le carte in regola per trasformare queste speranze in azioni concrete”.

Ecco declinati, di seguito, i sei obiettivi del piano strategico quinquennale EULAR 2018-2023

1) Scuola EULAR di Reumatologia (ESOR): dal 2023, EULAR rappresenterà il soggetto istituzionale leader nella formazione sulle malattie reumatiche e muscolo-scheletriche.
EULAR si propone di mantenere la sua posizione di leader nella formazione nel campo delle malattie reumatiche e muscolo-scheletriche. Tale obiettivo è già stato raggiunto grazie    all'ampia offerta di corsi resa disponibile da EULAR, come pure dai manuali di testo e dalle riviste che pubblica. Una componente chiave di questo approccio consiste nello sviluppo di    una scuola EULAR di Reumatologia, lanciata nel corso dell'edizione 2017 del congresso della società scientifica europea. Ad oggi si contano più di 5.000 individui partecipanti ai corsi online resi disponibili da ESOR, mentre molti altri stanno partecipando alle numerose offerte di formazione e di attività organizzate da EULAR.

2) Congresso EULAR: entro il 2023, EULAR maturerà una expertise nel settore congressuale medico mai vista prima, costruita sulle solide basi del suo congresso annuale.
Il congresso annuale EULAR rappresenta l'evento congressuale principale a livello europeo per la reumatologia e i professionisti della salute che vi gravitano intorno. Nei prossimi 5 anni, parte della strategia prevede che l'appuntamento congressuale annuale diventi più innovativo, sia in termini di presentazione delle informazioni che dell'interattività tra i partecipanti. L'obiettivo strategico del prossimo quinquennio prevede che si passi dal format classico e impersonale delle lectures ad un'esperienza più personale ed interattiva, che preveda anche la facilitazione della partecipazione virtuale e mediante social allo svolgimento dei lavori congressuali in tempo reale.

3) Qualità delle cure: entro il 2023 EULAR svilupperà dei protocolli sulla qualità delle cure per l'armonizzazione della gestione dei pazienti affetti da malattie reumatiche e muscolo-scheletriche.
Ad oggi EULAR ha formulato numerose raccomandazioni relative alla diagnosi e alla gestione dei pazienti affetti da malattie reumatiche differenti. Per quanto riconosciute efficaci, in quanto frutto dell'evidenza scientifica, tali raccomandazioni, tuttavia, non sono state adottate in maniera unanime. L'obiettivo del prossimo quinquennio è di rendere disponibile una sorta di “pacchetto tutto compreso” comprendente non solo le raccomandazioni evidence-based, ma anche consigli e proposte per renderne più semplice l'implementazione nella pratica clinica quotidiana, come pure indicazioni sugli outcome che dovrebbero essere oggetto di misurazione.

4) Ricerca: entro il 2023 EULAR implementerà un centro europeo per la ricerca sulle malattie reumatiche e muscolo-scheletriche, al fine di rendere possibile l'avanzamento di progetti collaborativi di ricerca ad elevato contenuto qualitativo.
Nel quinquennio appena trascorso, EULAR ha creato una fondazione di ricerca: FOREUM, Fondazione di Ricerca in Reumatologia. La mission della fondazione è quella di promuovere la ricerca nelle malattie reumatiche e muscolo-scheletriche, finanziata in modo indipendente.
EULAR continuerà a supportare FOREUM, che è un'organizzazione no-profit situata in Svizzera, anche per il prossimo quinquennio.

Altro obiettivo del prossimo quinquennio in quest'area è quello di utilizzare anche l'iniziativa “RheumaMap” per capire quali siano le linee di ricerca da perseguire nel prossimo futuro. Lanciata a maggio dello scorso anno dal Parlamento Europeo a Bruxelles, RheumaMap è un'iniziativa avente come scopo quello di individuare i gap di conoscenza attuali e fornire una sorta di “roadmap” della ricerca da seguire nel campo della Reumatologia.

Da ultimo, un ennesimo obiettivo da perseguire nel prossimo quinquennio in quest'area è quello di creare un centro di ricerca virtuale per le malattie reumatiche e muscolo-scheletriche, al fine di dare l'opportunità ai ricercatori di lavorare insieme, dovunque vogliano. EULAR è in grado di stimolare la partenza del lavoro preparatorio per rendere possibile la collaborazione tra ricercatori e condividere, in tal modo, le menti più brillanti a focalizzarti sulle aree più intriganti della ricerca reumatologica del momento.

5) Tutela del paziente: Entro il 2023, le attività di EULAR si concentreanno sul  ritorno al lavoro e alla vita attiva delle persone affette da malattie reumatiche e muscolo-scheletriche.
EULAR è stata attiva in quest'ambito sia a livello della UE che a livello nazionale, promuovendo l'attenzione alle malattie reumatiche e muscolo-scheletriche e ponendo queste malattie al centro dell'agenda di discussione pubblica e politica. Nel prossimo quinquennio, l'obiettivo che si vuole perseguire in questo ambito è quello di guardare in modo più specifico alle ripercussioni lavorative di queste malattie, con lo scopo di riportare un maggior numero di queste persone alla vita lavorativa attiva.

6) Governance, infrastrutture e aspetti finanziari. Entro il 2023, EULAR si doterà di strumenti di governance, infrastrutturali e finanziari tali da permettere il raggiungimento degli obiettivi del nuovo piano quinquennale strategico.
EULAR è cresciuta e come tale deve adeguarsi alle maggiori responsabilità e agli obiettivi che intende conseguire.


Nicola Casella