Malattia IgG4-correlata, induzione remissione meno comune con glucocorticoidi in monoterapia

Il mancato raggiungimento della condizione di remissione si verifica in una proporzione significativamente pių elevata di pazienti con malattia IgG4-correlata, in trattamento monoterapico con glucocorticoidi, rispetto a quelli trattati con GC e farmaci immunosuppressori. Lo dimostrano i risultati di uno studio recentemente pubblicato su Arthritis Research and Therapy che sembrano suggerire, pertanto,un vantaggio della terapia di combinazione rispetto alla monoterapia con steroidi.

Il mancato raggiungimento della condizione di remissione si verifica in una proporzione significativamente più elevata di pazienti con malattia IgG4-correlata, in trattamento monoterapico con glucocorticoidi, rispetto a quelli trattati con GC e farmaci immunosuppressori.
Lo dimostrano i risultati di uno studio recentemente pubblicato su Arthritis Research and Therapy che sembrano suggerire, pertanto,un vantaggio della terapia di combinazione rispetto alla monoterapia con steroidi.

Sindrome IgG4-correlata, una condizione clinica nosograficamente giovane
La malattia IgG4-correlata è una condizione clinica descritta per la prima volta solo 10 anni fa, spesso confusa con altre patologie reumatiche come la sindrome di Sjogrens, il lupus eritematoso sistemico e la sarcoidosi. La malattia IgG4-correlata è la prima causa di fibrosi retroperitoneale, nonché responsabile dell’insorgenza di linfadenopatia e fibrosi dolorosa e sfigurante delle ghiandole salivari, lacrimali e delle orbite.

“I pazienti affetti da questa malattia, normalmente, rispondono bene al trattamento iniziale con GC – ricordano i ricercatori nell'introduzione allo studio – con un miglioramento dei segni e dei sintomi e la riduzione dei livelli sierici di IgG4”.

“Anche il ricorso ad una terapia di combinazione basata sull'impiego di GC e di farmaci immunosoppressori – continuano – si è dimostrata efficace nel trattamento della malattia IgG4-correlata, mentre resta ancora oggetto di discussione la necessità di ricorrere a questa strategia terapeutica ab initio”.

Su questi presupposti è stato concepito il nuovo studio, che si è proposto di valutare gli outcome dell'induzione della remissione in pazienti con sindrome IgG-correlata in pazienti sottoposti a trattamento monoterapico o di combinazione a base di GC.

A tal scopo sono stati reclutati 215 pazienti afferenti ad una clinica ospedaliera cinese, che erano stati trattati inizialmente con GC da soli o in combinazione con farmaci immunosoppressori, seguiti per almeno 6 mesi. Di questi pazienti inizialmente reclutati, 77 erano stati inizialmente trattati con GC da soli e 138 con GC in combinazione con farmaci immunosoppressori.

Gli obiettivi terapeutici dell'induzione della remissione erano definiti dal soddisfacimento, dopo un semestre di induzione dell'outcome, di tutti i criteri seguenti: (1) declino ≥ 50% dell'indice di risposta   IgG4-RD; (2) riduzione graduale posologia GC fino alla dose di mantenimento; (3) assenza di recisive nella fase di riduzione graduale del dosaggio di steroidi.
Il mancato soddisfacimento dei goal terapeutici sopra descritti era suggestivo di fallimento dell'induzione della remissione.

Outcome remissione centrato da un numero maggiore di pazienti in terapia di combinazione
Ventisei pazienti dello studio hanno mancato l'obiettivo dell'induzione della remissione con il trattamento assegnato. Di questi, 16 (pari al 20,8%) erano in trattamento monoterapico con GC, e 10 (pari al 7.2%) in terapia di combinazione.

Ghiandole lacrimali e polmoni sono stati i siti nei quali è stato più frequentemente documentato il fallimento dell'induzione della remissione.

Quanto ai pazienti andati incontro a recidiva di malattia nel corso della fase di induzione della remissione, il 52,9% è andato incontro a recidive secondarie nel corso del follow-up.

Fallimento terapeutico predetto con maggiore precisione dalla presenza di più fattori di rischio
Eosinofilia, un indice di risposta iniziale alla malattia più elevate, il coinvolgimento di più di 5 organi e la infiammazione delle ghiandole lacrimali sono risultati essere i fattori di rischio di fallimento dell'induzione della remissione, con un'incidenza di insuccessi terapeutici pari al 71,4% nei pazienti con più di 3 fattori di rischio.

Inoltre, dopo 6 mesi di trattamento, i pazienti che avevano mancato l'obiettivo remissione mostravano livelli più elevati di CRP, VES e IgG4.

Nicola Casella

Bibliografia
Wang L et al. Failure of remission induction by glucocorticoids alone or in combination with immunosuppressive agents in IgG4-related disease: a prospective study of 215 patients. Wang et al. Arthritis Research & Therapy (2018) 20:65
Leggi