La combinazione di rituximab e micofenolato mofetile risulta efficace nel controllare la nefrite lupica nel 90% dei pazienti che soffrono della malattia, eliminando la necessità di corticosteroidi orali. Lo dimostra uno studio appena pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases.

In particolare, il 72% dei 50 pazienti arruolati ha raggiunto la remissione completa dopo una media di 36 settimane e il 18% una remissione parziale persistente per una media di 32 settimane.

I partecipanti sono stati trattati con 1 g di rituximab più 500 mg di metilprednisolone, a distanza di due settimane, seguiti da una terapia di mantenimento giornaliera con micofenolato mofetile da 500 mg a 1,5 g due volte al giorno.

Come spiegato dagli esperti, per la prima volta in 60 anni, questo studio suggerisce che gli steroidi orali possono essere evitati in modo sicuro nel trattamento della nefrite lupica, senza apparente riduzione dell’efficacia o aumento del tasso di ricadute per un periodo di follow up di tre anni.

Circa il 60% dei pazienti con lupus eritematoso sistemico soffre di nefrite, che solitamente viene gestita con dosi elevate di steroidi più ciclofosfamide o micofenolato mofetile, e questo trattamento viene proseguito per anni. Comunque, gli effetti collaterali a lungo termine degli steroidi, come tossicità d’organo, deformità fisiche, stress psicologico e mortalità precoce portano, molto spesso, a una scarsa aderenza alla terapia in molti pazienti, specialmente in quelli giovani.

Per valutare la possibilità di eliminare gli steroidi dalla terapia di questi pazienti, gli esperti dell’ Imperial College di Londra hanno analizzato l’efficacia e la sicurezza di un regime a base di rituximab in pazienti di nuova diagnosi che presentavano la malattia in classe II, IV o V.

La remissione completa era definita da un rapporto proteina/creatinina inferiore ai 300 mg/mmol e da una riduzione di almeno il 50% rispetto al basale, così come un aumento non superiore al 15% di creatinina sierica, rispetto al basale.

Entro 26 settimane, il 32% dei pazienti era in remissione completa e il 30% in remissione parziale, in un anno le percentuali erano salite al 52% e al 34%. Tra i pazienti che avevano ottenuto la remissione completa, gli ultimi livelli medi di creatinina erano pari a 70 mmol/l, mentre tra i pazienti che avevano ottenuto una risposta parziale persistente, i livelli erano di 76 mmol/l.

Il rapporto proteina/creatinina non si è ridotto al di sotto dei 50 mg/mmol dopo un anno in 24 pazienti. Tra questi, il rapporto si è ridotto in 4 e 2 erano in remissione completa, mentre 5 erano passati a un altro trattamento. Tra questo sottogruppo di pazienti, 13 hanno effettuato delle biopsie ripetute e in 8 è stata confermata la remissione istologica. Tra i quattro pazienti con prova istologica di attività di malattia, tre sono stati trattati con una dose aggiuntoiva di rituximab e uno ha modificato anche la dose di micofenolato mofetile.

Durante il follow up di tre anni, 11 pazienti hanno mostrato una ricaduta, dopo circa 65 settimane dalla remissione. Gli esperti hanno trattato sei di questi pazienti con una dose aggiuntiva di rituximab dopo la ricaduta. Tre hanno ottenuto la remissione completa e uno una remissione parziale.

Riacutizzazioni di Lupus, molte delle quali di lieve entità sono state osservate in sei pazienti. In due pazienti le riacutizzazioni sono migliorate dopo un breve ciclo di steroidi orali mentre due soggetti hanno proseguito la terapia con steroidi per il controllo dei sintomi più severi.

Nove pazienti hanno presentato eventi avversi, di questi, cinque erano infezioni.

Anche se questo studio suggerisce la possibilità di eliminare gli steroidi dalla terapia di questi pazienti, i risultati devono essere confermati in altri studi, spiegano gli autori. A questo proposito, uno studio multicentrico randomizzato inizierà a fine 2013 e valuterà l’efficacia e la sicurezza della terapia della nefrite lupica senza steroidi.

Lupus nephritis with rituximab and mycophenolate mofetil but no oral steroids" Ann Rheum Dis 2013; 72:1280-1286. 

Houssiau F, Isenberg D "Towards treating lupus nephritis without oral steroids: a dream-come-true?" Ann Rheum Dis 2013; 72:1271-1272.