L’ Infectious Diseases Society of America (IDSA) ha  recentemente pubblicato su Clinical Infectious Diseases le prime linee guida per la diagnosi e la cura di pazienti con infezione alle protesi articolari (PJI).

Gli estensori di queste Linee Guida, chirurghi ortopedici, internisti e medici di malattie infettive, hanno fornito con questo strumento alcune indicazioni che potrebbero contribuire a ridurre la morbilità, la mortalità e i costi associati alla PJI.
Ogni anno un milione di pazienti è sottoposto ad intervento di artroplastica all’anca o al ginocchio, ma l’1-2% di essi (quasi 20.000 pazienti) può andare incontro ad infezione nella nuova articolazione durante l’intervento oppure a mesi o ad anni di distanza dall’esecuzione della procedura chirurgica.

Le nuove linee guida pubblicate dall’IDSA suggeriscono innanzitutto l’opportunità che diversi specialisti lavorino insieme per trattare al meglio i pazienti, in base alle loro caratteristiche specifiche.

“Tali team multidisciplinari dovrebbero comprendere un ortopedico e uno specialista in malattie infettive, come pure altri specialisti in base alle specifiche necessità dei singoli pazienti. Ad esempio, se il paziente è anziano ed è affetto da malattia coronarica, dovrebbe essere coinvolto anche uno specialista in Medicina Intera, mentre in caso di ferita chirurgica difficile da rimarginare, bisognerebbe consultare un chirurgo plastico – sostiene il dr. Osmon, professore associato di Medicina della Divisione di Malattie Infettive presso la Mayo Clinic, negli USA, uno degli estensori di queste Linee Guida.  – Nelle aree rurali sprovviste di specialisti, invece, i medici dovrebbero prendere in considerazione la necessità di rivolgersi a specialisti in Malattie Infettive o in Ortopedia presso i centri di riferimento della zona”.
“Le linee guida – continua il dr. Osmon, descrivono i metodi migliori per la diagnosi delle infezioni a carico delle protesi articolari. Tali infezioni potrebbero essere difficili da diagnosticare e non sono tutte chiare. Inoltre, alcuni problemi legati alla sostituzione articolare, quali l’allentamento delle protesi e il dolore – potrebbero essere causati da infezione o da problemi nel materiale protesico.

Tra le raccomandazioni di queste Linee Guida, eccone alcune degne di menzione:
• I medici dovrebbero sospettare l’esistenza di un’infezione delle protesi articolari in un paziente che presenta almeno una delle seguenti condizioni: persistente drenaggio della ferita durante la sostituzione protesica; protesi dolorosa subito o dopo impianto, soprattutto in caso di anamnesi negativa per episodi dolorosi negli anni precedenti l’intervento e di anamnesi positiva per problemi pregressi di cicatrizzazione delle ferite o di infezioni.
• Nei pazienti con infezione a carico delle protesi articolari
o Quelli con protesi ben fissata, senza una ferita aperta, andati incontro a chirurgia da non meno di 30 giorni, sono probabilmente candidati a riapertura dell’incisione e pulizia della ferita.
o Quelli con infezione più estesa (osso e tessuto) potrebbero aver bisogno di sostituzione articolare
o I pazienti che non possono camminare o hanno una riserva ossea limitata, affetti da infezioni sostenute da organismi altamente resistenti, potrebbero aver bisogno di rimozione permanente dell ‘impianto
o Potrebbe essere necessario il ricorso all’amputazione dell’arto, come extrema ratio. Prima dell’amputazione, sarebbe opportuno che il paziente venisse trasferito in un centro con uno specialista in infezioni delle protesi articolari, se le condizioni di salute del paziente lo consentono.
• E’ sempre necessario trattare le infezioni delle protesi articolari con un trattamento antibiotico endovena o in formulazione orale ad elevata biodisponibilità per un periodo compreso tra 4 e 6 settimane.

Il panel di esperti responsabile della pubblicazione di queste Linee Guida è costituito da 9 membri europei ed americani di chiara fama nel campo dell’Ortopedia e delle Malattie Infettive.
Oltre al dr. Osmon, il panel comprende il dr. Berbari, il dr. Berendt, il dr. Lew, il dr. Zimmerli, il dr. Steckelberg, il dr. Rao, il dr. Hamsenn e il dr. Wilson.

Osmon DR, Berbari EF,Berendt AR, et al. Diagnosis and Management of Prosthetic Joint Infection: Clinical Practice Guidelines by the Infectious Diseases Society of America. Clinical Infectious Diseases 2013;56(1):e1–25
leggi