Obesità infantile e rischio di gonartrosi in età adulta: esiste un legame?

Una review di letteratura, di recente pubblicazione su Arthritis Research & Therapy, suggerisce come alcuni fattori legati all'età pediatrica (quali la condizione di sovrappeso, una storia di traumi, il malallineamento rotuleo) potrebbero giocare un ruolo significativo nello sviluppo della gonartrosi in età adulta. La review ha peraltro documentato come una moderata attività fisica possa proteggere i più giovani dal rischio di andare incontro a problemi del ginocchio in età avanzata.

Una review di letteratura, di recente pubblicazione su Arthritis Research & Therapy (1), suggerisce come alcuni fattori legati all'età pediatrica (quali la condizione di sovrappeso, una storia di traumi, il malallineamento rotuleo) potrebbero giocare un ruolo significativo nello sviluppo della gonartrosi in età adulta.

La review ha peraltro documentato come una moderata attività fisica possa proteggere i più giovani dal rischio di andare incontro a problemi del ginocchio in età avanzata.

La gonartrosi rappresenta la forma di osteoartrosi (OA) di più frequente riscontro e, allo stato attuale, non esistono farmaci in grado di modificare il decorso di queste affezione.

Di qui la necessità di studiare approcci innovativi e caratterizzati da un buon profilo costo-efficacia che siano in grado di prevenite, o quanto meno rallentare, la progressione gonartrosica.

Uno degli approcci utilizzati consiste nell'identificare e intervenire sui fattori di rischio insorgenti in età precoce.

“I principali fattori di rischio noti associati con la gonartrosi sono l'età, l'appartenenza al sesso femminile, fattori genetici, un incremento del BMI e una storia di traumi – ricordano gli autori della review. - Inoltre, alcuni fattori legati allo stile di vita , come l'attività fisica e l'allenamento sono stati associati anche'essi con la gonartrosi, per quanto l'evidenza di ciò sia piuttosto inconsistente”.

Uno status sociale non elevato e la presenza di altre comorbilità (malattie CV) sono stati considerati come fattori di rischio.

Considerando l'aspetto meccanico della gonartrosi (squilibri nel movimento e nella trasmissione della forza fisica attraverso l'articolazione, alcuni fattori di rischio dell'età pediatrica come l'obesità e il malallineamento rotuleo potrebbero essere di grande importanze nello sviluppo di questa affezione.

“Tuttavia – argomentano gli autori – è difficile identificare i fattori di rischio nei primi anni di vita che hanno un'influenza duratura sullo sviluppo di OA in ragione della difficoltà di condurre follow-up a lungo termine che coprano un periodo compreso dall'infanzia all'età adulta.

Pochi studi, pertanto, hanno documentato l'esistenza di fattori di rischio in età pediatrica per lo sviluppo successivo di OA.

Obiettivo della review, pertanto, è stato quello di descrivere l'associazione tra i fattori di rischio dell'infanzia o della prima età adulta e il dolore al ginocchio, i marker di imaging strutturale e lo sviluppo di gonartrosi in età avanzata.

A tal scopo, i ricercatori hanno effettuato una ricerca sistematica della letteratura sui principali database bibliografici biomedici, al fine di individuare review narrative sull'argomento.

Il risultato della ricerca ha portato i ricercatori a notare che buona parte degli studi individuati concernevano soggetti di età inferiore ai 30 anni.
Alcuni studi identificati avevano legato l'obesità al dolore al ginocchio: ad esempio una recente review della letteratura ha suggerito l'esistenza di un'evidenza moderata a favore dell'associazione tra la condizione di sovrappeso durante l'infanzia e il dolore muscolo-scheletrico  (RR= 1,26; IC95%= 1,09-1,97) (2).

L'effetto dell'obesità in età precoce sull'articolazione del ginocchi può persistere fino all'età adulta: uno studio su una coorte di individui britannici nati nel 1958 ha documentato un rischio più elevato di dolore al ginocchio a 45 anni negli individui obesi a 7, 11, 16, 23 e 33 anni) rispetto agli individui sottopeso (3).

Un altro studio, che si è avvalso dei dati dell'Australian Schools Health and Fitness Survey del  1985, ha dimostrato che le misure di sovrappeso durante l'infanzia correlano in modo significativo con il dolore articolare meccanico del ginocchio, la rigidità articolare e la disabilità fisica in soggetti di sesso maschile di età compresa tra 31 e 41 anni, indipendentemente dalle misure di sovrappeso in età adulta (4).  

Questi ed altri risultati “suffragano l'osservazione che fattori sistemici e meccanici sottostanno al legame esistente tra l'OA e il peso corporeo e suggeriscono che le influenze ambientali potrebbero essere importanti – scrivono gli autori della review”.

Le articolazioni sulle quali si regge il peso corporeo, la combinazione di aumento del carico e di variazioni della biomeccanica articolare potrebbero spiegare l'associazione esistente tra obesità e OA.

NC

Bibliografia
1) Antony B et al. Do early life factors affect the development of knee osteoarthritis in later life: a narrative review. Arthritis Research & Therapy (2016) 18:202
Leggi
2) Paulis WD et al. Overweight and obesity are associated with musculoskeletal complaints as early as childhood: a systematic review. Obes Rev. 2014;15(1):52–67.
Leggi
3) Macfarlane GJ et al. The relationship between body mass index across the life course and knee pain in adulthood: results from the 1958 birth cohort study. Rheumatology (Oxford). 2011;50(12):2251–6.
Leggi
4) Antony B et al. Association between childhood overweight measures and adulthood knee pain, stiffness and dysfunction: a 25-year cohort study. Ann Rheum Dis. 2015;74(4):711–7.
Leggi