Rischio cardio-vascolare aumentato nei pazienti con spondilite anchilosante, a cosa č dovuto?

Ortopedia e Reumatologia

L'aumento del rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti con spondilite anchilosante č spiegato sia dai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare che dal sottostante processo infiammatorio cronico. Tuttavia, questa doppia eziologia non č adeguatamente affrontata nella pratica clinica, secondo quanto mostrato dai dati di uno studio presentato all'EULAR2020.

L'aumento del rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti con spondilite anchilosante è spiegato sia dai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare che dal sottostante processo infiammatorio cronico. Tuttavia, questa doppia eziologia non è adeguatamente affrontata nella pratica clinica, secondo quanto mostrato dai dati di uno studio presentato all’EULAR2020.

“L'aumento del rischio ha una doppia eziologia. Da un lato c'è un rischio aumentato di circa il 50% per la malattia aterosclerotica, d'altra parte, è dovuto alle cosiddette manifestazioni cardiovascolari specifiche della spondilite anchilosante ", ha dichiarato Mike Nurmohamed, professore presso il Reade & VU University Medical Center di Amsterdam. "La gestione del rischio cardiovascolare è tutt'altro che ottimale."

Un precedente studio basato sulla popolazione in Canada che includeva oltre 21.000 persone con spondilite anchilosante ha scoperto che le malattie vascolari sono la principale causa di morte, soprattutto a causa dell'aterosclerosi.

Poiché l'aterosclerosi è ora nota come malattia infiammatoria, il processo infiammatorio cronico nella spondilite anchilosante rende questi pazienti più sensibili all'aterosclerosi accelerata. Inoltre, la spondilite anchilosante dovrebbe essere considerata un nuovo fattore di rischio cardiovascolare indipendente per il quale è necessaria la gestione del rischio cardiovascolare. Una review del dr. Nurmohamed, pubblicata su Expert Opinion on Biological Therapy lo scorso dicembre, ha riscontrato una riduzione dell'aterosclerosi subclinica in pazienti con spondilite anchilosante trattati con farmaci anti-TNF.

Nel frattempo, i dati dello studio CARDAS, che il dott. Nurmohamed ha presentato alla riunione annuale dell'American College of Rheumatology l'anno scorso, hanno suggerito nei pazienti olandesi una maggiore prevalenza di disfunzione diastolica, rigurgito della valvola aortica, rigurgito della valvola mitrale e ipertensione con spondilite anchilosante rispetto alla popolazione generale.

Tuttavia, i disturbi della conduzione si sono verificati molto meno frequentemente di quanto si pensasse in precedenza, suggerendo che non sono necessari elettrocardiogrammi di routine nei pazienti con spondilite anchilosante. La disfunzione diastolica e l'insufficienza della valvola mitrale non erano più frequenti nei pazienti con spondilite anchilosante. E’ stato evidenziato un triplo rischio di insufficienza aortica in questi pazienti, suggerendo che l'ecocardiografia dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti anziani con spondilite anchilosante.

Per valutare la gestione del rischio di malattie cardiovascolari nella pratica clinica quotidiana, 254 pazienti con spondilite anchilosante sono stati confrontati con la popolazione generale nei Paesi Bassi. La prevalenza di ipertensione e fumo era più elevata nei soggetti con spondilite anchilosante, ma è stato raggiunto solo il 24% degli obiettivi terapeutici per ipertensione e/o ipercolesterolemia. Lo studio ha concluso che la gestione del rischio cardiovascolare è tutt'altro che ottimale.

"Un punto importante della raccomandazione EULAR è che il reumatologo è responsabile della gestione del rischio di malattie cardiovascolari nella spondilite anchilosante", ha affermato Nurmohamed.

In base alle linee guida EULAR, è richiesta una valutazione del rischio cardiovascolare ogni cinque anni, devono essere fornite raccomandazioni sullo stile di vita e la gestione del rischio di malattie cardiovascolari deve essere effettuata secondo le linee guida nazionali.

Agenti antinfiammatori e/o statine devono essere usati nei pazienti con spondilite anchilosante come nella popolazione generale. Il trattamento con antinfiammatori e statine deve essere iniziato solo dopo che è stato calcolato il rischio decennale di un paziente di malattie cardiovascolari, come nel caso del punteggio di rischio di Framingham, superiore al 10%, nella maggior parte dei casi.

Il dott. Nurmohamed ha suggerito che ulteriori ricerche dovrebbero esaminare gli effetti cardiaci delle terapie antireumatiche e che sono necessari studi di imaging per esaminare l'effetto sulla parete vascolare derivante dalla riduzione dei farmaci. Infine, sono necessarie strategie per ottimizzare l'implementazione del rischio cardiovascolare nella pratica clinica quotidiana.

Nurmohamed M. Ankylosing spondylitis: the dual etiology of its increased cardiovascular risk. EULAR2020