I pazienti con vasculiti sistemiche associate ad artrite reumatoide rispondono bene alla terapia con rituximab. Nello studio, pubblicato su Arthritis Care & Research, la remissione completa è stata ottenuta da circa tre quarti dei pazienti trattati con rituximab, con una riduzione significativa della dose di prednisone e un accettabile profilo di tossicità.

Come spiegato dagli esperti, una parte dei pazienti con artrite reumatoide sieropositiva e di lunga durata soffre di vasculiti. Siccome rituximab porta alla remissione  delle vasculiti associate agli anticorpi ANCA, gli esperti hanno ipotizzato che il farmaco potesse essere efficace anche nelle vasculiti reumatiche sistemiche.
Nello studio gli esperti hanno identificato dall'Autoimmuny and Rituximab registry 1.994 pazienti con artrite reumatoide  trattati con rituximab, inclusi 17 soggetti con vasculiti reumatiche sistemiche.

Al basale, il punteggio medio ottenuto con una scala di valutazione dell'attività delle vasculiti era 9,6 e il dosaggio medio di prednisone era 19,2 mg/die. Dopo la terapia con rituximab tali valori si sono ridotti a 0,6 e 9,7 mg/die, rispettivamente.

Dopo 6 mesi di terapia con rituximab il 71% dei pazienti ha ottenuto la remissione completa delle vasculiti, 4 hanno ottenuto una risposta parziale e uno è deceduto. A 12 mesi, l'82% dei pazienti aveva ottenuto la remissione completa della patologia.

Si sono verificati tre casi di infezioni severe: un paziente è deceduto per sepsi, uno ha sviluppato un ascesso sottocutaneo con cellulite e uno ha presentato una ricaduta di infezione post chirurgica in una protesi del gomito.

Nessuno dei 6 pazienti che avevano ricevuto un trattamento successivo con rituximab ha presentato una ricaduta. Tre pazienti che avevano ricevuto solo metotressato o nessuna terapia di mantenimento hanno presentato una ricaduta di vasculite. La remissione è stata ottenuta in due di questi casi dopo una terapia successiva con rituximab.

Dopo l'ultimo follow up, 16 pazienti sono ancora in vita  e 15 erano in completa remissione.

Le vasculiti ANCA-associate ( anticorpo antineutrofilo citoplasmatico ), comprendenti la granulomatosi di Wegener, la sindrome di Churg-Strauss e la poliangioite microscopica, possono avere un decorso anche fatale.  Le manifestazioni cutanee, tra cui la vasculite dei piccoli vasi, sono comuni.

X. Puéchal et al., Rituximab therapy for systemic vasculitis associated with rheumatoid arthritis. Results from the autoimmunity and rituximab registry, Arthritis Care & Research, DOI: 10.1002/acr.20689
leggi