Spondilite anchilosante, come varia il rischio di uveite con i farmaci anti-TNF?

Uno studio svedese pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases ha dimostrato che il rischio di uveite cambia a seconda del farmaco anti-TNF utilizzato nei pazienti trattati per spondilite anchilosante (AS): in particolare, sembra che il trattamento con adalimumab e infliximab si associ ad un miglior profilo di safety.

Uno studio svedese pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases ha dimostrato che il rischio di uveite cambia a seconda del farmaco anti-TNF utilizzato nei pazienti trattati per spondilite anchilosante (AS): in particolare, sembra che il trattamento con adalimumab e infliximab si associ ad un miglior profilo di safety.

Come è noto, l'uveite anteriore rappresenta al manifestazione extra-articolare di più frequente riscontro nei pazienti con AS (un paziente su 4 con AS va incontro ad uveite, stando ad alcune recenti statistiche).

I farmaci anti-TNF, utilizzati con successo nella AS, sembrano essere anche efficaci nel ridurre il tasso di incidenza di uveite anteriore nei pazienti con AS.

Obiettivo di questo studio è stato quello di mettere a confronto l'effetto di adalimumab, etanercept e infliximab sullo sviluppo di uveite anteriore nell'AS, utilizzando dati provenienti dalla pratica clinica reale (registro pazienti).

A tal scopo, i ricercatori hanno identificato pazienti con AS provenienti dallo “the Swedish Rheumatology Quality Register”. Gli eventi di uveite anteriore sono stati estrapolati mediante linkage a quel registro, basati su visite mediche presso specialisti in Oftalmologia.

Lo studio ha incluso 1.365 pazienti che avevano iniziato un trattamento per l'AS con adalimumab (n=406), etanercept (n=354) o infliximab (n=605) come farmaco anti-TNF di prima scelta nel periodo compreso tra il 2003 e il 2010.

Una percentuale di pazienti compresa tra il 23 e il 28% risultava affetta da uveite anteriore fino a 6 anni prima dall'inizio del trattamento con uno dei farmaci anti-TNF sopra menzionati.

Considerando i tassi di uveite post-trattamento, è emerso che la proporzione di pazienti con uveite anteriore era più bassa nei pazienti trattati con adalimumab (7,6%) e più elevata in quelli trattati con etanercept (22,9%). Il pattern era simile per i primi 2 anni di trattamento e per i dati complessivi osservati.

Il numero di eventi di uveite anteriore registrati nel corso dei 2 anni precedenti l'avvio del trattamento con farmaci anti-TNF è risultato sovrapponibile, rispettivamente, nei gruppi trattati con adalimumab (n= 36,8 per 100 pazienti/anno) e infliximab (n=45,5 per 100 pazienti/anno).

Il tasso di eventi di uveite nel corso dei primi 2 anni di trattamento differiva, invece, in modo considerevole a seconda del farmaco anti-TNF considerato: in particolare, i tassi minori sono stati documentati nel gruppo trattato con adalimumab (n=13,6 per 100 pazienti/anno) mentre quelli maggiori nel gruppo trattato con etanercept (n=60,3 per 100 pazienti/anno).

Dalle analisi corrette per fattori confondenti è emerso che, nei pazienti liberi da uveite nei 2 anni precedenti l'inizio del trattamento con il farmaco anti-TNF prescritto, etanercept era associato ad un rischio maggiore di insorgenza di uveite rispetto ad adalimumab (HR=3,86; IC95%= 1,85-8,06) e ad infliximab (HR=1,99; IC95%=1,23-3,22), mentre non sono state documentate differenze significative tra adalimumab e infliximab.

In conclusione, i risultati dello studio suggeriscono l'esistenza di differenze di efficacia sul rischio di uveite anteriore nei pazienti con AS trattati con adalimumab, etanercept e infliximab, con un vantaggio chiaro di adalimumab e infliximab rispetto ad etanercept.
Nello specifico, lo studio ha dimostrato un incremento del rischio di uveite anteriore pari a 4 volte nei pazienti con AS allocati a trattamento con etanercept (come farmaco anti-TNF di prima scelta) rispetto ad adalimumab, e pari a 2 volte nei pazienti allocati a trattamento con etanercept rispetto ad infliximab.

NC

Bibliografia
Lie E, et al "Tumour necrosis factor inhibitor treatment and occurrence of anterior uveitis in ankylosing spondylitis: results from the Swedish biologics register" Ann Rheum Dis 2017; DOI 10.1136/annrheumdis-2016-210931
Leggi