Pneumologia

VIDEO

Cosa sono gli studi pragmatici? L' esempio del Salford Lung Study


Il vissuto dell'asma riferito dal paziente, tra realtà e percezione


Fibrosi cistica nell'adulto: situazione italiana


Fibrosi polmonare idiopatica: i progressi nella terapia


Tubercolosi multi resistente: novità nella terapia


Bpco: perchè la doppia broncodilatazione si usa meno in Italia


Trapianto di polmone: quando si fa, quali tipologie, prognosi


Infezioni respiratorie da micobatteri non tubercolari: il registro italiano IRENE


Raccomandazioni italiane sulla terapia della BPCO, oggi cosa è cambiato?


Fibrosi cistica, i passi avanti della terapia


Asma severo: eosinofili e IL-5, focus su benralizumab


Asma: fluticasone/vilanterolo efficace anche nella vita reale. Lo conferma il Salford Lung Study


Bpco: ruolo del medico di famiglia e dello specialista


Asma allergico grave, nuovi dati di vita reale dello studio Proxima


Asma allergico grave: che cos'è e qual è l'impatto sulla qualità di vita


Fibrosi polmonare idiopatica: situazione italiana e nuovi farmaci


Asma severo: ruolo di eosinofili e IL-5


Infezioni polmonari da micobatteri non tubercolari: novità da ERS 2017


Bpco, broncodilatatori o cortisonici per via inalatoria?


Asma, cosa fare quando i farmaci tradizionali non bastano e i biologici sono prematuri?


Asma grave, nuove possibilità di cura con reslizumab


Asma grave: cos'è, sintomi, eziopatogenesi e come identificare il paziente


ARTICOLI

Supplementazione vitamina D potenzialmente utile nella prevenzione degli attacchi d'asma

La supplementazione con vitamina D, aggiunta alla terapia farmacologica standard, potrebbe coadiuvare la riduzione del numero di attacchi severi d'asma nei pazienti affetti da forme della patologia di grado moderato-severo.

BPCO, attività fisica può ridurre ansia e depressione

Nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) fare più attività fisica può ridurre il rischio di ansia o depressione.

Asma prescolare, individuati fattori di insuccesso alla terapia standard

Uno studio pubblicato su Lancet Respiratory Medicine conferma che sono le infezioni respiratorie virali (es: raffreddori), e non l'età, a spiegare il tasso elevato di ospedalizzazione per attacchi asmatici nei bambini in età prescolare.