Pneumologia

VIDEO

Ipertensione polmonare nelle cardiopatie congenite: cosa c'è da sapere?


Ipertensione polmonare e patologie del connettivo: caratteristiche e trattamento


Ipertensione polmonare: perchè è meglio iniziare il trattamento con una terapia aggressiva?


Ipertensione polmonare: cosa fare nei pazienti più gravi che non rispondono alla duplice terapia?


Ipertensione polmonare: nuovi farmaci, nuove strategie terapeutiche, nuovi target


Ipertensione polmonare: la rete IPHNET e i temi ancora aperti sulla malattia


Cosa sono gli studi pragmatici? L' esempio del Salford Lung Study


Il vissuto dell'asma riferito dal paziente, tra realtà e percezione


Fibrosi cistica nell'adulto: situazione italiana


Fibrosi polmonare idiopatica: i progressi nella terapia


Tubercolosi multi resistente: novità nella terapia


Bpco: perchè la doppia broncodilatazione si usa meno in Italia


Trapianto di polmone: quando si fa, quali tipologie, prognosi


Infezioni respiratorie da micobatteri non tubercolari: il registro italiano IRENE


Raccomandazioni italiane sulla terapia della BPCO, oggi cosa è cambiato?


Fibrosi cistica, i passi avanti della terapia


Asma severo: eosinofili e IL-5, focus su benralizumab


Asma: fluticasone/vilanterolo efficace anche nella vita reale. Lo conferma il Salford Lung Study


Bpco: ruolo del medico di famiglia e dello specialista


Asma allergico grave, nuovi dati di vita reale dello studio Proxima


Asma allergico grave: che cos'è e qual è l'impatto sulla qualità di vita


Fibrosi polmonare idiopatica: situazione italiana e nuovi farmaci


ARTICOLI

Asma eosinofila severa, parere UE favorevole per mepolizumab

Il Chmp dell'Ema oggi ha dato parere favorevole all'approvazione dell'anticorpo monoclonale mepolizumab per il suo impiego nei pazienti asmatici con livelli elevati di eosinofili, che non rispondono alle terapie tradizionali.

Bpco, betabloccanti potrebbero ridurre le riacutizzazioni

L'assunzione di betabloccanti sembra essere associata a una riduzione del rischio di riacutizzazioni nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco). A suggerirlo è uno studio prospettico pubblicato di recente sulla rivista Thorax.