Pneumologia

VIDEO

Disturbi respiratori del sonno: epidemiologia, rilevanza clinica e approcci terapeutici


Asma grave: cosa è, come insorge e come può essere contrastata


Che cos’è l’asma da temporale?


Terapie molecolari in oncologia polmonare


Diagnosi e caratterizzazione molecolare dei tumori polmonari


Le apnee notturne del sonno, diagnosi e individuazione pazienti a rischio


Il trapianto polmonare in Italia, i fattori di criticità e i margini di miglioramento


Le attività della sezione giovanile AIPO nel corso di questa edizione: Forum sulla ricerca clinica


Fibrosi polmonare idiopatica e malattie polmonari fibrosanti: le novità su diagnosi e trattamento discusse all’AIPO


Fibrosi polmonare idiopatica, quali sono i nuovi farmaci in studio?


Attività di partnership dell’industria farmaceutica in Pneumologia


Tubercolosi mdr (multidrug resistant): definizione, epidemiologia e novità della terapia


La pneumologia interventistica: definizione, vantaggi, ed esempi di applicazione


Come diagnosticare e trattare in modo adeguato il paziente con asma grave?


Il coinvolgimento polmonare nella sclerosi sistemica


Come agevolare il dialogo e la presa in carico tra il medico di Medicina Generale e lo specialista Pneumologo? Il ruolo del modello organizzativo e della tecnologia


Le novità terapeutiche in oncologia polmonare


La presa in carico del paziente con Bpco: ruolo del medico di Medicina Generale


Deficit di alfa-1-antitripsina: oggi la terapia può essere somministrata anche a domicilio dei malati


Noduli polmonari: come stabilire la natura maligna o benigna con la diagnostica broncoscopica


Asma negli adolescenti, quali sono le complessità?


Che cos'è la riabilitazione polmonare e quali risultati permette di ottenere


ARTICOLI

TBC-HIV, citochine predicono recidive TBC in pazienti sottoposti ad ART

I risultati di uno studio sud-africano, pubblicati su Clinical Infectious Diseases, hanno dimostrato che è possibile predire le recidive di TBC in pazienti HIV+ in terapia antiretrovirale (ART) grazie ad alcune citochine, marker biologici noti di inf[...]

Asma, risposta ad omalizumab sembra variare a seconda del fenotipo

Il beneficio derivante dall'impiego di omalizumab è maggiore nei pazienti con asma allergico ad insorgenza precoce o in quelli con asma severo accompagnato da frequenti esacerbazioni di malattia rispetto a quelli con diverso fenotipo asmatico. Queste[...]

Le bronchiettasie e il loro legame con le micobatteriosi polmonari non tubercolari. Intervista al prof. Stefano Aliberti

In occasione della 2a World Bronchiectasis Conference che si è conclusa da poco a Milano (6-8 luglio) abbiamo intervistato Stefano Aliberti, Professore Associato di Malattie dell'apparato respiratorio all' Università degli Studi di Milano e Pneumolog[...]

Asma infantile e indice di massa ventricolare elevato in età adulta: quale legame?

I risultati di uno studio osservazionale prospettico, the Bogalusa Heart Study, sembrano suggerire l'esistenza di un'associazione tra il riscontro di asma in età infantile e un piccolo, ma pur sempre significativo, incremento delle indice di massa ve[...]

Asma, aggiunta azitromicina efficace su esacerbazioni e qualità della vita

Il trattamento con azitromicina per 48 settimane, effettuato in pazienti adulti affetti da asma persistente, comporta il riscontro di un minor numero di esacerbazioni di malattia e, in aggiunta, di un miglioramento delle qualità della vita. Sono ques[...]

BPCO, esacerbazioni frequenti malattia solo nel 2% dei pazienti

I risultati di uno studio osservazionale di recente pubblicazione su Lancet Respiratory Medicine sembrano suggerire che, nella maggior parte dei pazienti affetti da BPCO, le esacerbazioni frequenti di malattia (>2 episodi/anno) rappresentano un event[...]

Fibrosi polmonare idiopatica, un blog per dare voce ai pazienti

Prende il via la seconda fase di Voci sott'acqua, il progetto su scala nazionale realizzato da Reverb con il contributo non condizionato di Boehringer Ingelheim e che ha la finalità di sensibilizzare sulla Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF).

Poliposi nasale, al via studio di Fase III con mepolizumab

GSK ha reso noto di aver avviato uno studio di fase 3 che valuterà mepolizumab in pazienti con poliposi nasale grave, una malattia infiammatoria cronica che può causare sintomi come il dolore al viso, problemi di respirazione e perdita di olfatto.

Il pediatria come facilitatore di “smoking cessation”

FIMP, SIMRI E AIPO insieme per migliorare la preparazione dei medici che devono convincere giovani e genitori a smettere per sempre con le sigarette. In Italia un bimbo su 5 cresce in una casa in cui gli adulti fumano regolarmente e il 12% degli adol[...]

Apnea sonno, la sua presenza innalza il rischio di ipertensione e diabete

L'apnea ostruttiva da sonno di entità lieve moderata è associata ad un innalzamento del rischio di insorgenza di ipertensione e diabete. Questo il responso proveniente da due studi presentati nel corso dell'edizione annuale del congresso delle Associ[...]

Polmonite da S. aureus, nuove speranze da anticorpo monoclonale

Stando ai risultati preliminari di uno studio di Fase II presentato a New Orleans, negli USA, nel corso dell'edizione annuale del congresso dell'American Society of Microbiology, le malattie infettive protrebbero presto diventare il nuovo target tera[...]

Bronchiectasie e mortalità, una relazione pericolosa

I pazienti con bronchiectasie con un numero di esacerbazioni annuali di malattia pari o superiori a 3 vedono raddoppiare il rischio di riduzione della sopravvivenza a 5 anni rispetto a quelli non soggetti ad esacerbazioni. Queste le conclusioni di un[...]

Apnee ostruttive del sonno non trattate legate a ridotta capacità di esercizio. Congresso SLEEP

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS) non trattata sembra indipendentemente associata a ridotta capacità di esercizio. Lo affermano i dati di uno studio presentato a SLEEP 2016, la 31a riunione annuale dell'Associates Professional Sleep[...]

Fibrosi cistica, nuove conferme per combinazione lumacaftor-ivacaftor in età pediatrica

Sono stati presentati nel corso della conferenza annuale della European Cystic Fibrosis Society e contemporaneamente pubblicati su Lancet Respiratory Medicine i risultati dello studio sull'impiego della combinazione farmacologica lumacaftor-ivacaftor[...]

TBC, in una proteina il fattore responsabile della mancata efficacia ai trattamenti disponibili?

Stando ai risultati di uno studio pubblicato su Nature, sarebbe una singola proteina a permettere ai micobatteri di generare sottopopolazioni differenti in grado di resistere ai farmaci anti-TBC disponibili. Se confermati, questi risultati suggerisco[...]

Congresso AIPO, la Federazione delle associazioni pazienti FIMARP fa i primi passi

Nell'ottica di una medicina sempre più centrata sul paziente, il CONGRESSO NAZIONALE DELLA PNEUMOLOGIA ITALIANA – XLIV AIPO- dal titolo "_Progresso e Innovazione Tecnologica in Pneumologia" _ha ospitato la neonata FIMARP, la federazione delle associa[...]

Asma, nuovo strumento misurazione esacerbazioni potrebbe accelerare sviluppo nuovi farmaci

Pubblicato su Lancet Respiratory Medicine uno studio che riferisce di una nuova tecnica per identificare precocemente i pazienti a rischio di ingravescenza di asma. La nuova tecnica in questione, nota con la sigla CompEx, sarà in grado di ridurre dim[...]

Asma infantile, vitamina D in gravidanza potrebbe prevenirne insorgenza nel nascituro

Un nuovo studio recentemente pubblicato su the Journal of Allergy and Clinical Immunology ha scoperto che la supplementazione di vitamina D in gravidanza potrebbe essere in grado di modificare in modo favorevole il sistema immunitario in formazione d[...]

TBC resistente, fluorochinoloni ultima generazione riducono mortalità meglio di quelli più datati

I fluorochinoloni di ultima generazione sono in grado di ridurre in modo significativo la mortalità nei pazienti con TBC resistente ai farmaci rispetto a quelli con “anzianità di servizio” maggiore. Queste le conclusioni di uno studio pubblicato su C[...]

Respiro sibilante nel neonato, attenzione alle infezioni respiratorie virali

Le infezioni respiratorie acute virali (ARI) potrebbero portare a stress ossidativo alcuni neonati, una condizione che gioca un ruolo rilevante nello sviluppo di episodi frequenti di respiro sibilante nella prima infanzia. Questo l'allarme sollevato [...]