Pneumologia

VIDEO

Fibrosi polmonare Idiopatica: come si cura all'Ospedale San Gerardo di Monza


Fibrosi Polmonare Idiopatica: come si cura al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania


Infezioni da germi multiresistenti, le misure da prendere e le armi terapeutiche da utilizzare


Fibrosi polmonare: come si diagnostica all'Ospedale Monaldi di Napoli


Patologie respiratorie, impatto del fumo di sigaretta e delle sigarette elettroniche


Quali sono le principali patologie respiratorie? Focus su asma e BPCO 


Riacutizzazioni della BPCO, prevenzione e gestione


Tumore al polmone, evoluzione nella diagnosi e nel trattamento


Terzo corso master sugli Hot topics in Patologia Respiratoria, novità dalla terza edizione


Comorbidità nella BPCO, quali sono e come gestirle


Malattie pleuriche, utilità della toracoscopia medica


Interstiziopatie, importanza di unire l'aspetto anatomo-patologico con quello radiologico


Asma e BPCO week: obiettivi e novità della campagna informativa


Il paradosso dell'asma: over-use dei broncodilatatori a breve durata d'azione


BPCO: Importanza diagnosi precoce e aderenza terapia


Asma grave, omalizumab efficace anche in pazienti polisensibilizzati. Studio PROXIMA


Terapia della broncopneumopatia cronico ostruttiva: efficacia della doppia broncodilatazione


Orticaria cronica spontanea: cosa è e come si cura


Cosa sono medicina di precisione e terapia personalizzata nelle malattie polmonari


Asma e Bpco nella vita reale: il Salford Lung Study spiegato dal primo autore


Asma grave: bilancio di un anno di disponibilità di mepolizumab


Fibrosi polmonare idiopatica, come si cura a Pavia


ARTICOLI

Fibrosi polmonare idiopatica, Gilead interrompe studio di Fase II su simtuzumab

Gilead ha interrotto uno studio clinico di Fase II sull'anticorpo monoclonale sperimentale simtuzumab in pazienti affetti da fibrosi polmonare idiopatica (FPI). Questa decisione segue un'analisi dei dati in aperto relativi all'efficacia e alla sicure[...]

Un italiano su due ha 2 episodi di tosse l'anno: si è aperta ieri a Verona la XIX edizione del Congresso Nazionale sulle Malattie Respiratorie

Si parla di tosse in apertura della diciannovesima edizione del Congresso Nazionale sulle Malattie Respiratorie “Asma Bronchiale e BPCO: nuovi obiettivi, nuovi rimedi, nuove strategie”, presso il Centro Congressi Hotel Leopardi di Verona, con più di [...]

Inquinamento ambientale e sviluppo asma pediatrico: la chiave è nell'esposizione precoce

Uno studio pubblicato sulla rivista Lancet Respiratory Medicine ha dimostrato che l'insorgenza di asma nell'infanzia e nell'adolescenza è associata prevalentemente all'esposizione nei primi anni di vita a livelli crescenti di biossido di azoto (NO2) [...]

Impiego farmaci anti-asma più frequentemente associato a precedente bronchiolite da rhinovirus anziché da virus sinciziale

I pazienti pediatrici affetti da bronchiolite da rhinovirus hanno una probabilità maggiore di ricorrere all'impiego di farmaci anti-asma ad un anno dall'ospedalizzazione rispetto a quelli affetti da bronchiolite da virus respiratorio sinciziale. La c[...]

TBC, test delle urine in dirittura d'arrivo?

Stando ai risultati preliminari di uno studio, presentato in occasione dell'IDWeek (un meeting USA tenuto congiuntamente da 4 associazioni medico-scientifiche statunitensi che si interessano di malattie infettive), una sostanza identificata nelle uri[...]

Infezioni respiratorie delle vie superiori, ritardare la prescrizione di antibiotici potrebbe ridurne un impiego non appropriato?

L'adozione di una strategia di prescrizione antibiotica “attendista” potrebbe rappresentare un approccio utile alla gestione dei pazienti con infezioni respiratorie acute non complicate, riducendone l'impiego (crescente) non appropriato. Queste le co[...]

BPCO, nuovo modello predittivo del rischio di esacerbazione

Età, sesso, storia di episodi pregressi di esacerbazione, esecuzione di vaccinazione influenzale o pneumococcica 23-valente, numero di visite presso i Reparti di Medicina Generale, severità della broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO): sarebber[...]

Terapia genica nella fibrosi cistica: a che punto siamo?

Il ricorso alla terapia genica nel trattamento di pazienti affetti da fibrosi cistica (FC) è associato alla stabilizzazione, ma non ad un miglioramento, della funzione polmonare. Queste le conclusioni di uno studio di fase II, pubblicato sulla rivist[...]

Sigarette elettroniche non così innocue. A dirlo uno studio italiano

Non è solo vapore. Quella nuvoletta sprigionata dalle sigarette elettroniche, considerate valide alternative al fumo tradizionale, non è poi così innocua come ipotizzato. L'assunzione di nicotina e la dipendenza sono analoghe a quelle prodotte dall'i[...]

Polmoniti da Pneumocystis jirovecii, dosi ridotte di trimetoprim-sulfametoxazolo efficaci quanto le dosi piene?

Il trattamento di pazienti affetti da polmonite da Pneumocystis jirovecii con dosaggi di trimetoprim-sulfametoxazolo pari al 50% della dose attualmente raccomandata potrebbe essere sufficiente ad assicurare un elevato tasso di guarigione; inoltre, i [...]

BPCO, combinazione a dosi fisse aclidinio bromuro-formoterolo fumarato efficace su sintomi ed esacerbazioni

La somministrazione della combinazione a dosi fisse di aclidinio bromuro-formoterolo fumarato 400/12 μg in pazienti affetti da BPCO moderata-severa migliora in modo significativo il controllo dei sintomi a 24 ore rispetto a placebo o ai singoli[...]

Fibrosi polmonare idiopatica, al via primo studio su combinazione nintedanib e pirfenidone

Boehringer Ingelheim ha annunciato l'avvio di un nuovo studio clinico 1199.222 (ClinicalTrials.gov: NCT02579603), della durata di 12 settimane che valuterà sicurezza, tollerabilità e farmacocinetica dell'associazione di pirfenidone alla terapia di ba[...]

Co-infezione verme parassita aumenta aggressività tuberculosi

Uno studio pubblicato sulla rivista The Journal of Clinical Investigation da un'equipe di ricercatori USA ha dimostrato come un'infezione sostenuta da un verme parassita, molto comune nei paesi in via di sviluppo, sia in grado di aumentare la suscett[...]

Esacerbazioni di BPCO e deficit vitamina D, al via trial su efficacia supplementazione

La rivista BMC Pulmonary Medicine riferisce di un trial clinico randomizzato di fase III in partenza, lo studio PRECOVID, che sarà il primo studio di intervento ad esaminare gli effetti della supplementazione di vitamina D in pazienti affetti da bron[...]

Antibiotici in tarda gravidanza e respiro sibilante nel bambino. Esiste un collegamento?

Esiste un legame tra l'esposizione prenatale agli antibiotici e il respiro sibilante in età pediatrica? L'argomento è dibattuto da tempo ma, stando ad uno studio italiano di recente pubblicazione online ahead-of-print sulla rivista European Respirato[...]

Inibitori dei checkpoint immunitari, cautela in presenza di polmoniti

Il trattamento delle polmoniti associate con gli inibitori dei checkpoint immunitari dell'asse PD-1 richiede un attento monitoraggio dei pazienti e una rapida risposta clinica. Queste le conclusioni di una review dei dati disponibili sulle polmoniti [...]

Esacerbazioni da BPCO, fibrinogeno e α1-antitripsina predittori di aumento del rischio?

Fibrinogeno e α1-antitripsina sono associati ad un incremento del rischio di esacerbazioni da BPCO a livello meramente osservazionale. A livello genetico, però, solo i livelli ridotti α1-antitripsina sono associati ad un aumento del rischi[...]

Polmoniti comunitarie, sicuro trattamento a breve termine con corticosteroidi

Il trattamento a breve termine con corticosteroidi è sicuro e potrebbe ridurre il rischio di sindrome da distress respiratorio e ridurre la durata di malattia in pazienti affetti da polmonite comunitaria (CAP). Queste le conclusioni di una metanalisi[...]

Nuova cefalosporina per le polmoniti comunitarie

Sembra essere un'opzione efficace e ben tollerata per il trattamento empirico delle polmoniti comunitarie (eccezion fatta per le polmoniti associate a ventilazione): parliamo di ceftobiprolo medocaril, una cefalosporina di quinta generazione approvat[...]

Asma e BPCO, sono efficaci i nuovi agenti terapeutici aventi come target i mediatori di infiammazione?

L'impiego di nuovi agenti terapeutici aventi come target i mediatori di infiammazione in pazienti selezionati affetti da asma e BPCO, e l'individuazione di marker di risposta al trattamento renderà possibile la possibilità di personalizzare il tratta[...]