Pneumologia

VIDEO

Fibrosi polmonare Idiopatica: come si cura all'Ospedale San Gerardo di Monza


Fibrosi Polmonare Idiopatica: come si cura al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania


Infezioni da germi multiresistenti, le misure da prendere e le armi terapeutiche da utilizzare


Fibrosi polmonare: come si diagnostica all'Ospedale Monaldi di Napoli


Patologie respiratorie, impatto del fumo di sigaretta e delle sigarette elettroniche


Quali sono le principali patologie respiratorie? Focus su asma e BPCO 


Riacutizzazioni della BPCO, prevenzione e gestione


Tumore al polmone, evoluzione nella diagnosi e nel trattamento


Terzo corso master sugli Hot topics in Patologia Respiratoria, novità dalla terza edizione


Comorbidità nella BPCO, quali sono e come gestirle


Malattie pleuriche, utilità della toracoscopia medica


Interstiziopatie, importanza di unire l'aspetto anatomo-patologico con quello radiologico


Asma e BPCO week: obiettivi e novità della campagna informativa


Il paradosso dell'asma: over-use dei broncodilatatori a breve durata d'azione


BPCO: Importanza diagnosi precoce e aderenza terapia


Asma grave, omalizumab efficace anche in pazienti polisensibilizzati. Studio PROXIMA


Terapia della broncopneumopatia cronico ostruttiva: efficacia della doppia broncodilatazione


Orticaria cronica spontanea: cosa è e come si cura


Cosa sono medicina di precisione e terapia personalizzata nelle malattie polmonari


Asma e Bpco nella vita reale: il Salford Lung Study spiegato dal primo autore


Asma grave: bilancio di un anno di disponibilità di mepolizumab


Fibrosi polmonare idiopatica, come si cura a Pavia


ARTICOLI

Vaccino anti-pneumococcico 13-valente, un nuovo programma per gli anziani

Tutti gli adulti dai 65 anni in su dovrebbero ricevere ora, oltre al vaccino pneumococcico polisaccaridico 23-valente (Ppsv23 / Pneumovax, della Merck), il vaccino 13-valente pneumococcico coniugato (Pcv13 / Prevnar 13, della Wyeth/Pfizer).

Asma grave, periostina utile nell’identificazione dei fenotipi diversi

Nonostante il trattamento con elevate dosi di corticosteroidi inalatori, i livelli di periostina nell'espettorato dei pazienti asmatici, con eosinofili nelle vie respiratorie, sono associati a una persistente limitazione del flusso aereo.

Polmonite, i corticosteroidi accelerano il recupero nei pazienti ospedalizzati

Il prednisone può velocizzare il tempo di stabilità clinica tra i pazienti ospedalizzati per polmonite acquisita in comunità (Cap) senza aumentare le complicanze.

Rinite allergica, arrivano le nuove linee guida

Quando i sintomi della rinite allergica compromettono la qualità della vita dei pazienti, i medici dovrebbero trattare la malattia con steroidi intranasali.

Bpco, al via studio con tripletta fluticasone/umeclidinio/vilanterolo

GlaxoSmithKline e Theravance hanno annunciato l'inizio di uno studio di fase III disegnato per valutare la combinazione di fluticasone, umeclidinio e vilanterolo da somministrarsi una volta al giorno attraverso l'inalatore Ellipta, rispetto all'assoc[...]

Le tre società pneumologiche italiane aderiscono all'ERS

La pneumologia europea fa squadra. Nei mesi scorsi si è parlato di un progetto di adesione della pneumologia italiana all'European Respiratory Society (ERS). Si tratta di un'iniziativa dalle ampie ricadute, per gli pneumologi italiani, in termini di [...]

Influenza: oseltamivir riduce i sintomi, le complicanze respiratorie e le ospedalizzazioni

L'uso del farmaco antivirale inibitore della neuraminidasi oseltamivir, riduce la durata dei sintomi influenzali, le complicanze respiratorie e le ospedalizzazioni, secondo i risultati di una meta analisi pubblicata su The Lancet.

Vitamina D efficace nell’asma ma ancora nessuna evidenza certa

L'evidenza suggerisce che i livelli sierici più elevati di vitamina D sono associati a un ridotto rischio di esacerbazioni asmatiche, ma non esistono ancora delle certezze sull’associazione con l'incidenza, la prevalenza o la severità dell’asma.

Gli steroidi in terapia intensiva riducono il rischio di distress respiratorio

Nei pazienti con sepsi, la somministrazione dei corticosteroidi orali prima del ricovero in terapia intensiva (Icu) è associata ad un ridotto rischio di sindrome da distress respiratorio. Sono i risultati di uno studio presentato in occasione del 44°[...]

Anticolinergici e rischio demenza, un nuovo e forte link

Un maggior uso di farmaci anticolinergici è associato a un aumento del rischio di demenza negli anziani. Lo afferma uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine e condotto da un team guidato dalla dottoressa Shelly Gray dell’University of Washingt[...]

Allarmismo per le sigarette elettroniche: è vero che producono formaldeide?

Il vapore prodotto dalle sigarette elettroniche, quando i dispositivi sono utilizzati ad alto voltaggio, contiene livelli eccessivi di formaldeide, un’accertata sostanza cancerogena. È quanto hanno scoperto inaspettatamente i ricercatori di uno studi[...]

Polmonite eosinofila cronica, prednisolone efficace nel trattamento a breve termine

Non esistono differenze, in termini di percentuale di recidive, tra i pazienti con polmonite eosinofila cronica in trattamento con il prednisolone per 3 mesi o per 6 mesi. Lo affermano gli autori di un recente studio pubblicato sull’European Respirat[...]

Vaccini anti-pneumococco possono non prevenire la malattia invasiva nei bambini con comorbidità

Nei pazienti pediatrici con comorbidità, la malattia pneumococcica invasiva è causa di un tasso elevato di morbilità e mortalità, secondo uno studio di sorveglianza pubblicato sulla rivista Pediatrics. Inoltre, molti di questi casi sono causati da si[...]

Tiotropio + olodaterolo, la combinazione a dose fissa è efficace nella Bpco

L’associazione a dose fissa di tiotropio più olodaterolo, in monosomministrazione giornaliera come terapia per la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (Bpco), mostra miglioramenti significativi nella funzione polmonare e nella qualità della vita risp[...]

Infezioni polmonari, l'importanza dell'identificazione microbiologica

Esistono dei segnali promettenti sui miglioramenti della capacità diagnostica per la polmonite pneumococcica. È quanto emerge da una revisione sulle cause biologiche delle infezioni polmonari nei bambini che verrà pubblicato sul numero di febbraio de[...]

Riacutizzazioni acute della Bpco, cambiamenti longitudinali nella qualità di vita

La qualità della vita dei pazienti con riacutizzazioni acute della broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), a seguito delle dimissioni dall'ospedale, è migliorata per i pazienti che non avevano ricevuto ventilazione artificiale e non ha subito un[...]

Pertosse, il richiamo della vaccinazione non combatte la malattia

Fissare il richiamo dei vaccini per la pertosse potrebbero non essere una strategia efficace per combattere il recente ritorno della malattia. Lo affermano gli autori di un nuovo modello di studio pubblicato di recente su Proceedings of the National [...]

Dopo una polmonite aumenta il rischio per il cuore

Chi ha avuto una polmonite ha più probabilità di ammalarsi di infarto o ictus. A dirlo è uno studio canadese pubblicato sulle pagine della rivista JAMA. Il rischio è maggiore negli over 65 ma in tutte le fasce d'età è stato confermato che dopo la pol[...]

Fibrosi cistica, il ganciclovar aumenta la resistenza dopo il trapianto

Il ganciclovir riduce la mortalità causata da virus in seguito al trapianto polmonare ma una percentuale di questi pazienti sviluppa una maggiore resistenza a questo farmaco; tale resistenza si verifica maggiormente nei pazienti affetti da fibrosi ci[...]

Benefici a lungo termine con riduzione del volume polmonare attraverso spirali nell'enfisema grave

Il primo studio clinico a lungo termine sull'uso della riduzione del volume polmonare (Lvr), per via broncoscopica, mediante l'inserimento di piccole spirali (coil) nei pazienti con grave enfisema, ha stabilito che il trattamento è solo minimamente i[...]