Pneumologia

VIDEO

Fibrosi cistica, celebrati i 25 anni della legge Garavaglia : una pietra miliare per la cura


Fibrosi cistica: grandi prospettive terapeutiche dai modulatori della proteina Cftr


Fibrosi cistica: i farmaci per la terapia personalizzata dei pazienti e i trapianti del polmone


Fibrosi cistica , aumenta la speranza di vita: adeguare la legge 548/93 alla cura degli adulti


Fibrosi cistica: le nuove frontiere della ricerca nei correttori della mutazione genetica


Asma e impiego degli steroidi: il punto


Asma grave: diagnosi e caratteristiche epidemiologiche


Benralizumab nel trattamento dell’asma grave: come funziona?


Presente e futuro della ricerca AstraZeneca in Pneumologia nel nostro Paese


Asma: le novità più recenti in terapia


Asma severo, perché trattare l'infiammazione di tipo 2. Ruolo di dupilumab


La cronicità delle malattie respiratorie: stato dell'arte


Razionale della terapia triplice farmacologica nel trattamento della BPCO


Gli studi a supporto della nuova triplice terapia nel trattamento della BPCO


Le difficoltà nel trattamento della malattia polmonare da NTM: la ricerca è fondamentale


Co-infezione da NTM nei pazienti con fibrosi cistica: quali sono i problemi da affrontare?


Nasce AMANTUM, l’Associazione nazionale malati di NTM


Iter diagnostico per le infezioni sostenute da NTM: il primo passo è l’indagine microbiologica


Ruolo della microbiologia nella diagnosi delle infezioni da NTM: l’esperienza del Niguarda di Milano


Malattia polmonare da NTM, l’esperienza diretta di una paziente che è anche un medico


La gestione delle malattie rare a livello europeo: gli European Reference Network


Come si cura la malattia polmonare da NTM e perchè servono nuove terapie?


ARTICOLI

Cure palliative nella gestione della dispnea per migliorare la qualità della vita e la sopravvivenza

I pazienti che hanno un servizio di supporto, che include le cure palliative, per la loro dispnea possono vivere meglio e più a lungo. È quanto suggerisce un nuovo trial controllato randomizzato pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine.

Fibrosi polmonare, possibile attenuare i sintomi rimuovendo i lipidi in eccesso

Nella fibrosi polmonare, il tessuto polmonare è danneggiato direttamente o sono le cellule immunitarie ad avviare il processo di cicatrizzazione? Distinguere bene questi due meccanismi è importante soprattutto quando si cerca di trovare nuovi modi p[...]

Ca polmonare, fallisce il trattamento combinato del figitumumab - erlotinib in fase III

Il figitumumab in combinazione con l’erlotinib, rispetto al solo erlotinib, non migliora la sopravvivenza nei pazienti pretrattati in uno stadio avanzato di carcinoma polmonare non a piccole cellule (Nsclc). Sono le conclusioni di uno studio randomi[...]

La ciclofosfamide allevia le miopatie infiammatorie idiopatiche e la malattia polmonare interstiziale correlate a essa

La ciclofosfamide migliora la forza e la funzione muscolare così come la funzione polmonare nei pazienti affetti da miopatie infiammatorie idiopatiche e/o malattia polmonare interstiziale correlata alle Iim. Sono le conclusioni di una revisione siste[...]

Pazienti con artrite reumatoide, aumentato rischio di morte per malattie respiratorie

Le donne con artrite reumatoide presentano un rischio di morte per tutte le cause più alto rispetto alla popolazione priva della malattia ma, secondo un’analisi dei dati su larga scala dello studio Nurses' Health, tra le cause più probabili di morte [...]

Incertezza sulla prescrizione antibiotica nelle infezioni respiratorie? Misura la Pcr

I livelli della proteina C reattiva (Pcr), marker di infiammazione sistemica, potrebbero essere utilizzati per ridurre le prescrizioni antibiotiche nelle infezioni respiratorie acute. È quanto emerge da una revisione sistemica effettuata da un gruppo[...]

L’asma grave aumenta il rischio cardiovascolare?

Il rischio di malattie cardiovascolari è maggiore nei pazienti con asma grave e che fanno un uso cronico dei corticosteroidi per via orale, rispetto ai pazienti con asma moderato il cui uso di corticosteroidi per via orale è periodico. Lo dimostra un[...]

Il Mycoplasma Amphoriforme, un nuovo patogeno nelle infezioni respiratorie croniche

Le forme attentamente isolate del Mycoplasma amphoriforme sono responsabili di infezioni respiratorie croniche con un' alternanza di remissive e recidive nei pazienti con deficit primario di anticorpi (Pad).

L'obesità influenza la percezione dell'asma negli adolescenti

I bambini obesi o in sovrappeso, con insorgenza precoce di asma, mostrano uno scarso controllo della malattia e uno schema distinto dei sintomi; inoltre, il maggior fiato corto e l'uso di β-agonisti sembrano essere parzialmente mediati dai sinto[...]

Alto rischio di asma nei bambini nati da mamme con scarsa vitamina D ed E

Se la mamma in gravidanza ha uno scarso apporto di vitamina D ed E, il neonato avrà un aumentato rischio di sviluppare l’asma nei primi 10 anni di vita. È quanto emerge da uno studio pubblicato di recente sul The European Respiratory Journal nel qual[...]

I farmaci acido-soppressori potrebbero peggiorare la polmonite?

I soppressori dell'acidità, il cui utilizzo è sempre più diffuso, sono associati a una più grave polmonite acquisita. Tuttavia, le comorbidità come il diabete e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) potrebbero aver svolto un ruolo nei risult[...]

Bpco, conferme a un anno per i benefice di aclidium

L’aclidium bromide, antagonista muscarinico, oltre a essere sicuro ed efficace, possiede effetti benefici che persistono per lunghi periodi, fino a un anno dalla somministrazione. Lo affermano i ricercatori dell’università del Nebraska che hanno pres[...]

Napoli, convegno sulla Gestione Multidisciplinare delle Infezioni Respiratorie

I massimi esperti nella gestione a domicilio e in ospedale delle infezioni respiratorie si sono riuniti il 7 e l'8 novembre a Napoli. L'evento dal titolo GEMIR, Gestione Multidisciplinare delle Infezioni Respiratorie era rivolto a pneumologi, infetti[...]

Esacerbazioni asmatiche, la vitamina D coinvolta nello stress ossidativo e nella resistenza agli steroidi

La carenza di vitamina D intensifica lo stress ossidativo e i danni al Dna, suggerendo un possibile meccanismo per la resistenza ai corticosteroidi nelle esacerbazioni dell'asma grave. È quanto affermano gli autori di un recentissimo studio pubblicat[...]

Nuovo dispositivo di ventilazione migliora le patologie respiratorie

I pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) trattati con un sistema di ventilazione non invasivo (Niov) presentano punteggi sulla valutazione della patologia migliorati di oltre il 50%. Lo affermano i dati di un piccolo studio prospet[...]

La Bpco peggiora la funzionalità cognitiva e la forma fisica nell’’insufficenza cardiaca

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) è associata a una ridotta funzione cognitiva e a una peggiore forma fisica nei soggetti con insufficienza cardiaca. Sono le conclusioni di uno studio americano pubblicato su Heart & Lung i cui autori sug[...]

Fibrosi cistica: da studio italiano nuove strategie di terapia

Nei pazienti cpon fibrosi cistica, la somministrazione di un farmaco, la Cisteamina, già utilizzato per la cura di un'altra malattia, in combinazione con un integratore alimentare ad elevata tollerabilità, l'Epigallocatechin gallato (EGCG), un costit[...]

Farmaci “intelligenti” contro l'asma grave al centro del congresso di Genova sulle allergie

E' partito ieri a Genova il Congresso Nazionale “Highlights in Allergy and Respiratory Diseases”. Il Congresso punta l'attenzione sulle malattie allergiche e respiratorie, sia sul campo allergologico che nel campo pneumologico, analizzando i cambiame[...]

Asma, l'anti IL-4 e anti IL-13 dupilumab efficace in fase IIb

I risultati dello studio di fase IIb condotto con dupilumab nei pazienti con asma non controllato da moderato a grave sono positivi. Il farmaco ha ridotto le esacerbazioni del 64-75%. E' quanto annunciato oggi da Regeneron Pharmaceuticals e Sanofi.

Asma e rischio di demenza: un nuovo link

Il rischio di demenza è significativamente aumentato nei pazienti con asma, soprattutto in quelli più anziani; inoltre, questo rischio aumenta con le esacerbazioni dell'asma e la frequenza delle ospedalizzazioni. Lo affermano i ricercatori di un ampi[...]