Asma, che ruolo hanno gli ormoni sessuali endogeni su controllo sintomi e funzione polmonare?

La produzione di ormoni androgeni nel corso della pubertą sembra conferire effetti protettivi sulla crescita polmonare negli adolescenti di ambo i sessi, mentre gli estrogeni, al contrario, sembrano essere associati a peggioramento della funzione polmonare nelle ragazze - effetti che si estendono fino al completamento dello sviluppo. Sono queste le conclusioni principali di uno studio di recente pubblicazione su BMC Pulmonary Medicine che potrebbero spiegare lo switch di genere relativo all'incidenza di asma nel corso dell'adolescenza e, allo stesso modo, il fattore che guida sia la crescita polmonare che la severitą dell'asma con la successiva transizione nell'etą adulta.

La produzione di ormoni androgeni nel corso della pubertà sembra conferire effetti protettivi sulla crescita polmonare negli adolescenti di ambo i sessi, mentre gli estrogeni, al contrario, sembrano essere associati a peggioramento della funzione polmonare nelle ragazze – effetti che si estendono fino al completamento dello sviluppo. Sono queste le conclusioni principali di uno studio di recente pubblicazione su BMC Pulmonary Medicine che potrebbero spiegare lo switch di genere relativo all'incidenza di asma nel corso dell'adolescenza e, allo stesso modo, il fattore che guida sia la crescita polmonare che la severità dell'asma con la successiva transizione nell'età adulta.

L'incidenza di asma cambia per genere durante la transizione dall'età scolare a quella adulta, attraverso l'adolescenza
Per quanto l'asma pre-puberale abbia una prevalenza maggiore nei bambini di sesso maschile, dopo la pubertà e durante la mezza età, l'asma è più frequente nel sesso femminile.

Stando ad alcuni studi precedentemente pubblicati in letteratura, questo switch di genere nella prevalenza di asma sarebbe da legarsi alla produzione di ormoni sessuali a partire dalla pubertà: “Ad esemipio, il DHEA-S, un ormone androgeno circolante i cui livelli aumentano nel corso della pubertà, inibisce la muscolatura liscia delle vie aeree respiratorie e la proliferation dei fibroblasti delle vie respiratorie – ricordano i ricercatori nell'introduzione al lavoro -”.

“Il testosterone, invece – continuano i ricercatori - promuove il rilassamento della muscolatura liscia delle vie aeree respiratorie. Nelle donne con e senza asma, i valori di FEV1 subiscono un picco alla fine della fase luteale all'inizio delle mestruazioni, per poi ridursi al diminuire dei livelli circolanti di estrogeni e progesterone. La caduta dei livelli circolanti di estrogeni e progesterone dalla fase luteale a quella follicolare del ciclo mestruale si accompagna ad una riduzione della densità dei recettori adrenergici beta 2 a livello linfocitario e ad un incremento della reattività bronchiale”.

Tali studi, nel complesso, suffragano l'esistenza di effetti interdipendenti del genere e degli ormoni sessuale endogeni sulla crescita polmonare e la reattività delle vie aeree respiratorie che probabilmente condizionano lo stato asmatico dalla pubertà alla mezza età.

L'obiettivo dello studio: esaminare gli effetti degli ormoni sessuali su funzione e sintomi polmonari con la pubertà
La pubertà è un processo dinamico regolato da segnali ormonali provenienti dal SNC che, comportano la maturazione sessuale. La valutazione dello stadio di maturazione puberale è diversa nei ragazzi e nelle ragazze. Nei ragazzi, la produzione di androgeni aumenta gradualmente sia dai testicoli – che producono testosterone – che dal surrene – che produce androgeni più deboli – fino ad arrivare al pubarca.

Le ragazze, invece, vanno incontro ad incremento produzione ovarica estrogeni (responsabile del menarca) e di androgeni come androstenedione e DHEA-S dalle ghiandole surrenali (responsabili del pubarca).

Stando, inoltre, ad alcuni studi condotti su soggetti pediatrici, la maturazione puberale e lo stato asmatico potrebbero essere influenzati dal trattamento con steroidi.

Di qui il nuovo studio, il cui obiettivo primario era di fare un'analisi cross-section degli effetti della maturazione puberale e i livelli di ormoni sessuali sulle caratteristiche dell'asma in un campione di 187 soggetti pediatrici asmatici (59% asma severo), di età compresa tra 6-18 anni, reclutati nel SARP (the NIH/NHLBI Severe Asthma Research Program).

Sono stati studiati, mediante regressione lineare, gli effetti degli ormoni sessuali circolanti (n = 68; testosterone, dehydroepiandrosterone sulfate (DHEA-S), estrogeni, e progesterone) sulla funzione polmonare e sul controllo dell'asma dopo 4 settimane di osservazione (ACQ6).

Risultati principali
Dalla fase pre-puberale/pubertà iniziale fino alla tarda pubertà, i ricercatori non hanno documentato variazioni significative della funzione polmonare, mentre sono migliorati i punteggi ACQ6 di controllo dell'asma nei pazienti di sesso maschile.

Per contro, le pazienti di sesso femminile hanno mostrato valori percentuali di FEV1 e FVC post-broncodilatazione più basso e punteggi ACQ6 peggiori nella pubertà avanzata, valutata mediante sviluppo del seno.

Nei pazienti maschi, i livelli logaritmici di DHEA-S, che aumentavano con lo stadio Tanner, sono risultati associati positivamente con le percentuali pre- e post-broncodilatazione di FEV1 e FVC e negativamente (miglior controllo asma) con il punteggio ACQ6.

I pazienti trattati con dosi elevate di steroidi inalatori avevano livelli circolanti simili di DHEA-S. Nelle pazienti femmine, i livelli di estradiolo sono aumentati con lo stadio Tanner e associati negativamente con le percentuali di FEV1 e FVC pre-broncodilatazione.

Quali sono le implicazioni di questo studio?
Lo studio ha documentato l'esistenza di importanti differenze fenotipiche in base al sesso di appartenenza e allo stadio puberale.

Nei pazienti maschi, livelli più elevati di DHEA-S sono risultati associati positivamente con valori maggiori di FEV1% predetto e migliorato la sintomatologia a 4 settimane, mentre nelle pazienti femmine, lo sviluppo del seno (effetto estradiolo), è risultato debolmente associato a una ridotta funzione polmonare.

Sarebbe auspicabile, pertanto, concludono i ricercatori, la messa a punto di un trial che verifichi l'efficacia di una terapia con molecole a debole azione androgenica in adolescenti con bassi livelli di androgeni e asma poco controllato sul miglioramento della funzione polmonare.

Nicola Casella

Bibliografia
DeBoer MD et al. Effects of Endogenous Sex Hormones on Lung Function and Symptom Control in Adolescents With Asthma. BMC Pulm Med. 2018;18(58) 
Leggi