Asma e compliance alla terapia, un aiuto dalla telemedicina domiciliare

Pneumologia

Il ricorso a sistemi di monitoraggio domiciliare per determinare i pattern di aderenza al trattamento nei pazienti asmatici sembrano avere buone prospettive di sviluppo, stando ai risultati di un'analisi pubblicata su Respiratory Medicine, condotta in pazienti di età superiore almeno a 4 anni con asma autoriferito, monitorati con questo device dal 2012 al 2018.

Il ricorso a sistemi di monitoraggio domiciliare per determinare i pattern di aderenza al trattamento nei pazienti asmatici sembrano avere buone prospettive di sviluppo, stando ai risultati di un’analisi pubblicata su Respiratory Medicine, condotta in pazienti di età  superiore almeno a 4 anni con asma autoriferito, monitorati con questo device dal 2012 al 2018.

Razionale dello studio e risultati principali
Il problema della mancata aderenza ai regimi di trattamento prescritti per l’asma è ben noto ai clinici, ricordano i ricercatori nell’introduzione allo studio. Fino ad ora, però, non esistevano dati approfonditi sui pattern temporali di impiego dei farmaci nell’asma. Di qui il nuovo studio, condotto su 1.745 pazienti (età mediana: 24 anni), sottoposti ad almeno 20 settimane di monitoraggio della terapia prescritta.

Il 58% dei pazienti del campion era stato sottoposto a trattamento solo con steroidi inalatori (ICS), il 36% con combinazioni ICS/LABA e il 7% con altre combinazioni di farmaci di controllo della sintomatologia asmatica.
Nell’83% dei pazienti si è ricorso a monitoraggio elettronico della compliance alla terapia inalatoria con SABA. Il tasso medio di aderenza dei pazienti tra 2 e 6 settimane (situazione di partenza) era pari al 48%, mentre il tasso medio di aderenza alla terapia nel corso dell’intero studio (da 2 a 20 settimane) è stato pari al 38%.

All’inizio dello studio è stata documentata un’aderenza ottimale, moderata, subottimale e scarsa, rispettivamente, nel 20%, 28%, 25% e 27% dei partecipanti allo studio.

Nel corso delle 20 settimane di durata del follow-up, tutti i 4 gruppi sopra indicati hanno sperimentato un declino della compliance alla terapia, con le riduzioni assolute più evidenti al basale (2 vs. 6 settimane) riferite ai partecipanti con aderenza moderata al trattamento prescritto.

Riduzioni relative inferiori della compliance durante l’intero periodo di durata dello studio (2 vs. 20 settimane) sono state riferire nel gruppo con aderenza ottimale (-28%) rispetto a quelli ad aderenza moderata, subottimale e scarsa (-46%, -58% e -50%, rispettivamente).

Dallo studio è emerso anche che i pazienti afferenti al gruppo con aderenza ottimale erano in età più avanzata (media: 4,6 anni in più) rispetto a quelli afferenti ai gruppi con aderenza minore (IC95%: 2,6-6,5; p<0,01).
Non solo: il gruppo con scarsa aderenza alla terapia mostrava una percentuale di pazienti sottoposti a solo trattamento con ICS superiore all’8,1% (IC95%: 2,9-13,3%; p<0,01) rispetto a quelli afferenti agli altri gruppi (63,7% vs. 55,6%).

Nel corso delle 20 settimane di durata dello studio, l’impiego medio settimanale di farmaci di soccorso è risultato più basso nei pazienti con scarsa aderenza alla terapia.

Riassumendo
In conclusione, lo studio suggerisce la possibilità di seguire le traiettorie di aderenza alla terapia nel tempo in coorti di pazienti sulla base dell’aderenza iniziale grazie al monitoraggio elettronico domiciliare.

Dallo studio è emersa una riduzione della compliance alla terapia in tutti i gruppi - con i maggiori decrementi relativi osservati nei gruppi con aderenza subottimale alla terapia – come pure una riduzione in tutti i gruppi in studio del ricorso a farmaci di soccorso.

Pertanto, secondo i ricercatori, un volta identificati in questi pazienti alcuni pattern di riduzione della compliance alla terapia prescritta, si potrebbe avere un quadro del controllo di malattia più dettagliato, utile a guidare la scelta clinica verso opzioni di intervento più appropriate.

NC

Bibliografia
De Keyser HEH et al. Electronic medication monitors help determine adherence subgroups in asthma Respir Med. 2020;164:105914.
Leggi








    

SEZIONE DOWNLOAD