La sensibilità ai gatti e agli acari della polvere, individuati mediante prick test cutanei nei bambini fino a 4 anni di età, potrebbe essere un indicatore del rischio di sviluppare l'asma a partire dai 7 anni. Lo affermano gli autori di uno studio presentato in occasione del meeting annuale 2015 dell’American Academy of Allergy, Asthma & Immunology (Aaaai), che si è ottenuto a febbraio a Houston, in Texas.

I risultati dello studio sono stati presentati dalla dottoressa Jessica Tan, ricercatrice presso l'Università di Cincinnati Medical Center. Lo studio ha incluso un totale di 492 bambini, iscritti al Cincinnati Childhood Allergy and Air Pollution Study, in quanto sono stati considerati ad alto rischio di sviluppare l'asma poiché i loro genitori presentavano una storia di sindrome atopica, o erano positivi ai test cutanei o presentavano sintomi allergici.

Tutti i bambini partecipanti allo studio, quando avevano 2, 3 e 4 anni di età, sono stati sottoposti ai prick test cutanei per gli aeroallergeni indoor, tra cui cani, gatti, acari della polvere e scarafaggi.

Sulla base dei risultati ottenuti dai test allergologici cutanei, 328 bambini sono stati classificati come aventi una bassa sensibilità agli allergeni indoor, 33 bambini sono stati classificati come aventi una sensibilità precoce alla polvere di casa all'età di 2 anni, che si riduceva però intorno ai 4 anni di età; inoltre, 38 bambini presentavano un’aumentata sensibilità agli scarafaggi al di sopra dei 4 anni, 55 una maggiore sensibilità al gatto e, infine, 38 bambini manifestavano una crescente sensibilità agli acari della polvere.
A 7 anni, i bambini che presentavano sintomi simili all'asma sono stati oggettivamente valutati con la spirometria o con il test  di stimolazione bronchiale con la metacolina, e il 15,9% dei bambini è risultato positivo a queste prove.
"A causa dei requisiti rigorosi per la diagnosi dell’asma, pensiamo che questo gruppo non è sovra-rappresentativo o mal diagnosticato" ha specificato la dottoressa Tan.

“Il rischio di sviluppare l’asma  a 7 anni”, dopo aver controllato i fattori noti di rischio per l'asma, come il sesso, la razza, l'educazione materna e la storia familiare di questa malattia, “è stato più alto nei bambini con aumentata sensibilità al gatto e nei bambini con uno sviluppo precoce della sensibilità agli acari della polvere, che però è diminuita dopo i  4 anni” ha riferito la ricercatrice, aggiungendo che questo rischio persisteva anche dopo ricorrenti episodi di wheezing e intolleranze alimentari precoci.

Nello specifico, dai dati presentati in occasione del meeting annuale dell’Aaaai, l'odds ratio per l'asma era di 2,3, per la sensibilità al gatto prima dei 4 anni, a fronte di una bassa sensibilità agli allergeni indoor; per la sensibilità precoce agli acari della polvere, che è diminuita dopo i 4 anni, a fronte di una bassa sensibilità agli allergeni indoor, l'odds ratio per l'asma era di 3,4.

“Questa scoperta potrebbe aiutare a guidare i medici nell’individuare il modo migliore per gestire le riacutizzazioni respiratorie nei bambini” ha detto il dottor Jeff Stokes, moderatore della sessione, della Creighton University Medical Center di Omaha, in Nebraska, aggiungendo che, se questi risultati fossero replicati da altri ricercatori, potrebbero fornire l'occasione per identificare e trattare i pazienti con asma molto presto.

"Sappiamo che oltre la metà di tutti i bambini presenta un respiro sibilante nei primi 6 anni di vita", ha dichiarato il dottor Stokes in un’intervista dopo il meeting; "Se riuscissimo a identificare precocemente i bambini che svilupperanno l'asma, potremmo essere più aggressivi nella terapia ed eventualmente modificare la progressione della malattia”.

Il dottor Stokes ha inoltre aggiunto che sarebbe più propenso a trattare questi bambini con farmaci di mantenimento per la prevenzione dei sintomi quando il funzionamento delle loro vie aeree non è nella norma, mentre nei restanti bambini inizierebbe il trattamento nei momento in cui si manifestano i sintomi. E qualsiasi strumento per l’identificazione precoce di questi bambini sarebbe utile.

Monica Guarini
American Academy of Allergy, Asthma & Immunology (AAAAI) 2015: Abstract 740. February 23, 2015.