Pneumologia

Asma, l'età non influenza l'efficacia della terapia con tiotropio

Nei pazienti asmatici, l'età non sembra influenzare l'efficacia della monosomministrazione giornaliera di tiotropio, utlizzato come terapia add-on al trattamento con steroidi inalatori (ICS) o alla combinazione ICS/LABA. Lo dimostrano i risultati di uno studio recentemente pubblicato su the Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice. Tali risultati sono di particolare rilevanza nella pratica clinica, alla luce del progressivo aumento della popolazione anziana a livello globale, come pure dell'aumento della prevalenza dell'asma negli individui più anziani.

Nei pazienti asmatici, l’età non sembra influenzare l’efficacia della monosomministrazione giornaliera di tiotropio, utlizzato come terapia add-on al trattamento con steroidi inalatori (ICS) o alla combinazione ICS/LABA.
Lo dimostrano i risultati di uno studio recentemente pubblicato su the Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice.

Tali risultati sono di particolare rilevanza nella pratica clinica, alla luce del progressivo aumento della popolazione anziana a livello globale, come pure dell’aumento della prevalenza dell’asma negli individui più anziani.

Razionale e disegno dello studio
Esistono documentazioni in letteratura che riferiscono della percezione di una risposta differente dei pazienti asmatici più anziani ai broncodilatatori rispetto a quella rilevata nei pazienti più giovani, anche se tale percezione, fino ad ora, era basata sulla presenza di dati limitati.

Per verificare la veridicità di questa ipotesi, i ricercatori hanno condotto un’analisi post-hoc di 4 trial clinici randomizzati di fase 3 in pazienti asmatici adulti.

In due di questi (PrimoTina-Asthma), è stata messa a confronto l’efficacia di tiotropio 5 mcg in monosomministrazione giornaliera (n=456) rispetto al placebo (m=456), mentre negli altri due (MezzoTina Asthma) sono stati messi a confronto due dosaggi del LAMA (dose piena e dose dimezzata) (n=517 e 519, rispettivamente) con il trattamento a base di salmeterolo bis die 50 mcg (n=541) o con placebo (n=523).

Le analisi post-hoc ha esaminato alcuni endpoint di efficacia a 24 settimane, quali la FEV1 a valle e al picco, la FVC a valle, il punteggio totale riportato al test di controllo dell’asma (ACQ) e la proporzione di pazienti responder alla terapia somministrata. I ricercatori hanno effettuato lo studio sia utilizzando l’età come covariata continua che per fasce d’età differenti (<40 anni vs. 40-60 anni vs >60 anni).

Nei trial PrimoTinA e MezzoTinA, l’età media dei pazienti era pari, rispettivamente, a 53 e a 43,1 anni.

Risultati principali
Considerando la FEV1 a valle, è emersa l’efficacia superiore del trattamento con tiotropio nell’analisi che considerava l’età come variabile continua. Pertanto, questo endpoint non è risultato influenzato dall’età dei partecipanti allo studio.

Inoltre, l’età non ha influenzato l’effetto del trattamento add on di tiotropio 5 mcg al trattamento con ICS o con ICS/LABA in termini di punteggio ACQ (controllo asma) nei pazienti con asma moderato-severo.

Ciò detto, i ricercatori, però, hanno anche notato una debole influenza dell’età sulle analisi dei pazienti responder ACQ che consideravano l’età come variabile continua nei pazienti con asma moderato-severo; in effetti, è stato documentato un trend di riduzione di efficacia della terapia all’aumentar degli anni.

L’età, invece, non ha avuto alcun effetto sulla frequenza complessiva di eventi avversi a seguito del trattamento con tiotropio.

Nonostante un lieve incremento del tasso di eventi avversi seri nel gruppo placebo, si è osservato, nel complesso, un bilanciamento di questi tassi tra i gruppi considerati.

Limiti e implicazioni dello studio
Nel commentare i risultati, i ricercatori hanno ammesso, tra i limiti metodologici intrinseci del lavoro, l’inclusione di sottogruppi di pazienti di dimensioni numeriche limitate (soprattutto nella categoria dei pazienti di età <40 anni).

Ciò premesso “lo studio ha mostrato che tiotropio in monosomministrazione giornaliera come terapia add on agli ICS o alla terapia di combinazione ICS/LABA ha migliorato la funzione polmonare e si è dimostrato efficace e ben tollerato nei pazienti con asma sintomatico, indipendentemente dall’età – scrivono gli autori nelle conclusioni del lavoro -. I risultati mostrano chiaramente che gli effetti broncodilatatori della terapia anti-muscarinica con tiotropio sono simili nei pazienti giovani e in quelli in età avanzata, suffragando un’evidenza scientifica che differisce dalla percezione che vi sia una riduzione della risposta broncodilatatoria nell’anziano”.

Nicola Casella

Bibliografia
Doherty DE et al. Tiotropium respimat efficacy and safety in asthma: relationship to age [published online April 19, 2020]. J Allergy Clin Immunol Pract. doi:10.1016/j.jaip.2020.04.013
Leggi






SEZIONE DOWNLOAD