Asma persistente, bene beclometasone dipropionato con nuovo inalatore #ACAAI2018

Beclometasone diproprionato (BDP), somministrato mediante apposito inalatore pressurizzato attivato dal respiro (BAI) al dosaggio di 320 mcg/die e 640 mcg/die, si associa ad un miglioramento della funzione polmonare in adolescenti e adulti affetti da asma persistente. Questi i risultati di uno studio presentato a Seattle, nel corso del congresso annuale dell'American College of Allergy, Astma and Immunology (ACAAI).

Beclometasone diproprionato (BDP), somministrato mediante apposito inalatore pressurizzato attivato dal respiro (BAI) al dosaggio di 320 mcg/die e 640 mcg/die, si associa ad un miglioramento della funzione polmonare in adolescenti e adulti affetti da asma persistente.

Questi i risultati di uno studio presentato a Seattle, nel corso del congresso annuale dell’American College of Allergy, Astma and Immunology (ACAAI).

Razionale e disegno dello studio
“L’oggetto del trattamento con BDP, somministrato mediante il nuovo device è stato valutato a livello complessivo, anche in relazione ad una terapia pre-studio per verificare se l’ultima opzione terapeutica fosse in grado di influenzare l’efficacia – scrivono i ricercatori nell’introduzione all’abstract del lavoro presentato al congresso”.

“Il profilo di safety di questo device di BDP è risultato paragonabile a quello documentato con lo spray pre-dosato standard (MDI), senza emersione di nuovi eventi avversi rispetto a quelli già noti”.

In questo studio di fase 3, della durata di 6 settimane, sono stati reclutati 425 pazienti con asma persistente (età>12 anni), con storia di mancato utilizzo di CS, di steroidi inalatori (ICS) o di ICS/LABA. Questi sono stati randomizzati al trattamento con un placebo mediante BAI, con un placebo mediante device MDI, con 320 mcg/die di BDP mediante BAI, 640 mcg/die di BDP mediante BAI, o 320 mcg/die di BDP mediante MDI.

I trattamenti in questione sono stati erogati dopo un breve periodo di washout e di training all’impiego dell’inalatore assegnato dalla randomizzazione.

Era consentito, comunque, nel corso del trial il ricorso a farmaci di soccorso (es: albuterolo/salbutamolo), erogati tramite MDI o device equivalente.

Risultati principali
I ricercatori hanno documentato miglioramenti significativi, rispetto alle condizioni di partenza, della funzione polmonare nei pazienti trattati con 320 mcg/die o 640 mcg/die di BDP mediante BAI rispetto al gruppo placebo (p<0,001).

Non solo: sono stati documentati, dall’inizio dello studio a 6 settimane, miglioramenti di entità ancora maggiore della AUC della FEV1 mattutina in pazienti trattati con BDP rispetto a quelli del gruppo placebo (p<0,001).

I pazienti trattati con ICS all’inizio dello studio hanno sperimentato effetti del trattamento paragonabili ad entrambe le dosi testate, erogate mediante BAI o MDI per tutti gli endpoint secondari valutati dallo studio – 1) variazioni rispetto al basale: a) del picco di flusso espiratorio al mattino; b) dell’impiego di farmaci di soccorso rispetto alle condizioni di partenza; c) della FEV1 mattutina; d) del punteggio giornaliero al test sulla sintomatologia asmatica; 2) tempo alla sospensione del trattamento a seguito del soddisfacimento dei criteri che ne raccomandano l’interruzione a seguito del peggioramento dell’asma.

Riassumendo
In conclusione, “il nuovo device BAI offre dei vantaggi rispetto al device MDI nei pazienti nei quali è possibile un training all’utilizzo dell’erogatore meno rigoroso – hanno scritto i ricercatori nell’abstract dello studio presentato al congresso”.
Tra i limiti metodologici intrinseci del lavoro, ammessi dagli stesso autori, è stato riferito il sottodimensionamento del campione di pazienti considerato, che non ha permesso di mettere a confronto doso differenti di BDP o i device utilizzati.

NC

Bibliografia
Carr W et al. Beclomethasone dipropionate delivered via breath-actuated inhaler in persistent asthma: efficacy evaluation according to prior treatment. Presented at: the Annual Scientific Meeting of the American College of Allergy, Asthma, and Immunology; November 15-19, 2018; Seattle, WA. Poster P212.