Pneumologia

Asma, trattamento prolungato con dupilumab riduce la dipendenza da corticosteroidi orali

Il trattamento a lungo termine con dupilumab ha aiutato i pazienti con asma dipendenti dai corticosteroidi orali a ridurre l'uso di questi farmaci e ha anche diminuito le esacerbazioni e migliorato la funzione polmonare.

Il trattamento a lungo termine con dupilumab ha aiutato i pazienti con asma dipendenti dai corticosteroidi orali a ridurre l’uso di questi farmaci e ha anche diminuito le esacerbazioni e migliorato la funzione polmonare.

Alla conferenza internazionale dell'American Thoracic Society, i ricercatori hanno presentato un'analisi post hoc che ha valutato se le riduzioni della dose di corticosteroidi orali (OCS) e l'efficacia di dupilumab osservate nello studio LIBERTY ASTHMA VENTURE condotto su pazienti con asma grave OCS-dipendente erano mantenute nei pazienti che avevano continuato il trattamento con dupilumab nello studio di estensione in aperto LIBERTY ASTHMA TRAVERSE.

I pazienti nello studio VENTURE avevano ricevuto dupilumab 300 mg ogni 2 settimane o placebo per 24 settimane; i soggetti a cui era stato assegnato dupilumab avevano sperimentato riduzioni significative dell'uso di OCS dal basale e riduzioni delle esacerbazioni gravi e un miglioramento della FEV1 pre-broncodilatatore rispetto al placebo. Dei 210 pazienti che avevano completato lo studio VENTURE, 187 sono stati arruolati in TRAVERSE e hanno ricevuto dupilumab 300 mg ogni 2 settimane per un massimo di 96 settimane.

"Dupilumab ha ridotto l'uso di corticosteroidi orali nel tempo rispetto al basale nei pazienti arruolati in TRAVERSE. I soggetti che non erano in grado di ridurre i corticosteroidi orali perché assegnati al placebo nello studio VENTURE erano ora in grado di ridurre tali farmaci e molti erano liberi dai corticosteroidi orali entro la fine del periodo di trattamento", ha detto Michael E. Wechsler, professore di medicina al National Jewish Health di Denver.

A 96 settimane, i pazienti assegnati dupilumab sia in VENTURE che in TRAVERSE hanno raggiunto l'89% di riduzione degli OCS dal basale dello studio VENTURE. Quelli assegnati al placebo in VENTURE poi trattati con dupilumab in TRAVERSE hanno raggiunto il 74% di riduzione nell'uso di OCS dalla settimana 96.

A 24 settimane di follow-up dello studio VENTURE, il 53,3% dei pazienti che aveva ricevuto dupilumab e il 29,9% di quelli a cui è stato assegnato il placebo ha interrotto l'uso di OCS. Dei 29 pazienti che avevano ricevuto placebo e poi dupilumab durante TRAVERSE e dei 48 che avevano ricevuto dupilumab in entrambi gli studi ed erano liberi dagli OCS alla fine di VENTURE, 21 e 33, rispettivamente, hanno fornito dati sulla dose di OCS durante TRAVERSE; quasi tutti erano rimasti liberi dagli OCS durante TRAVERSE (21 placebo/dupilumab, 31 dupilumab/dupilumab).

Inoltre, i pazienti che erano passati dal gruppo dupilumab hanno mostrato miglioramenti sostenuti nei tassi di esacerbazione e FEV1. Inoltre, i pazienti che erano passati dal gruppo placebo hanno avuto un rapido miglioramento iniziale nei tassi di esacerbazione e nella funzione polmonare dopo aver iniziato dupilumab che è stato mantenuto durante TRAVERSE.

"Questo studio è importante perché dimostra la sicurezza a lungo termine di dupilumab fino a 96 settimane. Inoltre, dimostra che gli effetti del famraco non si esauriscono nel tempo e, anche i pazienti che sono dipendenti dai corticosteroidi orali, continueranno ad avere una riduzione delle esacerbazioni e un miglioramento della funzione polmonare quando le dosi di corticosteroidi orali sono in diminuzione", ha detto Wechsler. "Questa terapia è sicura a lungo termine, è efficace a lungo termine, e i pazienti che erano nel braccio placebo hanno ottenuto ulteriori miglioramenti nonostante il fatto che erano sotto corticosteroidi orali quando dupilumab è stato aggiunto. Questi dati sono molto rassicuranti".

Wechsler ME, et al. Am J Respir Crit Care Med. 2021;doi:10.1164/ajrccm-conference.2021.203.1.