Pneumologia

Assunzione di vitamina A, E e D correlata a minori disturbi respiratori negli adulti

L'elevato apporto di vitamina A, E e D può essere legato a minori disturbi respiratori negli adulti. Lo suggerisce un'analisi dei dati di un'indagine a lungo termine rappresentativa a livello nazionale, pubblicato online sulla rivista BMJ Nutrition Prevention & Health.
I risultati giustificano un ulteriore studio tra diversi gruppi etnici e geografie in vista dell'attuale pandemia di coronavirus, suggeriscono i ricercatori.

L'elevato apporto di vitamina A, E e D può essere legato a minori disturbi respiratori negli adulti. Lo suggerisce un'analisi dei dati di un’indagine a lungo termine rappresentativa a livello nazionale, pubblicato online sulla rivista BMJ Nutrition Prevention & Health.
I risultati giustificano un ulteriore studio tra diversi gruppi etnici e geografie in vista dell'attuale pandemia di coronavirus, suggeriscono i ricercatori.

La nutrizione ha un ruolo chiave nel ridurre il rischio di diverse infezioni, anche se il modo con cui essa influisce e aumenta l'immunità è complesso e non ancora completamente compreso. Le vitamine A, E, C e D sono già state considerate per aiutare il normale funzionamento del sistema immunitario nell'Unione Europea, e l'American Nutrition Association suggerisce che queste vitamine possono anche aiutare a prevenire le infezioni respiratorie.

I ricercatori hanno voluto esplorare se l'assunzione di queste vitamine sia dalla dieta sia dagli integratori potrebbe essere collegato alla prevalenza di disturbi respiratori in un campione rappresentativo a livello nazionale di adulti del Regno Unito.

Essi hanno attinto alle informazioni fornite da 6115 partecipanti adulti che nel 2008-2016 hanno partecipato al National Diet and Nutrition Survey Rolling Programme (NDNS RP) e che avevano completato tre o più giorni di diari di dieta. Il NDNS RP è un'indagine a rotazione che raccoglie annualmente informazioni su tutti gli alimenti e le bevande consumati da circa 1000 persone selezionate a caso e che vivono in famiglie del Regno Unito.

I disturbi respiratori sono stati segnalati dai partecipanti e non sono stati diagnosticati da un medico. Erano ampiamente definiti e comprendevano condizioni sia infettive che non infettive, come raffreddori, broncopneumopatia cronica ostruttiva e asma.
I ricercatori hanno esaminato solo l'assunzione dietetica (esposizione continua) e quella da dieta e integratori (esposizione binaria), tenendo conto di fattori potenzialmente influenti, come l'età, il sesso, il peso corporeo (IMC), il fumo, il reddito familiare e l'assunzione totale di energia.

In totale, sono stati registrati 33 casi di disturbi respiratori. Le persone colpite erano generalmente più anziane e meno propensi a dire di aver assunto regolarmente integratori di vitamine A, E, C o D.

Non c'era un'associazione ovvia tra IMC e assunzione di vitamine, o tra IMC e disturbi respiratori. E non è stato possibile determinare alcuna associazione con gli integratori di vitamina C, poiché nessuno degli adulti con disturbi respiratori ha detto di averli assunti.

Ma l'assunzione di vitamina A ed E sia dalla dieta che dagli integratori è stata associata a una minore prevalenza di disturbi respiratori negli adulti del Regno Unito. Le principali fonti alimentari di vitamina A includono fegato, latte intero e formaggio, così come carote, verdure a foglia verde scuro e frutta di colore arancione. Le principali fonti dietetiche di vitamina E includono oli vegetali, noci e semi.

L'assunzione di vitamina D da integratori, ma non dalla dieta, è stata associato a minori disturbi respiratori, spingendo i ricercatori a suggerire che i risultati aggiungono evidenze al dibattito scientifico attuale sul valore della supplementazione di vitamina D.
"Si stima che circa un quinto della popolazione generale nel Regno Unito abbia un basso contenuto di vitamina D, e che oltre il 30% degli adulti più anziani di 65 anni e oltre non raggiunga l'apporto di nutrienti raccomandato", scrivono.

"I nostri risultati sono coerenti con l'ipotesi che l'integrazione è fondamentale per garantire il mantenimento di un adeguato stato di vitamina D e indicano potenzialmente che l'assunzione di vitamina D dalla sola dieta non può aiutare a mantenere un adeguato stato di vitamina D".

Questo è uno studio osservazionale, e come tale, non può stabilire la causa, aggiunto a cui il numero di disturbi respiratori era piccolo, il che significa che non si possono fare inferenze rispetto alla pandemia di coronavirus, attenzione i ricercatori.
"Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare le implicazioni dello studio attuale nel contesto dell'attuale pandemia del coronavirus 2019, utilizzando i dati delle coorti longitudinali", suggeriscono.

"Il nostro studio evidenzia anche la necessità di un'ulteriore raccolta di dati sulla nutrizione e sui disturbi respiratori per coprire aree geografiche più ampie e gruppi ad alto rischio, con particolare attenzione alle altre etnie", aggiungono.

Shane McAuliffe, Science Communications Lead per la task force NNEdPro Nutrition & COVID-19, ha detto: "Pur riconoscendo i limiti di questi dati, essi contribuiscono ad aumentare ulteriormente l'interesse e le prove del ruolo della vitamina D nella salute respiratoria.

"Data la nostra conoscenza dell'entità della carenza di vitamina D nella popolazione, in equilibrio con il basso costo e il basso rischio di eventi avversi, sembra ragionevole fornire un'integrazione di questa vitamina chiave, in particolare a coloro che hanno più probabilità di essere carenti".

Il professor Sumantra Ray, direttore esecutivo del NNEdPro Global Centre for Nutrition & Health di Cambridge e Visiting Professor of Public Health dell'Imperial College di Londra, ha aggiunto: "I dati rappresentativi a livello nazionale continuano a ricordarci che le carenze di micronutrienti sono ben lungi dall'essere un ricordo del passato, anche nelle nazioni a più alto reddito come il Regno Unito, e questa tendenza è rispecchiata da fonti di dati globali comparabili provenienti da paesi con risorse minori a quelli con sistemi sanitari avanzati.

"Nonostante questo, le carenze di micronutrienti sono spesso trascurate come un contributo chiave al peso della malnutrizione e della cattiva salute, presentando un ulteriore strato di sfida durante la pandemia di Covid-19".


SEZIONE DOWNLOAD