Bpco, come variano i fattori di rischio di esacerbazione in base al sesso?

I fattori di rischio di riospedalizzazione a 30 giorni da un evento di esacerbazione di Bpco differiscono in base al sesso di appartenenza. Lo dimostrano i risultati di uno studio di recente pubblicazione su the Annals of the American Thoracic Society.

I fattori di rischio di riospedalizzazione a 30 giorni da un evento di esacerbazione di Bpco differiscono in base al sesso di appartenenza. Lo dimostrano i risultati di uno studio di recente pubblicazione su the Annals of the American Thoracic Society.

Razionale e disegno dello studio
Con lo scavalcamento dei dati di prevalenza della Bpco del sesso femminile su quelli relativi al sesso maschile, attualmente sia l’ospedalizzazione legata alla malattia che la mortalità risultato essere più elevate nelle donne, ricordano i ricercatori nell’introduzione al lavoro.

E’ però anche noto come sia la presentazione, sia la valutazione che il trattamento della Bpco differiscano tra i due sessi.

Nonostante la prevalenza elevata di pazienti fumatori tra i Veterani di guerra Usa, finora non erano state condotte analisi finalizzate all’individuazione e caratterizzazione di differenze tra i pazienti con Bpco in base al sesso di appartenenza.

Per colmare questo gap, è stata condotta un’analisi retrospettiva in base al sesso di appartenenza, avente come obiettivo quello di valutare le differenze relative alle comorbilità associate all’esacerbazione di Bpco in un campione di popolazione di Veterani di guerra Usa. Ciò allo scopo di determinare i fattori di rischio di ri-ospedalizzazione a 30 giorni.

E’ stata effettuata, pertanto, una ricerca retrospettiva dei dati clinici relativi ai Veterani di guerra Usa, seguiti in un programma di assistenza sanitaria specifico, alla ricerca di pazienti che erano stati ospedalizzati per esacerbazione di Bpco (identificata mediante codice di malattia ICD9). Le cartelle cliniche utilizzate per l’analisi successiva contenevano informazioni demografiche, dati clinici, dati relativi alla salute mentale, al fumo di sigaretta e all’impiego di farmaci.

Risultati principali
Su 48.888 pazienti ospedalizzati nel corso di un quadriennio per esacerbazione da Bpco, il 4% era di sesso femminile. Rispetto ai pazienti di sesso maschile, quelli di sesso femminile erano più giovani (62 anni vs. 69) e, nella maggior parte dei casi, fumatrici attive (71% vs. 62%). Inoltre, erano affette più frequentemente da asma (39% vs. 17%) e da comorbilità psichiatriche.

Quanto ai trattamenti precedenti il ricovero ospedaliero, è emerso che le donne era state sottoposte in misura maggiore degli uomini a terapia di sostituzione nicotinica (24% vs. 15%; p<0,01)  e meno, invece, a trattamento con agenti antimuscarinici (43% vs. 48%; p<0,01) o terapia combinata LABA/ICS  (61% vs 64%; p =0,04).
Il tasso di ri-ospedalizzazione a 30 giorni è risultato inferiore nelle donne (20% vs. 22%; p=0,01) rispetto agli uomini.

Da ultimo, i risultati di un modello di regressione logistica multivariabile, stratificato in base al sesso di appartenenza, hanno mostrato che l’età avanzata, lo scompenso cardiaco, l’ansia e l’impiego di farmaci erano associati alla ri-ospedalizzazione a 30 giorni per ambo i sessi, mentre l’etnia di appartenenza, il diabete, la presenza di disturbo depressivo maggiore, l’abuso di alcol e l’utilizzo di farmaco antimuscarinico per inalazione rappresentavano motivo principale di ri-ospedalizzazione nel sesso maschile.

Riassumendo
Nel commentare i risultati, i ricercatori hanno ammesso alcuni limiti metodologici intrinseci dello studio, come il disegno retrospettivo, la presenza di bias da sesso di appartenenza per la codificazione dell’evento di esacerbazione da Bpco, la mancanza di dati spirometrici, sullo stato socioeconomico e la sintomatologia, come pure l’età media più bassa della componente femminile della popolazione considerata per l’analisi.

Ciò detto, concludono, lo studio “…ha dimostrato come le veterane di guerra Usa con Bpco mostrino un fenotipo caratteristico rispetto ai loro colleghi uomini – presentazione di malattia in età meno avanzata, tasso elevato di tabagismo e riscontro di alcune comorbilità specifiche”.

NC

Bibliografia
Bade BC et al. Sex differences in veterans admitted to the hospital for COPD exacerbation [published online March 1, 2019]. Ann Am Thorac Soc. doi:10.1513/AnnalsATS.201809-615OC
Leggi