BPCO, statine inutili contro le riacutizzazioni

Pneumologia
Le statine non servono per prevenire le riacutizzazioni della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). A sancirlo sono i risultati dello studio STATCOPE (Prospective Randomized Placebo-Controlled Trial of Simvastatin in the Prevention of COPD Exacerbations), un trial multicentrico di fase III appena presentato al congresso dell’American Thoracic Society, a San Diego, e pubblicato in contemporanea online sul New England Journal of Medicine.

Il trial è frutto del lavoro del COPD Clinical Research Network e del Canadian Institutes of Health Research, ed è finanziato da quest’ultimo, oltre che dal National Heart, Lung, and Blood Institute statunitense.

In questo studio, simvastatina non è risultata efficace nel prevenire le riacutizzazioni della BPCO rispetto al placebo (1,36 per persona-anno contro 1,39, P = 0,54) e nemmeno nel ritardarle (mediana dei giorni alla prima riacutizzazione: 223 contro 231: P = 0,34).

Il trial non è l’unico, tra quelli presentati al congresso, a segnare un flop per le statine nel trattamento delle malattie respiratorie. Durante il meeting, infatti, sono stati presentati i risultati di un altro grosso studio di fase III, anch’esso finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute e pubblicato pure sul Nejm, nel quale questi farmaaci hanno mostrato di non ridurre la mortalità né migliorare altri outcome nella sindrome da distress respiratorio acuto (ADRS) legata alla sepsi.

Come lo studio sull’ADRS, anche lo studio STATCOPE è stato interrotto in anticipo, per evidente inutilità, dopo che erano stati arruolati 878 pazienti con BPCO moderata o grave (il 44% donne), con una storia di fumo di 10 o più pacchetti/anno, sottoposti a ossigenoterapia o a un trattamento con glucocorticoidi o antibiotici, o recatisi in pronto soccorso o ricoverati in ospedale a causa della BPCO nell’anno precedente.

I partecipanti sono stati trattati con simvastatina 40 mg/die o placebo per 12-36 mesi presso 45 centri e l’endpoint primario era l’effetto della statina sulla frequenza annuale delle esacerbazioni in ogni sottogruppo di pazienti.

Oltre a non mostrare alcun vantaggio positivo su questo endpoint, il farmaco non ha neppure migliorato la funzionalità polmonare, valutata con la spirometria, o la qualità della vita.

Anche la mortalità e altri eventi avversi gravi sono risultati simili nei due gruppi. Ci sono stati, infatti, 28 decessi nel gruppo simvastatina e 30 nel gruppo placebo (P = 0,89), mentre gli eventi avversi non fatali per persona-anno sono stati, rispettivamente, 0,63 contro 0,6 (P > 0,20).

Da notare che, tra i criteri di esclusione, vi erano la compresenza di diabete o malattie cardiovascolari. Sono stati, inoltre, esclusi i pazienti che già stavano assumendo statine o che avrebbero dovuto farlo in base alle indicazioni delle linee guida.

Questo, suggeriscono gli autori nella discussione, potrebbe spiegare le differenza tra i risultati del loro studio e quelli, positivi, di precedenti studi osservazionali.

"Il sottoutilizzo delle statine nei pazienti con fattori di rischio cardiovascolare, che erano invece stati inclusi negli studi retrospettivi precedenti, potrebbe spiegare in parte le differenze tra i nostri risultati e quelli riportati in precedenza" scrivono i ricercatori, coordinati da Gerard Criner, della Temple University di Philadelphia.

Lo pneumologo e i suoi colleghi definiscono i loro risultati conclusivi, pur riconoscendo che non è chiaro se siano estrapolabili anche a pazienti con una BPCO meno grave .

Un'altra limitazione del trial è che al momento dell’arruolamento non si è valutato alcun marker di infiammazione sistemica, come la proteina C reattiva, per selezionare i pazienti, il che "potrebbe aver limitato la nostra capacità di rilevare un effetto di simvastatina nel ridurre la frequenza delle riacutizzazioni" osservano Criner e i suoi colleghi.

Criner GJ, et al . Simvastatin for the prevention of exacerbations in moderate-to-severe COPD. N Engl J Med 2014; DOI: 10.1056/NEJMoa1403086.
leggi

Alessandra Terzaghi

SEZIONE DOWNLOAD