Fibrosi cistica, aumenta l'aspettativa di vita

Pneumologia
L'aspettativa di vita per i bambini con diagnosi di fibrosi cistica (FC) è oggi (dati del 2010) di 37 anni per le femmine e 40 anni per i maschi, secondo stime prudenziali provenienti da uno studio pubblicato online il 19 agosto su Annals of Internal Medicine.

Le stime si basano sui trend di sopravvivenza osservati nel periodo 2000-2010 e provenienti dal Registro americano della Cystic Fibrosis Foundation e gli autori osservano che molti fattori hanno contribuito ad aumentare l'aspettativa di vita per le persone con FC.

Dal 1966, il Patient Registry della Cystic Fibrosis Foundation ha documentato la storia naturale della malattia, attraverso la raccolta di dati su circa 26.000 dei circa 35.000 individui affetti da fibrosi cistica negli Stati Uniti. Quando il Registro è iniziato, l'aspettativa di vita era limitata alla prima infanzia, e le morti erano più spesso il risultato di malnutrizione piuttosto che di una di funzione polmonare compromessa.

Da quando i pazienti hanno cominciato a vivere più a lungo, la componente respiratoria è emersa e ha presentato un nuovo bersaglio terapeutico. "Prevenire o controllare esacerbazioni polmonari ha contribuito alla sopravvivenza," dice  Paul Quinton, PhD, professore di scienze biomediche presso la University of California, Riverside, Facoltà di Medicina e consulente medico di Fibrosi Cistica Research e sua volta paziente con FC. "Abbiamo una migliore comprensione della patogenesi, e siamo molto più consapevoli della necessità di mantenere pervie le vie respiratorie."

Il registro tiene traccia anche del successo degli interventi. Questi includono esercizi di detersione delle vie aeree, inalazione giornaliera di antibiotici e mucolitici, una dieta ricca di grassi ad alto contenuto calorico, e, da poco, anche l’uso del farmaco ivacaftor per correggere il “misfolding” della proteina regolatore della conduttanza transmembrana (CFTR). Inoltre, lo screening neonatale universale dal 2009 e l’aumento delle diagnosi di adulti con forme più lievi della malattia hanno aumentato il numero di pazienti nel Registro di sistema da 21.000 a 26.000 nel decennio a partire dal 2000, e hanno anche hanno portato a una maggiore longevità.

I pazienti nello studio avevano FC genotipo-confermata e un fenotipo clinico. Le analisi di mortalità consideravano l'età alla diagnosi e la morte, il sesso, la razza o l'origine etnica, stato di mutazione delezione “delta F508”, e l'anno del decesso.

Tra il 2000 e il 2010, l'età mediana dei pazienti arruolati nel database è aumentata 14,3-16,7 anni e la mortalità annuale rettificata è diminuito dell’1,8% (95% intervallo di confidenza [CI], 0,5% - 2,7%). Rispetto alle femmine, i maschi avevano un rischio aggiustato per la morte inferiore del 19% (95% CI, 13% - 24%), il rischio. L'effetto del sesso potrebbe essere il risultato di differenze di ormoni sessuali e / o livelli di creatinina

Nel 2010, la sopravvivenza mediana per le persone nate, assumendo il tasso di mortalità costante e ulteriori miglioramenti nella sopravvivenza, era di 37 anni (95% CI, 35-39 anni) per le femmine e 40 anni (95% CI, 39-42 anni) per i maschi . Tuttavia, se il tasso di mortalità continua a scendere alla velocità osservata nel 2000-2010, allora la proiezione mediana di sopravvivenza potrebbe essere di 54 anni (95% CI, 50-58 anni) nelle femmine e 58 anni (95% CI, 55-60 anni) nei maschi.

I ricercatori hanno anche scoperto che lo screening neonatale a livello nazionale ha fattoi scendere l'età media alla diagnosi da 6 mesi a 1 mese. La percentuale di individui omozigoti per la delezione delta F508 è diminuito perchè più mutazioni sono state identificate e rilevate.

Gli individui affetti da fibrosi cistica presentano mutazioni sul gene CFTR, delle quali più di 1000 sono conosciute. La più frequente nella popolazione di origine caucasica è una delezione di 3 nucleotidi (CTT), che provoca la perdita dell'aminoacido fenilalanina codificato dal codone 508 (la mutazione è detta "delta F508").

È emersa anche una maggiore vulnerabilità dei pazienti durante l'adolescenza. Fino a 10 anni di età, la mortalità annua è inferiore allo 0,5%. Poi ha un picco prima di assestarsi all’età 25 anni al 3% al 4% l'anno nelle donne e 2% al 3% l'anno negli uomini.

In un editoriale di accompagnamento, Joseph M. Pilewski, MD, presso l'Università di Pittsburgh, in Pennsylvania, e la rivista executive vice direttore Darren B. Taichman, MD, PhD, suggeriscono che l'effetto dell'età potrebbe essere il risultato di cattiva alimentazione e ridotta adesione alle terapie , così come l'acquisizione di agenti patogeni come Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus aureus meticillino-resistente.

L'invecchiamento della popolazione di pazienti con FC presenterà sfide cliniche, compresi gli effetti di decenni di assunzione di antibiotici aminoglicosidici, complicanze microvascolari da diabete CF-correlato, depressione e ansia.

Le comorbidità associate con l'invecchiamento che sono più diffusi tra le persone con FC includono il cancro al colon, ipertrigliceridemia, e insufficienza renale cronica.

"La cura per gli adulti con FC richiede una rete di assistenza", scrivono gli editorialisti.

Lo studio ha monitorato la storia naturale della malattia nel corso di un decennio di grande cambiamento. Nuovi trattamenti si sono resi disponibili e pazienti anziani e più sani hanno aderito al Registro di sistema. "Lo studio si concentra sui casi più gravi. Il numero di persone con disturbi CFTR-correlati è probabilmente molto più grande, ma questi individui potrebbe beneficiare di trattamenti specifici che sono di valore per i casi più gravi su base organo-per-organo," ha detto il dottor Whitcomb.

I risultati sono conservatori. "I nuovi trattamenti che stanno emergendo potrebbero causare un salto enorme in termini di sopravvivenza, che si sta avvicinando a quella della popolazione generale. Tuttavia, rimaniamo cautamente ottimisti perché la soluzione di un problema è spesso causa o scopre altri problemi imprevisti. Questa preoccupazione, tuttavia, dovrebbe comportare vigilanza, piuttosto che scoraggiamento, e stimolare la ricerca implacabile di cura ottimale ", ha detto il dottor Whitcomb.

Todd MacKenzie, PhD; Alex H. Gifford, MD; Kathryn A. Sabadosa, MPH; Hebe B. Quinton, MS; Emily A. Knapp, BA; Christopher H. Goss, MD, MSc; and Bruce C. Marshall, MD Ann Intern Med. 2014;161(4):233-241. doi:10.7326/M13-0636
leggi

SEZIONE DOWNLOAD