Fibrosi cistica, regime a tre farmaci di Vertex raggiunge gli end point in due studi in fase avanzata

Vertex Pharmaceuticals ha annunciato mercoledý scorso che un regime combinato che combina il correttore sperimentale di nuova generazione VX-445 con ivacaftor e tezacaftor ha raggiunto gli endpoint primari di due studi di Fase III condotti in pazienti con fibrosi cistica.

Vertex Pharmaceuticals ha annunciato mercoledì scorso che un regime combinato che combina il correttore sperimentale di nuova generazione VX-445 con ivacaftor e tezacaftor ha raggiunto gli endpoint primari di due studi di Fase III condotti in pazienti con fibrosi cistica.

I risultati hanno dimostrato che la terapia a tripla combinazione è associata a miglioramenti significativi della funzione polmonare rispetto al placebo.
I risultati di un altro studio di Fase III presentato lo scorso anno illustrano che un regime che combina un diverso correttore di nuova generazione (VX-659) con ivacaftor e tezacaftor è stato associato a miglioramenti significativi della funzione polmonare rispetto al placebo.

Per adesso i due regimi hanno dato risultati quasi identici (13,8 punti con VX 445 e 13 punti con VX659) nel miglioramento a 4 settimane rispetto al basale del tasso percentuale del valore di FEV1.

Vertex ha indicato che intende presentare una domanda di autorizzazione negli Stati Uniti e nell'UE rispettivamente nel terzo e quarto trimestre, per una delle due combinazioni a tre farmaci dopo aver esaminato i dati finali a 24 settimane per entrambi i regimi, che sono attesi nel secondo trimestre.