Fibrosi polmonare, doppio trapianto di polmone da preferire, meglio sotto i 70 anni

I trapianti di polmone doppio sono legati a tassi di sopravvivenza significativamente più elevati rispetto a quelli di polmone singolo nei pazienti affetti da fibrosi polmonare al di sotto dei 70 anni. Lo dimostrano i risultati di uno studio recentemente pubblicato su The Annals of Thoracic Surgery.

I trapianti di polmone doppio sono legati a tassi di sopravvivenza significativamente più elevati rispetto a quelli di polmone singolo nei pazienti affetti da fibrosi polmonare al di sotto dei 70 anni.

Lo dimostrano i risultati di uno studio recentemente pubblicato su  The Annals of Thoracic Surgery.

Razionale e disegno dello studio
Stando ai dati del Registro della Società Internazionale dei Trapianti Cuore e Polmoni, è noto come, in pazienti con fibrosi polmonare interstiziale, il trapianto di polmone doppio si associa ad un tasso di sopravvivenza a 5 anni più elevato dei trapianti di polmone singolo.

Quello che invece non è ancora chiaro è se questo tipo di trapianto sia valido per tutti i pazienti con fibrosi polmonari, compresi quelli in età più avanzata.

L'evidenza oggi disponibile in merito sembra asseganre maggiori benefici con il trapianto di polmone doppio, in luogo di quello singolo, soprattutto in quei pazienti che presentano un punteggio di allocazione del polmone (LAS) elevato – il punteggio LAS è un parametro calcolato, compreso in una scala da 0 a 100, assegnato a ciascun canditato a trapiano polmonare, che predice la probabilità di sopravvivenza in lista d'attesa con o senza un trapianto di polmone.

Più elevato è il punteggio LAS, più urgente e tempestivo deve essere il ricorso al trapianto, tenendo presente, però, che il trapianto di polmone doppio è un intervento chirurgico più complesso e che i rischi sono più elevati per i pazienti più compromessi dal punto di vista clinico.

Un altro fattore che influenza un intervento di trapianto polmonare è rappresentato dall'ipertensione polmonare, ma sono necessari ulteriori studi per capire come questa impatti sul trapiano doppio vs. singolo.

L'obiettivo degli autori di questo studio è stato quello di fare un'analisi retrospettiva che ha messo a confronto i rischi e i benefici dei trapianti di polmone doppio vs. quello singolo, incluso il tasso di sopravvivenza tra i pazienti con fibrosi polmonare sulla base di informazioni provenienti da un database di trapianti d'organo (the United Network for Organ Sharing).

A tal scopo, sono stati analizzati i dati previa fissazione di 4 cut-off di punteggio LAS considerato - <45, >45, >60 e >75 – e sulla base dei valori medi di pressione arteriosa polmonare – 25, >25, >30 e >40.

I pazienti sono stati anche classificati in base all'età - <60, >60, >65 e >70 anni.

L'analisi ha incluso 9.191 pazienti con fibrosi polmonare che sono andati incontro a trapianto polmonare tra il 1987 e il 2015.

Risultati principali
Sono stati condotti, durante il periodo di osservazione dello studio, 4.443 trapianti di polmone doppio  e 4.724 trapianti di polmone singolo.

Nei primi, il tasso di sopravvivenza a 10 anni è stato pari al 55% rispetto al 32% osservato nei soggetti con trapianto di polmone singolo.

I ricercatori hanno anche osservato che i pazienti di tutte le fasce d'età considerate – eccezion fatta per gli ultra70enni – presentavano un miglioramento della sopravvivenza con un trapianto di polmone doppio rispetto a quelli con trapiano di polmone singolo. Ad esempio, la sopravvivenza media nei pazienti di età inferiore ai 60 anni è stata di 8,1% nei soggetti sottoposti a trapianto di polmone singolo rispetto a 11,5 di quelli con trapianto di polmone doppio.

I trapianti di polmone doppio hanno anche migliorato i tassi di sopravvivenza, indipendentemente dal punteggio LAS e dalla pressione arteriosa polmonare. Nello specifico: più alto era il punteggio LAS, maggiore era il vantaggio assicurato, in termini di sopravvivenza, dal trapianto di polmone doppio.

Per contro, nei pazienti sottoposti a trapianto di polmone singolo, erano associati ad una riduzione della sopravvivenza una pressione >30 mgHg e un punteggio LAS >45.

Riassumendo
Nei pazienti con fibrosi polmonare, il trapianto di polmone doppio ha migliorato la sopravvivenza rispetto a quello singolo, e dovrebbe essere considerato il procedimento chirurgico di elezione al di sotto dei 70 anni di età.
I ricercatori hanno anche sottolineato come sia da scoraggiare il ricorso a trapianto di polmone singolo in pazienti con pressione arteriosa polmonare media >30 mmHg e un punteggio LAS >45.

Bibliografia
Villavicencio MA et al. Single versus Double Lung Transplantation in Pulmonary Fibrosis: Impact of Age and Pulmonary Hypertension. The Annals of Thoracic Surgery  2018, E-pub ahead-of-print
Leggi