Rinosinusite associata a polipi, dupilumab sicuro ed efficace in fase 3 #AAAAI2019

I pazienti affetti da rinosinusite cronica, associata a polipi nasali, sperimentano un miglioramento degli outcome endoscopici, radiografici e clinici se trattati con dupilumab come terapia add-on al mometasone furoato intranasale. Lo dimostrano i risultati di un trial di fase 3 (SINUS-24), presentato a San Francisco (Usa) in occasione del meeting annuale dell'American Academy of Allergy, Asthma & Immunology.

I pazienti affetti da rinosinusite cronica, associata a polipi nasali, sperimentano un miglioramento degli outcome endoscopici, radiografici e clinici se trattati con dupilumab come terapia add-on al mometasone furoato intranasale.

Lo dimostrano i risultati di un trial di fase 3 (SINUS-24), presentato a San Francisco (Usa) in occasione del meeting annuale dell’American Academy of Allergy, Asthma & Immunology.

Lo studio ha reclutato 276 pazienti sottoposti a trattamento pregresso con corticosteroidi sistemici e/o sottoposti a chirurgia e li ha randomizzati al trattamento con dupilumab sottocute 300 mg o a placebo a cadenza quindicinale per 24 settimane.

L’endpoint primario era rappresentato dalla variazione occorsa, dal basale a 24 settimane, del punteggio relativo ai polipi nasali e alla congestione nasale riferita dai pazienti. Tra gli altri outcome considerati vi sono stati le variazioni al test di identificazione degli odori, al Sino-nasal Outcome Test e dei punteggi riportati all’Asthma Control Questionnaire-6.

I valori basali di questi punteggi erano paragonabili tra i due gruppi di pazienti in studio.

Passando ai risultati, è emerso che sia l’impiego di steroidi sistemici che la necessità di ricorrere alla chirurgia si sono ridotti a seguito del trattamento con dupilumab (p<0,001).

I pazienti con comorbilità asmatica hanno sperimentato miglioramenti della funzione polmonare (FEV1; p<0,001) e del controllo dell’asma (ACQ-6; p<0,0001).

Quanto alla safety, l’evento avverso più frequentemente documentato è risultato essere l’epistassi. Tale evento avverso si è manifestato più frequentemente nel gruppo trattato con dupilumab rispetto a quello trattato con placebo (7,7% vs. 3%, rispettivamente).

Nel commentare i risultati dopo la presentazione dello studio, i ricercatori hanno sottolineato che i pazienti trattati con dupilumab mostravano un miglioramento già a 4 settimane dall’inizio della terapia. Tale miglioramento si è mantenuto fino alla 24eisma settimana di durata del trial. Da ultimo, la necessità del ricorso alla chirurgia si è ridotta in questi pazienti del 73%.

Informazioni su dupilumab
Dupilumab, anticorpo monoclonale totalmente umanizzato, diretto contro il recettore di IL-4, inibisce i pathway di trasduzione cellulare che coinvolgono le citochine IL-4 e IL-13, mediatori chiave dei processi infiammatori.

Il farmaco è attualmente approvato per il trattamento della dermatite atopica di grado moderato-severo (2).

Lo scorso anno sono stati pubblicati i risultati del trial di fase 3 Liberty Asthma Quest (3) che hanno dimostrato come un'ampia popolazione di adulti e adolescenti con asma da moderato a grave (non erano previsti requisiti minimi di eosinofili nel sangue o di altri biomarker al basale) ha tratto beneficio dall'aggiunta di questo anticorpo monoclonale alle terapie standard.

Rinosinusite cronica con poliposi nasali
La rinosinusite cronica con poliposi nasale è una patologia delle vie aeree superiori scatenata prevalentemente da un’infiammazione di tipo 2 e caratterizzata da polipi che ostruiscono i seni e le cavità nasali. I pazienti possono soffrire di grave ostruzione nasale con difficoltà a respirare, iperproduzione di muco, parziale o completa perdita dell’olfatto e/o del gusto, dolore oppure senso di pressione al viso. A causa di sintomi persistenti, questa patologia ha un sostanziale impatto negativo sulla qualità di vita correlata alla salute, che può essere misurata da un endpoint composito che include una ridotta produttività e capacità di portare avanti le normali attività quotidiane, impossibilità di assaporare il cibo, mancanza di sonno e spossatezza.
Le opzioni di trattamento esistenti consistono in corticosteroidi intranasali, corticosteroidi sistemici e/o intervento chirurgico, con una limitata efficacia e/o un elevato tasso di recidiva dopo il trattamento.


NC

Bibliografia
1)    Han JK,  et al. Efficacy and safety of dupilumab in patients with chronic rhinosinusitis with nasal polyps: results from the randomized phase 3 Sinus-24 study. Presented at: American Academy of Allergy, Asthma & Immunology annual meeting 2019; February 22-25, 2019; San Francisco, CA. Abstract L4.
2)    https://www.pharmastar.it/news/italia/dermatite-atopica-disponibile-in-italia-dupilumab-il-primo-farmaco-biologico-specifico--28095
3)    https://www.pharmastar.it/news/pneumo/asma-sul-new-england-due-studi-clinici-di-fase-3-confermano-efficacia-di-dupilumab--26881