TBC, dose ridotta aminoglicosidi abbatte il rischio di ototossicitÓ senza perdere efficacia

Pneumologia

Il ricorso all'impiego di aminoglicosidi come trattamento di seconda linea nella TBC Ŕ stato associato a perdita di udito. Tuttavia, i risultati di uno studio olandese, pubblicato sulla rivista Antimicrobial Agents and Chemotherapy, suggerisce come una riduzione attentamente monitorata del dosaggio di questi antibiotici sia in grado di salvaguardarne l'efficacia, con il vantaggio di ridurre l'effetto tossico sopra citato.

Il ricorso all'impiego di aminoglicosidi come trattamento di seconda linea nella TBC è stato associato a perdita di udito. Tuttavia, i risultati di uno studio olandese, pubblicato sulla rivista Antimicrobial Agents and Chemotherapy, suggerisce come una riduzione attentamente monitorata del dosaggio di questi antibiotici sia in grado di salvaguardarne l'efficacia, con il vantaggio di ridurre l'effetto tossico sopra citato.

Come è noto, l'impiego degli aminoglicosidi amikacina e kanamicina – due antibiotici iniettabili di seconda linea nel trattamento della tubercolosi multidrug-resistant (TBC-MDR), è stati associato a problemi di tossicità seria e permanente, con una percentuale di pazienti compresa tra l'8% e il 37% di pazienti che ha sperimentato oto- e nefrotossicità dopo la loro assunzione per un certo periodo di tempo, ricordano gli autori nell'introduzione al lavoro. Inoltre, stando ad alcuni dati presenti in letteratura, un trattamento prolungato con questi farmaci e a dosaggi più elevati potrebbe essere in grado di aggravare questi problemi di tossicità.

I ricercatori hanno voluto saggiare in questo lavoro l'utilità, in questo contesto, di una metodologia di lavoro basata sul monitoraggio delle concentrazioni ematiche di aminoglicosidi nei pazienti con TBC-MDR, facendo opportuni aggiustamenti della posologia di questi farmaci sulla base del rapporto tra la concentrazione massima pre-specificata per l'antibiotico in questione e il valore medio della MIC (minima concentrazione inibitoria). Tale approccio consente di preservare l'efficacia del trattamento testato sul paziente, riducendo la tossicità a dosaggi inferiori, sulla base dell'assunto che, se i batteri sono maggiormente suscettibili all'antibiotico rispetto alla norma, è possibile ricorrere a dosaggi più bassi.

Su queste premesse metodologiche, i ricercatori hanno valutato in modo retrospettivo le cartelle mediche relative a 80 pazienti con TBC-MDR aventi un'età non inferiore a 17 anni, trattati con amikacina o kanamicina dal 2000 al 2012.

I ricercatori sono stati in grado di reperire i dati audiometrici relativi all'87,5% del campione di pazienti (70 su 80) e i risultati hanno documentato che l'11,3% del campione soffriva di perdita di udito, prevalentemente alle frequenze più elevate.

Utilizzando l'approccio metodologico sopra illustrato, tutti i pazienti dello studio, eccetto tre, hanno portato a termine il trattamento loro assegnato.

Il tasso di ototossicità è risultato limitato e correlava con la dose cumulativa di antibiotico per kg di peso corporea, in corso di trattamento giornaliero.

Invece, tra quelli con outcome sfavorevole, è stato dimostrato che la nefrotossicità e l'ototossicità non erano correlate in modo significativo con la dose di aminoglicoside somministrato.

Inoltre, tra i pazienti che hanno portato a termine il trattamento antibiotico assegnato e sono stati seguiti nel corso del follow-up, il 67,3% ha sperimentato un successo terapeutico del trattamento.

Nel commentare i risultati, gli autori dello studio hanno sottolineato come il successo del loro approccio di trattamento individualizzato dimostri la giustezza di questa strategia di riduzione posologica, in quanto in grado di migliorare l'efficacia del trattamento, riducendo al contempo la tossicità.

In alcuni casi, i ricercatori sono stati in grado di ridurre il dosaggio raccomandato di questi farmaci (15 mg/Kg secondo l'OMS) di ben 2/3.

Sono necessari, però, nuovi studi, questa volta prospettici, randomizzati e controllati, che confermino la sicurezza e l'efficacia di questo approccio al trattamento della TBC-MDR in pazienti trattati con questi antibiotici.

NC

Bibliografia
van Altena R et al. Reduced chance of hearing loss associated with Therapeutic Drug Monitoring of Aminoglycosides in the treatment of Multidrug Resistant Tuberculosis. Antimicrob Agents Chemother. 2017;10.1128/AAC.01400-16.
Leggi




SEZIONE DOWNLOAD