Tossicità delle sigarette elettroniche? Per le autorità Usa la colpa è di un additivo, la vitamina E acetato

Test di campioni di liquido di lavaggio broncoalveolare (BAL) prelevati da 29 pazienti con lesioni legate al vaping, cioè alla sigaretta elettronica, hanno evidenziato come tutti contenessero vitamina E acetato, una scoperta che i funzionari statunitensi dei Centers for Diseases Control and Prevention (CDC), che hanno effettuato i controlli, descrivono come una "svolta" nello studio dell'epidemia nazionale che ha oramai superato i 2.000 casi. Rimane però aperta l'ipotesi che altre sostanze chimiche o tossine possano causare gravi malattie respiratorie.

Test di campioni di liquido di lavaggio broncoalveolare (BAL) prelevati da 29 pazienti con lesioni legate al vaping, cioè alla sigaretta elettronica, hanno evidenziato come tutti contenessero vitamina E acetato, una scoperta che i funzionari statunitensi dei Centers for Diseases Control and Prevention (CDC), che hanno effettuato i controlli, descrivono come una "svolta" nello studio dell'epidemia nazionale che ha oramai superato i 2.000 casi. Rimane però aperta l'ipotesi che altre sostanze chimiche o tossine possano causare gravi malattie respiratorie.

La vitamina E acetato è utilizzato come additivo nella produzione di e-sigaretta, o vaping. Questa è la prima volta viene rilevata una potenziale sostanza chimica in campioni biologici di pazienti con queste lesioni polmonari.

La scoperta dell'acetato di vitamina E nei campioni polmonari offre la prima prova diretta di un legame con la sostanza e le lesioni polmonari correlate al vaping. La sostanza inoltre è stata identificata nelle prove dagli Stati Uniti e i funzionari della condizione dei campioni del prodotto raccolti dai pazienti con la ferita di vaping.

Anne Schuchat, vicedirettore principale dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha definito la vitamina E acetato "un forte colpevole di preoccupazione" e si è riferita alla scoperta come "una svolta" nell'indagine.
Ha però avvertito che è necessario un ulteriore lavoro per dichiararlo definitivamente una causa, e ha detto che gli studi possono identificare anche altre potenziali cause delle lesioni gravi.

La sostanza è stata identificata all'inizio dei test di prodotto fatti nel laboratorio Wadsworth del Dipartimento della Salute di New York, ma non tutte le penne a vapore di THC che il laboratorio ha testato contenevano vitamina E, ha detto un funzionario di laboratorio alla Reuters.

Schuchat ha detto che i ricercatori devono ora stabilire un nesso causale tra esposizione e danno, aggiungendo che "molte sostanze sono ancora sotto indagine".

Il CDC ha riferito che ci sono stati 2.051 confermati e probabili casi di lesioni polmonari degli Stati Uniti e 39 decessi associati con l'uso di e-sigarette, o prodotti a vapore. Quasi l'85 per cento dei pazienti con lesioni polmonari nell'epidemia nazionale hanno segnalato l'uso di prodotti contenenti THC.

Nell'analisi del CDC, il THC è stato rilevato in 23 dei 28 campioni di cellule polmonari, inclusi quelli di tre pazienti che hanno detto di non usare prodotti a base di THC. La nicotina è stata rilevata in 16 dei 26 campioni di pazienti.

In un rapporto separato, i funzionari dell'Illinois hanno trovato che rispetto ai vapori che non si ammalano, quelli che hanno una lesione polmonare hanno una probabilità significativamente maggiore di usare esclusivamente o frequentemente prodotti a base di THC, ed erano nove volte più probabili di aver acquistato prodotti da fonti illecite.

Insieme, i risultati rafforzano la raccomandazione dei funzionari della sanità pubblica di evitare l'uso di sigarette elettroniche che contengono THC o qualsiasi prodotto che provenga da fonti illecite.

Cosa raccomandano i CDC
Non utilizzare e-sigarette, o vaping, prodotti che contengano THC.
Comprare solo da venditori non autorizzati qualsiasi tipo di e-sigaretta, o vaping, prodotti, in particolare quelli contenenti THC
Modificare o aggiungere qualsiasi sostanza alla sigaretta elettronica, o vaping, prodotti che non sono destinati dal produttore, compresi i prodotti acquistati presso i punti vendita al dettaglio.
Poiché il composto specifico o l'ingrediente che causa la lesione polmonare non sono ancora noti, l'unico modo per assicurare che non si è a rischio mentre l'indagine continua è quello di considerare l'astensione dall'uso di tutti i prodotti di e-sigaretta o vaping.
Gli adulti che usano le e-sigarette per smettere di fumare non dovrebbero tornare a fumare; dovrebbero valutare tutti i rischi e i benefici e considerare l'utilizzo di nicotina approvata dall'FDA come terapia sostitutiva dell'icona esterna.

Indipendentemente dalle indagini in corso: 
- Sigarette elettroniche, o vaping, non devono mai essere usati da giovani, giovani adulti o donne incinte.
- Gli adulti che attualmente non usano prodotti del tabacco non dovrebbero iniziare a usare la sigaretta elettronica, o vaping, prodotti. - - Non esiste un prodotto del tabacco sicuro. Tutti i prodotti del tabacco, comprese le sigarette elettroniche, comportano un rischio.
- L'uso di THC è stato associato ad un'ampia gamma di effetti sulla salute, in particolare con prolungati effetti pesanti.