Pneumologia

Un nuovo questionario per valutare in modo semplice ed efficace il controllo della rinite allergica

Il miglior controllo della rinite allergica passa anche attraverso un nuovo questionario auto-somministrabile. Si tratta dell’RCAT, ovvero Rhinitis Control Assessment Test, questionario sviluppato da Robert A. Nathan, University of Colorado Health Sciences Center, Denver, Colorado, per assistere i medici curanti nella valutazione del controllo della rinite dei propri assistiti. «La rinite allergica interessa fino al 30% degli adulti e fino al 42% dei bambini negli Stati Uniti, ma meno del 12% di quanti ne soffrono ricerca un aiuto medico per il problema, con la conseguenza che la rinite allergica è sottoriconosciuta, sottodiagnosticata e trattata inefficacemente», dice Nathan.

«A parte le conseguenza sulla salute, sul sonno, sulla qualità della vita, la rinite allergica costa  molto: 11 miliardi di dollari nel 2005 solo per i costi diretti e sono stati stimati costi indiretti pari a 678 USD pro/capite in una survey condotta su un campione di 8000 impiegati. Siccome poi l’85% dei soggetti asmatici ha rinite allergica e il 40% dei rinitici allergici ha o svilupperà asma, bisogna annoverare anche questi aspetti nel novero delle implicazioni di questa condizione», prosegue il ricercatore americano.
E’ quindi evidente, secondo Nathan,  l’importanza di un controllo efficace della rinite, anche della forma non allergica che rappresenta circa un terzo dei casi. «Per questo abbiamo sviluppato un test che permette in modo molto semplice di accertare la presenza di rinite e l’efficacia delle terapie assunte», spiega Nathan.

Il Rhinitis Control Assessment Test o RCAT è un questionario auto-somministrabile che nella fase di sviluppo è stato basato  su 26 punti suddivisi in cinque domini: frequenza dei sintomi e livello di fastidio (rinorrea, congestione, sternuti, sgocciolamento retronasale, prurito oculare, iperlacrimazione, dolore o pressione nei seni paranasali, cefalea, spossatezza, e qualunque altro sintomo nasale o allergico), impatto dei sintomi (interferenza con il sonno o con la concentrazione, stato d’animo, attività diurne e attività sociali o di svago); evitamento di attività (incapacità di condurre attività), controllo della rinite (controllo dei sintomi nasali o allergici), uso di farmaci per la rinite (al bisogno e durata del trattamento).

Il questionario in questa forma estesa è stato sottoposto per la validazione a 410 pazienti con rinite allergica (210 con la forma perenne e 200 con la forma stagionale) in 26 centri allergologici e otorinolaringoiatrici nel USA. «Un’analisi di regressione a gradini ha permessso di condensare i 26 punti del questionario originale in soli 6 punti nella forma definitiva del RCAT», illustra Nathan. «I punti sono: frequenza della congestione nasale; sternuti; iperlacrimazione; interferenze sul sonno; evitamento di attività; autovalutazione del controllo dei sintomi. Una scala a 5 punti di Likert permette la quantificazione di uno score, che ha un range compreso tra 6 e 30, con i valori più elevati indicativi di migliore controllo».

Il questionario a 6 punti così generato è stato validato in uno studio longitudinale su 402 pazienti in 29 centri allergologici e otorinolaringoiatrici  negli USA. L’RCAT ha così dimostrato di avere adeguata affidabilità, validità, e responività ed è stato considerato dai pazienti come facile da usare e appropriato nel dipingere il quadro generale della rinite sofferta. «Dagli studi in cui RCAT è stato utilizzato è stato possibile stabilire che uno score di 21 è il cut-off per un controllo soddisfacente della rinite», afferma il clinico statunitense. «L’RCAT è uno strumento semplice ed affidabile che i clinici possono impiegare per accertare il grado di controllo della rinite dei loro assistiti e che gli stessi pazienti possono impiegare per valutare loro stessi i miglioramenti o no dei trattamenti impiegati».

Danilo Ruggeri

Robert A. Nathan The Rhinitis Control Assessment Test. Curr Opin Allergy Clin Immunol. 2014;14(1):13-19.

SEZIONE DOWNLOAD