Tubercolosi, dal 1990 mortalitÓ dimezzata. Accanto all'Hiv, una delle infezioni pi¨ letali

La lotta contro la tubercolosi (TB) sta dando buoni risultati, con un tasso di mortalitÓ che quest'anno sarÓ quasi la metÓ di quello che era nel 1990. Tuttavia, nel 2014 ancora 1,5 milioni di persone sono morte di tubercolosi e la maggior parte di questi decessi si sarebbe potuto evitare. Lo rivela un rapporto dell'Oms appena diffuso.

La lotta contro la tubercolosi (TB) sta dando buoni risultati, con un tasso di mortalità che quest'anno sarà quasi la metà di quello che era nel 1990. Tuttavia, nel 2014 ancora 1,5 milioni di persone sono morte di tubercolosi e la maggior parte di questi decessi si sarebbe potuto evitare. Lo rivela un rapporto dell’Oms appena diffuso.

Secondo il rapporto, per ridurre il peso globale della TB, si devono ridurre i divari nella diagnosi e nel trattamento complessivo della malattia, così come le carenze di finanziamento e devono essere sviluppati nuovi strumenti diagnostici, farmaci e vaccini.

La maggior parte del miglioramento è venuto a partire dal 2000, l'anno in furono stabiliti i Millennium Development Goals (MDG). Globalmente, secondo il rapporto,  tra il 2000 e il 2015, la diagnosi e trattamenti più efficaci hanno salvato 43 milioni di vite.

"Il rapporto mostra che il controllo della tubercolosi ha avuto un impatto enorme in termini di vite salvate e di pazienti guariti", ha dichiarato Margaret Chan, direttore generale dell'OMS. "Questi progressi sono incoraggianti, ma se il mondo vuole porre fine a questa epidemia, ha bisogno di aumentare i servizi e, in modo critico, investire di più in ricerca."

Tali progressi includono il raggiungimento degli obiettivi del progetto MDG, che principalmente intendeva arrestare e invertire incidenza della tubercolosi entro il 2015. Questo obiettivo è stato raggiunto globalmente e in 16 dei 22 paesi ad alto peso per questa malattia, che collettivamente rappresentano l’80% dei casi.
In tutto il mondo, a partire dal 2000incidenza della tubercolosi è scesa dell’1,5% l'anno, per una riduzione totale del 18%.

"Nonostante i miglioramenti, i progressi compiuti contro la tubercolosi sonoè tutt'altro che sufficienti", secondo quanto dichiara Mario Raviglione, Direttore del Programma Globale TB dell'OMS. "Stiamo ancora di fronte a un onere di 4.400 persone che muoiono ogni giorno, il che è inaccettabile in un'epoca in cui è possibile diagnosticare e curare quasi tutte le persone con la tubercolosi."

Nel 2014, la tubercolosi ha ucciso 890mila uomini, 480mila donne e 1,4 milioni di bambini. La malattia si colloca a fianco di HIV come un killer leader a livello mondiale. Dei 1,5 milioni di persone uccise da tubercolosi nel 2014, 400mila erano anche HIV-positivi. Nel 2014, il bilancio totale delle vittime del virus HIV è stato stimato in 1,2 milioni, che comprendeva i 400mila morti di TBC tra le persone sieropositive.

Rispetto agli anni precedenti, il report di quest'anno evidenzia un aumento del numero complessivo  di nuovi casi di tubercolosi (9,6. milioni). Tuttavia, queste cifre riflettono un’aumentata e migliorata raccolta di dati nazionali e studi di approfondimento, piuttosto che un aumento della diffusione della malattia. Più della metà dei casi di tubercolosi nel mondo (54%) si è verificata in Cina, India, Indonesia, Nigeria e Pakistan. Tra i nuovi casi, circa il 3,3% ha la tubercolosi multi-resistente (MDR-TB), un livello che è rimasto invariato negli ultimi anni.

Interventi necessari per colmare le lacune di diagnosi e trattamento
La relazione mette in evidenza la necessità di colmare le lacune di rilevazione e di trattamento, le carenze di finanziamento, e lo sviluppo di nuovi strumenti diagnostici, farmaci e vaccini.

Il divario rilevamento è significativo. Dei 9,6 milioni di persone che si è ammalata di tubercolosi nel 2014, 6 milioni (62,5%) sono stati segnalati alle autorità nazionali. Ciò significa che, a livello mondiale, più di un terzo (37,5%) dei casi sono risultati non diagnosticati o non sono stati segnalati alle autorità nazionali. La qualità delle cure per le persone in quest'ultima categoria non è nota.

L’individuazione e il trattamento delle lacune esistenti è particolarmente importante tra le persone con MDR-TB, che resta una crisi di salute pubblica. Dei 480mila casi stimati che si sono verificati nel 2014, solo circa un quarto - 123 mila - sono stati individuati e segnalati alle autorità nazionali. I tre paesi con il maggior numero di casi di MDR-TB sono la Cina, l'India e la Federazione russa.

L’inizio del trattamento per le persone con diagnosi di Mdr-Tb è notevolmente migliorato e quasi tutti i casi individuati nel 2014 hanno iniziato il trattamento. Quaranta-tre paesi hanno riferito tassi di guarigione di oltre il 75%. per i pazienti con MDR-TB Tuttavia, a livello globale, i dati mostrano un tasso medio di guarigione solo del 50% per i pazienti con MDR-TB e trattati farmacologicamente.

Il trattamento sta migliorando, con il 77% dei pazienti co-infettati con HIV e la tubercolosi adeguatamente diagnosticati e trattati con i farmaci antiretrovirali nel 2014.
Il numero di persone affette da HIV che hanno ricevuto la terapia preventiva per la TB era di quasi di 1 milione nel 2014, con un incremento di circa il 60% rispetto al 2013. Più della metà (59%) di queste persone erano in Sud Africa.

Carenze di finanziamento bloccano la strada di un progresso accelerato
"Uno dei motivi principali alla base delle lacune nella rilevazione e nel trattamento della malattia è un’ importante carenza di fondi", ha detto Winnie Mpanju-Shumbusho, Vice Direttore Generale OMS per HIV, tubercolosi, malaria e malattie tropicali trascurate. Questo deficit ammonta quest'anno a $ 1,4 miliardi e sono necessari $8 miliardi per attuare pienamente gli interventi necessari. Inoltre, un deficit di finanziamento annuo per la ricerca di almeno $1,3 miliardi deve essere colmato che dovrebbe includere lo sviluppo di nuovi strumenti diagnostici, farmaci e vaccini.

Dal 2016, l'obiettivo globale si sposterà dal semplice controllo della TB al porre fine all’epidemia globale di tubercolosi. La strategia “End TB”, adottata da tutti gli Stati membri dell'OMS, serve da modello per i paesi a ridurre entro il 2030 l'incidenza TB dell’ 80% e del 90% i decessi da tubercolosi e per eliminare i costi catastrofici per le famiglie di persone colpite TB.

"Porre fine alla epidemia di tubercolosi è ora parte del programma “Obiettivo di Sviluppo Sostenibile", ha detto Eric Goosby, inviato speciale delle Nazioni Unite sulla tubercolosi. "Se vogliamo realizzarlo, abbiamo bisogno di maggiori investimenti - ad un livello degno di una tale minaccia globale. Ci sarà anche bisogno di progressi in materia di copertura sanitaria universale e riduzione della povertà. Vogliamo che le comunità più vulnerabili in tutto il mondo possano ottenere prima i nostri sforzi, non alla fine. "

SEZIONE DOWNLOAD