PharmaStar


7 Settembre 2014
  
31

Visita il sito | Archivio Newsletter | Diventa fan   Seguici su   Iscriviti a   Contattaci


SOMMARIO DI QUESTO NUMERO

» PRIMO PIANO
Sclerosi Multipla: disponibile in Italia teriflunomide, terapia orale once a day
» INTERVISTE
Prof.ssa Esposito: Infezioni respiratorie ricorrenti nel bambino, come prevenirle
Dott. Zambon: Alirocumab, i risultati commentati degli studi presentati allÂ'ESC
Prof. De Caterina: Ruolo dei nuovi anticoagulanti orali nella gestione della fibrillazione atriale
Prof. Bolognese: Impatto della somministrazione di ticagrelor in ambulanza nei pazienti con infarto
Prof. Borghi: Alirocumab, speranza per i pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote
Prof. Volpe: I vantaggi delle associazioni precostituite nel trattamento dell'ipertensione arteriosa
Dott. Senni: LCZ696, il capostipite di una nuova classe di farmaci per frenare lo scompenso cardiaco
» ITALIA
Nuove specialità medicinali:Enterogermina, Herceptin, Pixuvri, Taxceus. 11 nuovi farmaci equivalenti.
5 variazioni di prezzo
5 farmaci revocati
12 cessate commercializzazioni
» EMA
Gardasil: scheda tecnica aggiornata con nuovi dati di protezione a lungo termine
Hiv, ok UE per nuovo regime a single tablet therapy a base di dolutegravir
Melanoma, Amgen deposita allÂ'Ema il dossier di talimogene laherparepvec
Diagnosi dell'Alzheimer, UE approva il F-18-flutemetamolo
» FDA
Melanoma, l'Fda approva l'anti PD-L1 pembrolizumab
» CARDIO
Fibrillazione atriale, aumenta uso nuovi anticoagulanti orali per il registro europeo PREFER in AF
STEMI, ticagrelor somministrato in ambulanza riduce il rischio di trombosi dello stent
Edoxaban, dosi ridotte in pazienti a rischio emorragico non riducono la protezione dall'ictus
Fibrillazione atriale, la gestione degli anticoagulanti rivelata all'ESC da una survey sui cardiologi
Digossina aumenta rischio mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale
Stimolazione del nervo vago, risultati positivi nello scompenso cardiaco
Statine perioperatorie non riducono le complicanze in ospedale dopo chirurgia cardiaca
Rosuvastatina ad alte dosi dopo STEMI riduce rischio formazione nuove placche
Insufficienza cardiaca, supplementazione di ferro migliora qualità di vita e riduce ospedalizzazioni
Dabigatran, effetti positivi sulla funzionalità renale rispetto a warfarin
Alirocumab, inibitore PCSK9, allÂ'ESC di Barcellona fa centro 4 volte contro lÂ'ipercolesterolemia
Cardioversione per fibrillazione atriale, rivaroxaban valida alternativa agli antagonisti della vitamina K
Spironolattone riduce il rischio di nuove rivascolarizzazioni dopo infarto miocardico
Bayer amplia la ricerca clinica su rivaroxaban con studi su 275.000 pazienti
Coronaropatia stabile, effetto neutro di ivabradina, ma attenzione a un sottogruppo
» DOLORE
Arriva la marijuana di Stato: sarà prodotta nello stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze
"Biciclette contro il dolore": professionisti della salute in gruppo contro la sofferenza inutile
Lotta al dolore, gli oppiacei si produrranno dal lievito
Analgesici per il dolore post-operatorio, sono sicuri-
Breakthrough cancer pain, stato del paziente alla base del trattamento
Rischio di ricorrenza di cancro al seno dimezzato nelle donne in sovrappeso "consumatrici" di Fans
» GASTRO
A cosa serve il microbiota, un mondo segreto nel nostro intestino
Epatite C, studi clinici sempre più vicini alla "real life"
Reflusso gastro-esofageo nei bambini, sono sicuri i farmaci antagonisti del recettore dell'istamina-
Malattia infiammatoria intestinale, fallimento terapeutico dopo "switch" da un biologico all'altro
Trapianto di microbiota fecale, nuovi dati a supporto nel morbo di Crohn
Esofago di Barrett, fattori di rischio e ruolo protettivo di alcuni farmaci
Malattia di Crohn perianale: nuovo consenso internazionale sulla classificazione, diagnosi e trattamento
» NEUROLOGIA
Emicrania, promettente anticorpo monoclonale anti-peptide correlato al gene della calcitonina
Emorragia cerebrale con ventricolostomia, la trombolisi intraventricolare migliora lÂ'outcome
Epilessia refrattaria, conferme di sicurezza long-term per rufinamide add-on in pediatria
Quanto costa la sclerosi multipla in Italia-
Antitrombotici nella prevenzione dell'ictus utilizzati in maniera non ottimale
Sclerosi multipla: già 100mila pazienti trattati con fingolimod
» ONCOEMATOLOGIA
Ca renale, possibile effetto positivo di metformina sulla sopravvivenza
Ca al colon, chemio adiuvante con S-1 non inferiore a tegafur-uracile più leucovorina
Mieloma pretrattato, il solo carfilzomib non centra l'obiettivo
Linfoma diffuso a grandi cellule B, deficit di vitamina D riduce lÂ'effetto di rituximab
Iniezioni di botox approccio promettente per prevenire la diffusione del ca gastrico
Cellule staminali e microvescicole: un nuovo dispositivo farmacologico per veicolare chemioterapici
Cabozantinib fallisce in fase III nel tumore della prostata, la biotech Exelis taglia il 70% dei posti
Mieloma multiplo, recidivato/refrattario, carfilzomib in combinazione promosso in fase III
Sunitinib promettente contro il meningioma refrattario
Ca al seno, con mutazioni di PALB2 rischio simile a quello con mutazioni di BRCA
» ARTHRITIS
Artrite reumatoide, le statine non pregiudicano la risposta a rituximab
» PNEUMO
Reslizumab, farmaco sperimetale di Teva, riduce le esacerbazioni asmatiche in Fase III
Ca al polmone ALK-positivo, crizotinib nuovo standard in prima linea
Fda, accetta di revisionare dossier della combinazione tiotropio/olodaterolo
» ALTRI STUDI
Il successo della fecondazione in vitro aumenta con la vitamina D
Ridotto rischio di insufficienza cardiaca con vitamina D ma nessuna influenza su infarto e ictus
Diabete, nuova insulina basale peglispro superiore a glargine
Diabete, pioglitazone non aumenta rischio di cancro alla vescica, conferma da studio a 10 anni
Diabete di tipo 2, meno ipoglicemie notturne con la nuova insulina glargine
Psoriasi a placche, ponesimod bene in fase II
Possibile correlazione tra deficit di vitamina D e rischio di schizofrenia
Depressione, la ketamina può ridurre l'ideazione suicidaria
Inibizione di JAK promettente contro l'alopecia areata
» BUSINESS
Abbvie e Google insieme per nuove terapie, investimenti fino a $1,5 miliardi
Novartis, azioni su del 5%, il nuovo anti scompenso è un "game changer"
Novo Nordisk, stop alle attività di R&D nel campo delle malattie infiammatorie
IMS si rafforza nel market access
» ALTRE NEWS
A Flora Peyvandi il Premio Grande Ippocrate per la ricerca e divulgazione scientifica
AssoGenerici al fianco dei giovani farmacologi



PRIMO PIANO

Sclerosi Multipla: disponibile in Italia teriflunomide, terapia orale once a day

Da oggi è disponibile e prescrivibile anche in Italia teriflunomide, terapia orale indicata per il trattamento dei pazienti adulti affetti da sclerosi multipla recidivante remittente. Lo annuncia Genzyme, società del Gruppo Sanofi.

leggi l'articolo »


INTERVISTE

Infezioni respiratorie ricorrenti nel bambino, come prevenirle

Le infezioni respiratorie ricorrenti sono un problema grave e sentito per una larga quota di bambini. Per questo motivo la prevenzione risulta molto importante.

Ce ne parla la Prof.ssa Susanna Esposito, Direttore dellÂ'Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS, CaÂ' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano e Presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP).

guarda il video »


Alirocumab, i risultati commentati degli studi presentati allÂ'ESC

Al Congresso Europeo di Cardiologia (ESC 2014) che si è tenuto a Barcellona, ampio risalto hanno avuto i risultati degli studi sull'inibitore di PCSK9 alirocumab.

Ce ne parla il Dr. Alberto Zambon Ricercatore Universitario presso il Dipartimento di Medicina dellÂ'Università degli Studi di Padova e Affiliate Assistant Professor of Medicine, Division of Metabolism, Endocrinology and Nutrition, University of Washington, Seattle (USA)

leggi l'intervista »


Ruolo dei nuovi anticoagulanti orali nella gestione della fibrillazione atriale

Al Congresso Europeo della Società di Cardiologia (ESC 2014), molte sessioni sono state dedicate all'uso crescente dei nuovi anticoagulanti nella gestione della fibrillazione atriale.

Ce ne parla il Prof. Raffaele De Caterina Professore Ordinario di Malattie dell'Apparato Cardiovascolare all'Università degli Studi di Chieti

guarda il video »


Impatto della somministrazione di ticagrelor in ambulanza nei pazienti con infarto

Tra gli studi più rilevanti presentati all'ESC 2014, nell'ambito della trombolisi coronarica, c'è lo studio ATLANTIC.

Ce ne parla il Prof. Leonardo Bolognese Presidente della Federazione Italiana Cardiologia (FIC) e direttore del Dipartimento Cardiovascolare e Neurologico dellÂ'Ospedale San Donato di Arezzo.

guarda il video »


Alirocumab, speranza per i pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote

Al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC 2014) che si è svolto a Barcellona, hanno avuto molto risalto gli studi sugli inibitori di PCSK9.

Ce ne parla il Prof. Claudio Borghi, professore ordinario di Medicina Interna Università degli Studi di Bologna e Direttore Unità Operativa di Medicina Interna, Azienda Ospedaliero-Unversitaria Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna

guarda il video »


I vantaggi delle associazioni precostituite nel trattamento dell'ipertensione arteriosa

Nella lotta all'ipertensione arteriosa si nota un crescente ricorso all'utilizzo di associazioni precostituite di farmaci. Ne ha parlato il Prof. Volpe in occasione del Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC 2014) che si è tenuto a Barcellona.
Il Prof. Volpe è Past president della Società italiana di ipertensione arteriosa (SIIA) e professore ordinario di Cardiologia all'Università di Roma "La Sapienza" – Ospedale Sant'Andrea.

guarda il video »


LCZ696, il capostipite di una nuova classe di farmaci per frenare lo scompenso cardiaco

Lo scompenso cardiaco sta diventando sempre più un epidemia, anche nel nostro Paese. Ne ha parlato il Dott. Michele Senni al Congresso Europeo di Cardiologia (ESC 2014), che si è tenuto a Barcellona.

Il Dott. Senni è Direttore della Cardiologia 1 – scompenso e trapianti – presso lÂ'Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo

guarda il video »


ITALIA

15 nuovi farmaci in commercio
leggi l'articolo »

5 variazioni di prezzo
leggi l'articolo »

5 farmaci revocati
leggi l'articolo »

12 cessate commercializzazioni
leggi l'articolo »

EMA

Gardasil: scheda tecnica aggiornata con nuovi dati di protezione a lungo termine
Sanofi Pasteur MSD ha annunciato oggi che il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) di Gardasil è stato aggiornato con l'inclusione di nuovi dati relativi alla protezione a lungo termine.
leggi l'articolo »

Hiv, ok UE per nuovo regime a single tablet therapy a base di dolutegravir
La Commissione Europea ha approvato un nuovo farmaco ad azione antiretrovirale costituito da una singola compressa a base di tre principi attivi: dolutegravir, abacavir e lamivudina. L'approvazione si riferisce ai pazienti di età superiore a 12 anni con un peso corporeo di almeno 40 Kg.
leggi l'articolo »

Melanoma, Amgen deposita allÂ'Ema il dossier di talimogene laherparepvec
Amgen ha reso noto di aver depositato allÂ'Ema la domanda di registrazione con procedura centralizzata per il farmaco talimogene laherparepvec, richiedendone lÂ'approvazione per il trattamento del melanoma metastatico regionalmente e a distanza (fasi III ed IV). Talimogene laherparepvec (T.vec) è il capostipite di una nuova classe di virus oncolitici, derivato dallÂ'HSV-1 (il virus responsabile della cosiddetta ‘febbre sulle labbraÂ') e progettato per agire attraverso due importanti meccanismi differenti e complementari: provocare una lisi tumorale locale e, nel contempo, innescare una risposta immunitaria sistemica antitumorale.
leggi l'articolo »

Diagnosi dell'Alzheimer, UE approva il F-18-flutemetamolo
La Commissione Europea ha approvato il (F-18)-flutemetamolo, un radiotracciante diagnostico per via endovenosa da utilizzare con la tomografia a emissione di positroni (PET) cerebrale nei soggetti adulti per la valutazione della malattia di Alzheimer (AD) e altre forme di demenza. Sviluppato da GE Healthcare sarà messo in commercio con il marchio Vizamyl.
leggi l'articolo »

FDA

Melanoma, l'Fda approva l'anti PD-L1 pembrolizumab
L'Fda ha concesso l'approvazione accelerata per pembrolizumab, (MK-3475), un anticorpo monoclonale anti-PD-L1, per il trattamento di pazienti con melanoma avanzato non resecabile o che non rispondono più ad altri farmaci. Si tratta del primo farmaco della nuova classe degli inibitori del check point immunitario a ricevere l'approvazione dell'agenzia regolatoria americana. Sviluppato da MSD, sarà messo in commercio con il marchio Keytruda.
leggi l'articolo »

CARDIO

Fibrillazione atriale, aumenta uso nuovi anticoagulanti orali per il registro europeo PREFER in AF
In seguito allÂ'update delle linee guida sulla gestione della fibrillazione atriale (AF) effettuato dallÂ'European Society of Cardiology nel 2012, si riscontrano nella pratica clinica europea significativi cambiamenti riguardo il trattamento dei pazienti con AF: sono già stati fatti molti miglioramenti in tal senso ma ulteriori cambiamenti sono necessari per affrontare le problematiche-chiave cliniche e le preoccupazioni dei pazienti.
leggi l'articolo »

STEMI, ticagrelor somministrato in ambulanza riduce il rischio di trombosi dello stent
Nei pazienti con infarto STEMI (con sopraslivellamento del tratto ST) la somministrazione in ambulanza, ossia in fase preospedaliera, di ticagrelor, farmaco antipiastrinico (antagonista del recettore P2Y12), non porta vantaggi rispetto alla somministrazione ospedaliera in termini di miglioramento del flusso ematico nelle coronarie ostruite prima della procedura di rivascolarizzazione. Si è però notato che il trattamento precoce con ticagrelor può prevenire la trombosi dello stent. Sono questi i risultati principali dello studio ATLANTIC, presentati a Barcellona nel corso dell'ESC 2014.
leggi l'articolo »

Edoxaban, dosi ridotte in pazienti a rischio emorragico non riducono la protezione dall'ictus
Il rapporto tra dose di edoxaban, da un lato, e concentrazione e attività del fattore Xa, dall'altro, in pazienti con fibrillazione non valvolare (NVAF) è stato esplorato da un'analisi per sottogruppi dello studio di fase 3 ENGAGE AF-TIMI 48. La stessa analisi ha inoltre confrontato i tassi di sanguinamento maggiore e gli outcomes di efficacia [ictus ed eventi embolici sistemici (SEE)] di edoxaban rispetto a warfarin, stratificati per stato di riduzione della dose. I risultati sono stati esposti a Barcellona, nel corso dell'ESC 2014.
leggi l'articolo »

Fibrillazione atriale, la gestione degli anticoagulanti rivelata all'ESC da una survey sui cardiologi
Presentata all'ESC 2014 di Barcellona, una survey condotta su un totale di 1.100 cardiologi di 7 Paesi (Brasile, Francia, Germania, Giappone, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti) ha evidenziato la complessità della gestione della fibrillazione atriale non valvolare (NVAF) e ha rafforzato la necessità di un approccio individualizzato per la cura del paziente.
leggi l'articolo »

Digossina aumenta rischio mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale
Secondo una nuova analisi dello studio ROCKET AF, presentata a Barcellona in occasione del Congresso dellÂ'ESC, la digossina potrebbe aumentare di circa il 20% il rischio di morte nei pazienti che soffrono di fibrillazione atriale.
leggi l'articolo »

Stimolazione del nervo vago, risultati positivi nello scompenso cardiaco
La regolazione del sistema nervoso autonomo attraverso lÂ'impianto di un device che stimola il nervo vago può migliorare significativamente la funzione cardiaca e i sintomi nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica, indipendentemente da l fatto che il dispositivo venga impiantato in corrispondenza del nervo vago di destra o di sinistra.
leggi l'articolo »

Statine perioperatorie non riducono le complicanze in ospedale dopo chirurgia cardiaca
Un trattamento con dosi elevate di statine somministrato a partire da pochi giorni prima della chirurgia cardiaca fino a pochi giorni dopo l'intervento chirurgico non riduce l'incidenza di complicanze durante l'ospedalizzazione secondo i risultati di uno studio presentato a Barcellona in occasione del Congresso dell'ESC.
leggi l'articolo »

Rosuvastatina ad alte dosi dopo STEMI riduce rischio formazione nuove placche
Un anno di trattamento con una dose elevata dellÂ'anticolesterolo rosuvastatina può ridurre drasticamente le placche aterosclerotiche nei pazienti che hanno avuto un infarto STEMI, cioè con sopraslivellamento del tratto ST. EÂ' quanto emerso da uno studio presentato a Barcellona in occasione del Congresso dellÂ'ESC, lÂ'European Society of Cardiology.
leggi l'articolo »

Insufficienza cardiaca, supplementazione di ferro migliora qualità di vita e riduce ospedalizzazioni
I pazienti con insufficienza cardiaca e deficit di ferro mostrano un miglioramento significativo e sostenuto delle capacità funzionali e della qualità della vita, così come una ridotta incidenza di ospedalizzazioni per il peggioramento della malattia, a seguito della somministrazione endovenosa di una o due dosi di un supplemento a base di ferro.
leggi l'articolo »

Dabigatran, effetti positivi sulla funzionalità renale rispetto a warfarin
Presentati a Barcellona, nel corso della sessione Clinical Trial Update Hot Line del Congresso ESC (European Society of Cardiology) 2014, i risultati di una nuova sottoanalisi dello studio RE-LY®, dai quali emerge un più lento declino della funzionalità renale nei pazienti con battito cardiaco irregolare (fibrillazione atriale non-valvolare, FANV) in terapia con dabigatran etexilato rispetto al warfarin.
leggi l'articolo »

Alirocumab, inibitore PCSK9, allÂ'ESC di Barcellona fa centro 4 volte contro lÂ'ipercolesterolemia
A Barcellona, nel corso del congresso annuale dellÂ'European society of cardiology (ESC 2014) sono stati annunciati i positivi risultati di 4 studi di fase 3 del programma ODYSSEY (LONG TERM, COMBO II, FH I e FH II) basati sullÂ'impiego di alirocumab, anticorpo monoclonale anti-PCSK9, in pazienti affetti da ipercolesterolemia.
leggi l'articolo »

Cardioversione per fibrillazione atriale, rivaroxaban valida alternativa agli antagonisti della vitamina K
Al congresso europeo di cardiologia sono stai presentati i risultati dello studio X-VeRT, che dimostrano come rivaroxaban in monosomministrazione giornaliera è unÂ'alternativa efficace e ben tollerata nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) non-valvolare sottoposti a cardioversione, rispetto agli antagonisti della vitamina K (AVK), come il warfarin che richiedono invece aggiustamenti di dosaggio.
leggi l'articolo »

Spironolattone riduce il rischio di nuove rivascolarizzazioni dopo infarto miocardico
Un gruppo di ricerca ha recentemente pubblicato un lavoro scientifico che mostra un dato molto interessante riguardo lo spironolattone, ossia la sua capacità di ridurre la necessità di nuove rivascolarizzazioni miocardiche in pazienti sottoposti ad angioplastica coronarica (PCI) per infarto miocardico (IM). Questo lavoro, basato sui dati di un registro clinico, sono stati pubblicati sull'American Heart Journal.
leggi l'articolo »

Bayer amplia la ricerca clinica su rivaroxaban con studi su 275.000 pazienti
Annunciato oggi un ampliamento del programma globale di sviluppo clinico per lÂ'inibitore orale del Fattore Xa, rivaroxaban, nella prevenzione della formazione di coaguli potenzialmente fatali in pazienti a rischio di tromboembolismo arterioso. Lo hanno reso noto Bayer HealthCare e il suo partner nellÂ'attività di sviluppo clinico Janssen Research & Development, LLC.
leggi l'articolo »

Coronaropatia stabile, effetto neutro di ivabradina, ma attenzione a un sottogruppo
L'aggiunta di ivabradina alla terapia standard nel complesso non ha mostrato benfici sugli eventi cardiovascolari nello studio SIGNIFY, un trial che ha coinvolto oltre 19 000 pazienti con coronaropatia stabile. Lo studio, randomizzato. In doppio cieco e controllato con placebo, è appena stato presentato a Barcellona, al congresso della European Society of Cardiology (Esc), dove ha fatto parecchio rumore, e pubblicato in contemporanea sul New England Journal of Medicine.
leggi l'articolo »

DOLORE

Arriva la marijuana di Stato: sarà prodotta nello stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze
Arriva la marijuana di Stato. Dopo il via libera dei ministri della Difesa e della Salute, Roberta Pinotti e Beatrice Lorenzin, l'esercito italiano produrrà farmaci derivati dalla cannabis a scopo terapeutico. Per un paradosso della storia, a produrla sarà l'esercito italiano: Sarà lo stabilimento chimico militare di Firenze a mettere a punto i medicinali cannabinoidi, che andranno così a sostituire quelli attualmente importati dall'estero a costi molto elevati.
leggi l'articolo »

"Biciclette contro il dolore": professionisti della salute in gruppo contro la sofferenza inutile
Oltre 100 professionisti della salute, 82 chilometri, per lo più in salita, e tutto il fascino di un tracciato super classico: i tornanti di Piantonia, percorso della prima Mille Miglia. Medici, farmacisti e terapisti del dolore hanno scelto questa mattina di dismettere il camice e salire in sella, per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità – e sull'effettiva possibilità, grazie alle più avanzate soluzione terapeutiche oggi disponibili – di affrontare e sconfiggere il dolore cronico.
leggi l'articolo »

Lotta al dolore, gli oppiacei si produrranno dal lievito
Bioingegneri dell'Università di Stanford hanno modificato il DNA del lievito, aggiungere cinque nuovi geni da due organismi diversi di cellule di lievito, al fine di produrre oppioidi eliminando la necessità di coltivare il papavero. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Nature Chemical Biology.
leggi l'articolo »

Analgesici per il dolore post-operatorio, sono sicuri-
Il dolore post-operatorio colpisce milioni di pazienti in tutto il mondo e il periodo post-operatorio è accompagnato da alti tassi di morbilità e mortalità. Le conoscenze sugli eventi avversi dovuti ad analgesici non oppiacei, utilizzati per lenire tale fastidio, sono scarse e in genere collegate al periodo immediatamente dopo il periodo perioperatorio. In un recente lavoro pubblicato sulla rivista Acta Anesthesiologica Scandinavica, i ricercatori dell'Università di Copenhagen hanno fatto un excursus relativo agli effetti collaterali prodotti dalle principali classi di analgesici, sottolineando la necessità di nuovi studi su un numero elevato di pazienti per chiarire diversi aspetti.
leggi l'articolo »

Breakthrough cancer pain, stato del paziente alla base del trattamento
Quali sono i farmaci per il trattamento del breakthrough cancer pain- Come scegliere quello adatto a uno specifico paziente e come passare da un trattamento a un altro- Su queste domande si sono interrogati esperti italiani nel settore e hanno cercato di dare delle indicazioni in una review pubblicata sulla rivista Advanced Therapeutics.
leggi l'articolo »

Rischio di ricorrenza di cancro al seno dimezzato nelle donne in sovrappeso "consumatrici" di Fans
La ricorrenza del cancro al seno ormone-correlato è ridotta della metà nelle donne in sovrappeso e obese che hanno usato regolarmente aspirina o altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), secondo i dati pubblicati in Cancer Research, rivista dell'American Association for Cancer Research.
leggi l'articolo »

GASTRO

A cosa serve il microbiota, un mondo segreto nel nostro intestino
Un doppio convegno internazionale di gastroenterologia al Policlinico A. Gemelli sulle prospettive terapeutiche del trapianto di flora batterica intestinale e sullo stato dell'arte sulle malattie da Helicobacter pylori. A coronare gli eventi, che riuniranno a Roma i massimi esperti mondiali del settore, l'insigne presenza del Nobel 2005 per la Medicina Barry James Marshall che riceverà la Laurea Honoris Causa dall'Università Cattolica.
leggi l'articolo »

Epatite C, studi clinici sempre più vicini alla "real life"
Il regime a base di ABT-450/r, ombitasvir e dasabuvir con ribavirina si è dimostrato molto efficace nei pazienti non cirrotici, con Hcv di genotipo 1 non trattati in precedenza.
leggi l'articolo »

Reflusso gastro-esofageo nei bambini, sono sicuri i farmaci antagonisti del recettore dell'istamina-
Ci sono poche prove di alta qualità per sostenere l'efficacia e la sicurezza degli antagonisti del recettore per l'istamina (H2Ras) per il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo pediatrico (GERD). Questo è quanto riportato da un gruppo di ricercatori dell'Academic Medical Centre di Amsterdam sulla rivista JAMA Pediatrics.
leggi l'articolo »

Malattia infiammatoria intestinale, fallimento terapeutico dopo "switch" da un biologico all'altro
I pazienti con malattia infiammatoria intestinale che hanno sviluppato anticorpi contro l'infliximab hanno una probabilità più alta di sviluppare anticorpi contro l'adalimumab ottenendo un fallimento terapeutico. Questo è quanto viene fuori da una ricerca pubblicata su Inflammatory Bowel Disease
leggi l'articolo »

Trapianto di microbiota fecale, nuovi dati a supporto nel morbo di Crohn
Il trapianto di microbiota fecale induce un miglioramento precoce dei sintomi nei pazienti con malattia di Crohn attiva. Questo dato deriva da uno studio pilota presentato recentemente alla conferenza dell' American Gastroenterological Association's James W. Freston
leggi l'articolo »

Esofago di Barrett, fattori di rischio e ruolo protettivo di alcuni farmaci
L'esofago di Barrett, patologia a carico dell'epitelio esofageo, è più comune nei maschi che nelle femmine e in individui obesi. Queste e altre informazioni su tale patologia derivano da una revisione sistematica della letteratura pubblicata su World Journal of Gastrointestinal Pathophysiology.
leggi l'articolo »

Malattia di Crohn perianale: nuovo consenso internazionale sulla classificazione, diagnosi e trattamento
La malattia di Crohn (CD) quando colpisce la zona perianale è particolarmente dolorosa per i pazienti e frustrante per i medici che devono trovare modalità e farmaci per trattare il paziente in modo efficace. E' stato emesso un consenso internazionale, pubblicato sulla rivista Gut, sulla classificazione, diagnosi e trattamento multidisciplinare delle fistole perianali che aiuterà i clinici nella gestione dei pazienti con CD perianale.
leggi l'articolo »

NEUROLOGIA

Emicrania, promettente anticorpo monoclonale anti-peptide correlato al gene della calcitonina
I risultati preliminari di uno condotto negli Stati Uniti – pubblicati su Lancet Neurology - indicano che LY2951742, un anticorpo monoclonale diretto contro il peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP), potrebbe essere utile nella prevenzione dellÂ'emicrania. Le evidenze, inoltre, forniscono un supporto alle tesi che vedono un ruolo del CGRP nella patogenesi della patologia.
leggi l'articolo »

Emorragia cerebrale con ventricolostomia, la trombolisi intraventricolare migliora lÂ'outcome
La trombolisi intraventricolare (IVT), in caso di estensione intraventricolare di unÂ'emorragia intracerebrale (ICH) che richieda una ventricolostomia, determina una minore mortalità del paziente ricoverato e mostra un trend verso un favorevole outcome alla dimissione con tassi simili di complicanze in pazienti ospedalizzati rispetto a un gruppo di soggetti non sottoposti a IVT (non-IVT). Lo dimostra uno studio apparso su Stroke.
leggi l'articolo »

Epilessia refrattaria, conferme di sicurezza long-term per rufinamide add-on in pediatria
La rufinamide offre una soddisfacente riduzione delle crisi come trattamento aggiuntivo nellÂ'epilessia refrattaria in età pediatrica. I pazienti con eziologia genetica nota possono avere migliori risposte rispetto ai soggetti con eziologia strutturale/metabolica. Sono queste le conclusioni di uno studio americano, pubblicato su Epilepsia.
leggi l'articolo »

Quanto costa la sclerosi multipla in Italia-
Parte dai 23 mila euro annui a persona per una disabilità lieve fino ad arrivare ai 63 mila per persone con disabilità grave. Il costo medio annuo è di 38 mila euro a persona a cui si sommano 15 mila euro di costi intangibili. Il costo sociale annuo per il 2011 è stato stimato di 2,5 miliardi di euro. Lo rivela uno studio condotto dai ricercatori AISM e pubblicato su Neurological Science.
leggi l'articolo »

Antitrombotici nella prevenzione dell'ictus utilizzati in maniera non ottimale, lo dice un Registro europeo
I dati ricavati da quasi 12.500 pazienti arruolati nel Global Anticoagulant Registry in the FIELD-Atrial Fibrillation (GARFIELD-AF), un innovativo progetto di ricerca accademica indipendente, hanno evidenziato che le strategie di prevenzione dell'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) si attestano a livelli sub-ottimali, nonostante l'avvento delle nuove terapie di anticoagulazione fondate su agenti anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K (NOAC).
leggi l'articolo »

Sclerosi multipla: già 100mila pazienti trattati con fingolimod
Importante traguardo per fingolimod, farmaco orale per la sclerosi multipla. Il farmaco ha raggiunto e superato il risultato di 100.000 pazienti trattati in tutto il mondo. Lo ha reso noto Novartis con una nota. Fingolimod è la prima tra le terapie orali per la sclerosi multipla in grado di modificare il corso della malattia (DMT, disease modifying therapy) ad annoverare 100.000 pazienti trattati complessivamente negli studi clinici e nella fase successiva allÂ'immissione in commercio.
leggi l'articolo »

ONCOEMATOLOGIA

Ca renale, possibile effetto positivo di metformina sulla sopravvivenza
Nei pazienti con un carcinoma renale localizzato, lÂ'assunzione di metformina prima della nefrectomia potrebbe avere un effetto positivo sulla sopravvivenza del paziente. A suggerirlo è uno studio osservazionale pubblicato di recente su Urologic Oncology.
leggi l'articolo »

Ca al colon, chemio adiuvante con S-1 non inferiore a tegafur-uracile più leucovorina
La chemioterapia adiuvante con S-1, un derivato orale della fluoro pirimidina, ha portato a risultati non inferiori a quelli ottenuti con tegafur-uracile più leucovorina in termini di sopravvivenza libera da malattia (DFS) in pazienti con un cancro al colon in stadio III in uno studio randomizzato di fase III pubblicato di recente su Annals of Oncology.
leggi l'articolo »

Mieloma pretrattato, il solo carfilzomib non centra l'obiettivo
Il trattamento con l'inibitore del proteasoma carfilzomib non si è dimostrato in grado di prolungare in modo significativo la sopravvivenza globale (OS) rispetto alla migliore terapia di supporto in pazienti con mieloma multiplo avanzato pesantemente pretrattati nello studio di fase III FOCUS. A darne l'annuncio sono Amgen e la sua controllata Onyx in comunicato stampa.
leggi l'articolo »

Linfoma diffuso a grandi cellule B, deficit di vitamina D riduce lÂ'effetto di rituximab
La carenza di vitamina D sembra ridurre la citotossicità cellulare mediata da rituximab e, quindi, peggiorare gli outcome nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) trattati con un regime contenente il biologico. Lo evidenzia uno studio di autori tedeschi pubblicato di recente sul Journal of Clinical Oncology.
leggi l'articolo »

Iniezioni di botox approccio promettente per prevenire la diffusione del ca gastrico
Tagliare entrambi i rami del nervo vago che innervano lo stomaco o bloccarne la trasmissione del segnale tramite iniezioni di tossina botulinica ha mostrato di prevenire lo sviluppo e la progressione del caricinoma gastrico in modelli murini in uno studio sperimentale pubblicato di recente sulla rivista Science Translational Medicine.
leggi l'articolo »

Cellule staminali e microvescicole: un nuovo dispositivo farmacologico per veicolare chemioterapici
La ricerca, applicata a un modello tumorale particolarmente aggressivo - eseguita in vitro e senza alcuna manipolazione di tipo genetico - indica che le cellule staminali mesenchimali, caricate del farmaco, e le microvescicole da esse prodotte possono essere utilizzate come "veicoli" fisiologici efficaci per contrastare la proliferazione tumorale. Lo studio, pubblicato sul Journal of Controlled Release, è il risultato della collaborazione scientifica tra le Università degli Studi di Milano, Perugia, Milano-Bicocca e l'Istituto Neurologico "Carlo Besta" di Milano
leggi l'articolo »

Cabozantinib fallisce in fase III nel tumore della prostata, la biotech Exelis taglia il 70% dei posti
La biotech americana Exelixis ha reso noti i dati top line di uno studio di fase III denominato COMET-1, che ha valutato lÂ'impiego di cabozantinib in uomini con tumore della prostata resistente alla castrazione. Il farmaco non ha raggiunto lÂ'end point primario che consisteva nellÂ'aumento dlela sopravvivenza globale. Immediata la reazione dellÂ'azienda, che puntava molto sullÂ'approvazione del farmaco in questo setting, che ha deciso di tagliare del 70% la forza lavoro.
leggi l'articolo »

Mieloma multiplo, recidivato/refrattario, carfilzomib in combinazione promosso in fase III
In pazienti con mieloma multiplo recidivato, la combinazione di carfilzomib, lenalidomide e desametasone a basso dosaggio può prolungare la sopravvivenza libera da progressione (PFS) di 8,7 mesi rispetto ai soli lenalidomide e desametasone. È questo il risultato principale dello studio di fase III ASPIRE, annunciato da Amgen e dalla sua controllata Onyx con un comunicato stampa.
leggi l'articolo »

Sunitinib promettente contro il meningioma refrattario
Sunitinib potrebbe essere il primo trattamento medico efficace per il meningioma maligno o atipico ricorrente, anche se gravato da una certa tossicità. A suggerirlo è uno studio multicentrico e randomizzato di fase II, in cui l'inibitore delle tirosin chinasi ha dimostrato un'attività incoraggiante. Il trial è stato pubblicato da poco sulla rivista Neuro-Oncology.
leggi l'articolo »

Ca al seno, con mutazioni di PALB2 rischio simile a quello con mutazioni di BRCA
Le donne portatrici di una mutazione con perdita di funzione nel gene PALB2 sono esposte a un aumento del rischio di sviluppare il cancro al seno simile a quello conferito dalle mutazioni del ben più noto gene BRCA. A evidenziarlo è uno studio internazionale pubblicato di recente sul New England Journal of Medicine. Il lavoro è opera dell'International PALB2 Interest Group, un gruppo di ricercatori che fanno capo a 17 centri di 8 Paesi, coordinato dall'Università di Cambridge.
leggi l'articolo »

ARTHRITIS

Artrite reumatoide, le statine non pregiudicano la risposta a rituximab
Le statine non sembrano compromettere in modo significativo la risposta a rituximab nei pazienti affetti da artrite reumatoide. A suggerirlo è uno studio retrospettivo - unÂ'analisi di quattro lavori controllati e randomizzati - pubblicato di recente su Annals of the Rheumatic Diseases, nel quale si è valutato, appunto, lÂ'impatto della cosomministrazione di statine sullÂ'efficacia di rituximab in pazienti che avevano partecipato agli studi registrativi del biologico per lÂ'artrite reumatoide
leggi l'articolo »

PNEUMO

Reslizumab, farmaco sperimetale di Teva, riduce le esacerbazioni asmatiche in Fase III
Reslizumab, farmaco sperimentale della Teva Pharmaceutical, ha raggiunto l'inequivocabile endpoint primario di riduzione della frequenza delle esacerbazioni asmatiche in ben due studi di Fase III, con elevata significatività statistica e clinica.
leggi l'articolo »

Ca al polmone ALK-positivo, crizotinib nuovo standard in prima linea
L'inibitore di ALK crizotinib è in grado di migliorare la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e la percentuale di risposta obiettiva (ORR) rispetto alla chemioterapia standard nei pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) avanzato ALK-positivo, anche in prima linea.
leggi l'articolo »

Fda, accetta di revisionare dossier della combinazione tiotropio/olodaterolo
Boehringer Ingelheim ha annunciato che l'Fda ha accettato di revisionare la New Drug Application (NDA) per la combinazione a dose fissa di tiotropio e olodaterolo in monosomministrazione giornaliera, somministrata attraverso il dispositivo inalatore Respimat come terapia broncodilatatoria di mantenimento in pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), inclusa la bronchite cronica e l'enfisema.
leggi l'articolo »

ALTRI STUDI

Il successo della fecondazione in vitro aumenta con la vitamina D
Bassi livelli sierici di vitamina D possono ridurre le probabilità di una donna di concepire attraverso la fecondazione in vitro (IVF); le chance di una gravidanza invece aumentano con livelli sufficienti di vitamina D. È quanto sostengono i ricercatori italiani in uno studio innovativo pubblicato di recente sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.
leggi l'articolo »

Ridotto rischio di insufficienza cardiaca con vitamina D ma nessuna influenza su infarto e ictus
La supplementazione di vitamina D negli anziani carenti potrebbe proteggere dall'insufficienza cardiaca ma non sembra avere effetti protettivi nell'infarto miocardico e nell'ictus. È quanto emerge da due analisi condotte da un gruppo di ricercatori inglesi e recentemente pubblicate su The American Journal of Clinical Nutrition.
leggi l'articolo »

Diabete, nuova insulina basale peglispro superiore a glargine
La nuova insulina basale peglispro (basal insulin peglispro, BIL) messa a punto da Eli Lilly ha dimostrato di indurre una riduzione statisticamente dei livelli di emoglobina A1c (HbA1c) superiore a quella osservata con lÂ'insulina glargine: si tratta dei dati 26 e a 52 settimane rispettivamente negli studi clinici di fase III IMAGINE-1 e IMAGINE-3 condotti su pazienti affetti da diabete di tipo 1.
leggi l'articolo »

Diabete, pioglitazone non aumenta rischio di cancro alla vescica, conferma da studio a 10 anni
E' stato completato uno studio di 10 anni che mostra come non vi sia un aumento statisticamente significativo del rischio di cancro alla vescica tra le persone con diabete che assumono pioglitazone. Lo ha reso noto Takeda che ha anche annunciato che i dati completi del trial saranno resi noti nei prossimi mesi. Il trial è stato condotto dalla University of Pennsylvania e la Divisione di Ricerca della Kaiser Permanente Northern California (KPNC).
leggi l'articolo »

Diabete di tipo 2, meno ipoglicemie notturne con la nuova insulina glargine
Una nuova formulazione di insulina glargine da 300 unità/ml (Gla-300) ha un'efficacia pari a quella della versione standard da 100 unità/ml (Gla-100) in termini di controllo glicemico nei pazienti con diabete di tipo 2 in trattamento con insulina basale (≥42 unità/giorno) più insulina prima dei pasti. Tuttavia, il nuovo prodotto di Sanofi ha un vantaggio non indifferente sul fronte della sicurezza, in quanto comporta un rischio molto inferiore di ipoglicemie notturne. È questo il risultato dello studio internazionale EDITION 1, un trial in aperto e a gruppi paralleli, pubblicato di recente su Diabetes Care.
leggi l'articolo »

Psoriasi a placche, ponesimod bene in fase II
Ponesimod, un modulatore selettivo orale del recettore della sfingosina 1-fosfato (S1P), ha prodotto un beneficio clinico significativo in uno studio multicentrico e randomizzato di fase II su pazienti affetti da psoriasi a placche cronica moderata o grave, studio pubblicato di recente su The Lancet.
leggi l'articolo »

Possibile correlazione tra deficit di vitamina D e rischio di schizofrenia
Gli individui con un deficit di vitamina D hanno una probabilità doppia che gli venga diagnosticata la schizofrenia rispetto a quelli con livelli sufficienti di vitamina. A suggerirlo sono i risultati di una revisione sistematica e metanalisi pubblicata di recente online sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism (Jcem).
leggi l'articolo »

Depressione, la ketamina può ridurre l'ideazione suicidaria
La ketamina, un anestetico iniettabile che ha dimostrato di esercitare un effetto antidepressivo rapido ma di breve durata, può ridurrel' ideazione suicidaria indipendentemente dalla riduzione dei sintomi depressivi. È quanto emerge da una nuova ricerca pubblicata di recente sul Journal of the of Psychiatric Research, a firma di un team del National Institute of Mental Health di Bethesda, nel Maryland.
leggi l'articolo »

Inibizione di JAK promettente contro l'alopecia areata
L'inibizione farmacologica delle tirosin chinasi della famiglia delle Janus chinasi (JAK) ha portato alla ripresa della crescita dei capelli in tre pazienti affetti da alopecia areata, in uno studio preliminare di autori americani, pubblicato di recente su Nature Medicine.
leggi l'articolo »

BUSINESS

Abbvie e Google insieme per nuove terapie, investimenti fino a $1,5 miliardi
AbbVie e Calico, società biotech americana posseduta da Google, hanno annunciato una nuova collaborazione di ricerca & sviluppo destinata ad aiutare le due aziende a scoprire, sviluppare e commercializzare nuove terapie per pazienti con malattie legate all'età. Calico progetta di costruire un nuovo impianto di R & S nella San Francisco Bay Area a concentrarsi in particolare in materia di invecchiamento e le malattie ad esso associate, e entrambe le società dicono che possono investire fino a $ 1,5 miliardi di dollari per accelerare lo sviluppo di nuovi farmaci e terapie.
leggi l'articolo »

Novartis, azioni su del 5%, il nuovo anti scompenso è un "game changer"
Negli ultimi tre giorni le azioni della svizzera Novartis sono salite di quasi il 5%, passando da 90 dollari a 94,25. La ragione è presto detta: il mercato è rimasto impressionato dalle possibilità cliniche e commerciali di LCZ696 il nuovo farmaco anti scompenso cardiaco i cui dati sono appena stati presentati all'ESC.
leggi l'articolo »

Novo Nordisk, stop alle attività di R&D nel campo delle malattie infiammatorie
Novo Nordisk ha annunciato che interromperà tutte le attività di ricerca e sviluppo nel campo dei disordini infiammatori dopo la recente decisione di arrestare lo sviluppo del suo anti IL-20 per il trattamento dell'artrite reumatoide.
leggi l'articolo »

IMS si rafforza nel market access
IMS Health, leader mondiale nel marketing intelligence per l'industria farmaceutica, e Intexo, società specializzata negli affari regolatori, hanno siglato un accordo di partnership per lo sviluppo congiunto di strategie di accesso al mercato, settore cruciale oggi per le aziende che operano nell'ambito healthcare.
leggi l'articolo »

ALTRE NEWS

A Flora Peyvandi il Premio Grande Ippocrate per la ricerca e divulgazione scientifica
La giuria del Premio Grande Ippocrate, giunto quest'anno alla sesta edizione, ha deciso di assegnare il riconoscimento alla professoressa Flora Peyvandi che ha condotto le sue ricerche presso la Fondazione IRCCS Ca' Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.
leggi l'articolo »

AssoGenerici al fianco dei giovani farmacologi
La Società Italiana di Farmacologia (SIF) e AssoGenerici hanno siglato un importante accordo per promuovere la ricerca italiana sul farmaco mirata al "mondo reale": farmacologia clinica, farmacovigilanza, farmacoepidemiologia e farmacogenetica. Per lÂ'anno 2014, infatti, sono stati istituiti quattro premi del valore di 5000 euro per lavori pubblicati nel 2013 e nei primi sei mesi di questÂ'anno, riservati ai Soci SIF da almeno tre anni, non strutturati, di età massima 38 anni, ricercatori dellÂ'Accademia e di altri Enti di Ricerca.
leggi l'articolo »








PharmaStar Registrazione al Tribunale di Milano n° 516 del 6 settembre 2007 Direttore Responsabile: Danilo Magliano;
Copyright ©MedicalStar™ via San Gregorio, 12 20124 Milano tel. 02 29404825 info@pharmastar.it P.Iva: 09529020019
Senza autorizzazione è vietata la riproduzione anche parziale. Condizioni di utilizzo | Privacy