Acido urico elevato aumenta il rischio cardiovascolare. Le nuove armi terapeutiche per ridurlo

Intervista al Prof. Claudio Borghi, Ordinario di Medicina Interna, Università degli Studi di Bologna