Tumore ovarico, il ruolo della chirurgia nella recidiva platino-sensibile

Qual è il ruolo dell'intervento di citoriduzione secondaria nelle donne con carcinoma ovarico che hanno sviluppato una recidiva cosiddetta platino-sensibile, comparsa, cioè, a oltre 6 mesi di distanza dall'ultima chemioterapia a base di platino? Nella nostra intervista facciamo il punto su questo tema con la professoressa Maria Giovanna Salerno, che abbiamo incontrato a Torino, in occasione della 32a riunione nazionale del gruppo MITO, uno dei più importanti gruppi cooperativi europei che si occupano di ricerca sulle neoplasie ginecologiche.


Professoressa Maria Giovanna Salerno
Direttore Dipartimento Salute Donna Bambino, UOC Ginecologia e Ostetricia, AO S. Camillo Forlanini, Roma


Rimani aggiornato sui video di PharmaStar. Iscriviti ora al canale YouTube, basta un Click!