Tumori neuroendocrini, disponibile in Italia un nuovo radiofarmaco a base di lutezio

Riconoscimento della innovativitÓ terapeutica da parte dell'Agenzia italiana del farmaco e immediata rimborsabilitÓ per un nuovo radiofarmaco indicato per un tipo di tumori rari piuttosto difficili da diagnosticare precocemente e da trattare: i tumori neuroendocrini (NET). I pi¨ diffusi riguardano il tratto gastro-entero-pancreatico (GEP-NET) e si presentano il pi¨ delle volte con metastasi giÓ alla diagnosi, a volte anche non operabili: la sopravvivenza a 5 anni Ŕ molto bassa, il 37 per cento.
Per chi Ŕ affetto da questi tumori una speranza concreta arriva dalla disponibilitÓ del lutezio-177Lu-oxodotreotide, un radiofarmaco che Ŕ stato approvato per i GEP-NET non operabili o metastatici, progressivi, ben differenziati e positivi per i recettori della somatostatina.
Ci siamo fatti spiegare cos'Ŕ questo radiofarmaco, come si utilizza e quali risultati consente di ottenere da un vero esperto, il professor Sergio Baldari, Direttore dell'UnitÓ Operativa Complessa di Medicina Nucleare del Policlinico Universitario di Messina.


Rimani aggiornato sui video di PharmaStar. Iscriviti ora al canale YouTube, basta un Click!