La ricerca traslazionale sta assumendo un'importanza sempre maggiore in oncologia in generale, e maggior ragione nell’oncologia ginecologica. Un ottimo esempio di come la ricerca traslazionale possa essere abbinata alla ricerca clinica, fornendo informazioni importanti per la scelta della terapia più adatta a ciascun paziente è rappresentato dallo studio MITO 22, uno studio sul tumore ovarico, coordinato del gruppo cooperativo MITO, tra i maggiori gruppi europei per lo studio delle patologie ginecologiche-oncologiche. Ne parliamo in quest’intervista, realizzata in occasione della XXXV riunione del gruppo MITO, con il professor Sandro Pignata, presidente del gruppo e Direttore della Struttura Complessa di Oncologia Medica del Dipartimento Uro-ginecologico dell'Istituto Nazionale Tumori IRCCS "Fondazione G. Pascale" di Napoli.