Nel Piano Nazionale di Ripartenza e Resilienza sono stati stanziati  7 miliardi per le reti di prossimità, le strutture e la telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale e 8,63 miliardi per l’innovazione, la ricerca e la digitalizzazione del SSN. Cosa potrebbe cambiare in ambito di telemedicina? Ne parliamo con l'onorevole Fabiola Bologna,  Commissione XII Affari Sociali, Camera dei Deputati in occasione di un evento online – patrocinato da FedEmo-Federazione delle Associazioni Emofilici e organizzato da Osservatorio Malattie Rare e in cui sono stati presentati i primi dati del progetto di telemedicina,  REmoTe.