289 news PER "demenza"


NEWS

Giovedi 15 Febbraio 2018

Alzheimer, tonfo in borsa per Biogen per ridefinizione studio su aducanumab

Biogen in borsa ieri ha ceduto quasi il 7% a causa di un farmaco per l'Alzheimer, anzi del farmaco sul quale sono appuntate le maggiori speranze tra quelli in studio. La causa? La ridefinizione del numero di pazienti da arruolare nei due studi di fas[...]

Giovedi 1 Febbraio 2018

Diabete, stabilito legame con il declino cognitivo che precede la demenza

Uno studio appena pubblicato ha evidenziato che i pazienti con diabete, valutato sulla base dei livelli di emoglobina glicata A1c (HbA1c) più alti del normale, mostrano un aumento del declino cognitivo, nell'arco di 10 anni, superiore a quelli con gl[...]

Martedi 30 Gennaio 2018

Alzheimer: prevenzione, campanelli d'allarme e novità dalla ricerca

E' una malattia che lavora al buio, che per 15-20 anni apporta modifiche strutturali a livello cerebrale ma di cui non si ha coscienza. Parliamo dell'Alzheimer, malattia ad oggi incurabile e destinata a crescere entro il 2050 come riportato in un amp[...]

Sabato 27 Gennaio 2018

Demenza a corpi di Lewy, un antiepilettico migliora il parkinsonismo senza provocare allucinazioni

La zonisamide, farmaco anticonvulsivante, combinata con la levodopa, migliora i sintomi motori in pazienti con demenza a corpi di Lewy (DLB), senza acutizzare il declino cognitivo o i sintomi psichiatrici. Lo dimostrano i risultati di uno studio giap[...]

Giovedi 18 Gennaio 2018

Declino cognitivo rallentato dal consumo quotidiano di verdure a foglia verde: i nutrienti responsabili

Consumare una porzione di verdure a foglia verde al giorno può aiutare a rallentare il declino cognitivo correlato all'avanzamento dell'età. Una conferma autorevole delle virtù salutari di questi alimenti viene da uno studio prospettico condotto su u[...]

Venerdi 12 Gennaio 2018

Dieta mediterranea riduce il rischio di fragilità negli anziani

Gli anziani che seguono la dieta mediterranea sono più attivi e in salute dei coetanei che seguono regimi alimentari differenti. Lo ha dimostrato un team di ricercatori dello University College di Londra, dopo aver condotto una meta-analisi pubblicat[...]

Mercoledi 10 Gennaio 2018

Alzheimer, idalopiridina fallisce in fase III

L’antagonista del recettore 5-HT(6) idalopiridina ha fallito nel migliorare gli outcome cognitivi dei pazienti con malattia di Alzheimer da lieve a moderata arruolati in tre studi di fase III.

Giovedi 4 Gennaio 2018

Post-preeclampsia, possibili differenti pattern di ipertensione. Quale monitoraggio e quali interventi

Le donne con preeclampsia in gravidanza possono sviluppare diversi pattern di ipertensione dopo il parto. Lo riferiscono ricercatori svizzeri in uno studio pubblicato su “Hypertension”.

Sabato 25 Novembre 2017

Infarto miocardico correlato a demenza vascolare, non a malattia di Alzheimer

Un pregresso infarto miocardico (IM) è associato ad aumentato rischio di demenza vascolare con una percentuale che arriva fin quasi al 35% e un pericolo più elevato che si estende fino a 35 anni dopo l'evento acuto. Tale rischio è ancora superiore ne[...]

Giovedi 16 Novembre 2017

Ca alla prostata, terapia di deprivazione androgenica non aumenta il rischio di Alzheimer

Gli uomini anziani trattati con la terapia di deprivazione androgena (ADT) per un cancro della prostata non sembrano essere a rischio aumentato di sviluppare una demenza o la malattia di Alzheimer, stando ai risultati di uno studio appena pubblicato[...]

Sabato 21 Ottobre 2017

Ictus in pazienti con demenza, sì alla trombolisi endovenosa senza timori di emorragia cerebrale

I pazienti affetti da demenza, se sono colpiti da un ictus ischemico acuto (AIS) e vengono trattati mediante trombolisi endovenosa (IVT) utilizzando potenti farmaci trombolitici, non corrono alcun rischio superiore di emorragia intracerebrale sintoma[...]

Patogenesi dell'Alzheimer, trovata una nuova tessera del puzzle

Ricercatori della McGill University di Montréal (Canada) hanno scoperto un meccanismo cellulare che può contribuire all'interruzione delle comunicazioni tra i neuroni nella malattia di Alzheimer (AD). Il loro studio, pubblicato su “Nature Communicati[...]

Lunedi 16 Ottobre 2017

Sclerosi multipla, ictus, demenze, emicrania: importanti novità dal congresso SIN di Napoli

Si chiude domani a Napoli il 48° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. Da sabato 14 ottobre la SIN riunisce oltre 2.000 neurologi provenienti da tutta Italia nella splendida location del Centro Congressi Mostra d’Oltremare.

Sabato 14 Ottobre 2017

Transizione in menopausa, rischio aumentato di Alzheimer. Prime prove PET

Secondo una ricerca pubblicata su “PLoS One”, la menopausa è associata a cambiamenti del metabolismo cerebrale che possono aumentare il rischio di malattia di Alzheimer (AD). Rispetto alle donne in premenopausa, quelle in perimenopausa e in postmenop[...]

Mercoledi 11 Ottobre 2017

Napoli, al via il 48° congresso della Società Italiana di Neurologia. Nel 2021 Roma ospiterà il mondiale

Dal 14 al 17 Ottobre prossimi gli oltre 1500 neurologi di tutta Italia si riuniranno a Napoli per il 48° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia (SIN) in programma presso il Centro Congressi Mostra d’Oltremare. E proprio il Congresso[...]

Giovedi 5 Ottobre 2017

Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopenia

Le malattie muscolo-scheletriche croniche dell'anziano quali osteoporosi, artrosi e sarcopenia sono al centro della VI edizione del Congresso ASON. Dal 5 al 7 ottobre oltre 600 ortopedici, reumatologi e fisiatri si danno appuntamento a Napoli presso [...]

Mercoledi 4 Ottobre 2017

Lombalgia cronica, per mitigare il dolore bisognerà agire anche a livello cerebrale

Chi pensa che il mal di schiena lombare cronico, che gli inglesi chiamano low back pain (CLBP) sia un problema di origine solo muscolo-scheletrico sbaglia di grosso. E' ormai noto che oltre ai problemi nella colonna vertebrale il dolore sia generato [...]

Mercoledi 27 Settembre 2017

Ennesimo fallimento nell'Alzheimer: nemmeno intepirdina supera la fase III

Deludono i risultati annunciati ieri su intepirdina, farmaco sperimentale per la malattia di Alzheimer che non è riuscito a superare il placebo in uno studio di fase III, MINDSET, su cui erano riposte molte aspettative da parte di clinici e pazienti.[...]

Domenica 24 Settembre 2017

Magnesiemia, se troppo bassa o troppo alta può aumentare il rischio di demenza

Livelli di magnesio sierico sia bassi sia elevati sono associati al rischio di demenza, suggerendo una relazione a forma di U (U-shaped). È quanto emerge da una nuova ricerca pubblicata online su “Neurology”.

Venerdi 22 Settembre 2017

Malattia di Parkinson, al Gemelli si parla di ottimizzazione della cura

Le nuove tecniche chirurgiche di controllo della malattia di Parkinson saranno al centro del convegno “La malattia di Parkinson al Policlinico Gemelli”. Nell'incontro che avrà luogo oggi pomeriggio presso il Policlinico Gemelli di Roma si discuterà d[...]

Mercoledi 20 Settembre 2017

Malattie cardiache, donne a maggior rischio, anche le più giovani. Al via congresso ONDA

A fare il punto sulla salute della donna con uno specifico focus sulla medicina di genere sarà il 1^ Congresso nazionale di Onda “La salute della donna - patologie femminili di maggiore impatto: dalla specialistica all'approccio multidisciplinare” ch[...]

Martedi 19 Settembre 2017

Infezione da Helicobacter pylori, a quali patologie extragastriche è collegata?

L'infezione da Helicobacter pylori è associata a molteplici malattie extragastriche tra cui patologie cutanee, malattie infiammatorie intestinali, compromissione immunologica, disfunzione renale, asma allergico e malattie respiratorie. In questa revi[...]

Sabato 16 Settembre 2017

Disturbi respiratori nel sonno associati a maggiore rischio di sviluppo di demenza

I disturbi respiratori durante il sonno (SDB) sono associati a un aumento del rischio di declino cognitivo e a un peggioramento della funzione esecutiva. È quanto indica una nuova revisione sistematica e meta-analisi condotta su oltre 4 milioni di ad[...]

Lunedi 21 Agosto 2017

Inibitori della pompa protonica e demenza, esiste davvero un collegamento?

Negli ultimi mesi si sono susseguiti studi sul presunto collegamento tra l'utilizzo a lungo termine degli inibitori della pompa protonica (PPI) e l'aumento di insorgenza di demenza. Un nuovo studio, pubblicato su Gastroenterology, afferma che l'uso c[...]

Venerdi 7 Luglio 2017

Prevenire l’Alzheimer quando si è ancora mentalmente sani. Sarà possibile?

Quantità più elevate di amiloide nel cervello di soggetti anziani sono associate, con maggiore probabilità, ad un più rapido declino cognitivo suggestivo della malattia di Alzheimer. È quanto si osserva in uno studio pubblicato su JAMA in cui gli aut[...]

Domenica 18 Giugno 2017

Aspirina in prevenzione secondaria, il rischio di sanguinamento negli over 75 è più alto del previsto

Secondo un nuovo studio osservazionale pubblicato online su “The Lancet”, l'assunzione di aspirina per la prevenzione secondaria di un ictus o un infarto miocardico (IM) è associata a un rischio superiore a quello previsto di sanguinamento invalidant[...]

Sabato 10 Giugno 2017

Solo danneggiamento cerebrale e non protezione per chi assume alcol

L’assunzione moderata di alcol determina una compromissione cerebrale, sia a livello strutturale che funzionale. Lo sostengono gli autori di uno studio di corte osservazionale, pubblicato sul British Medical Journal - BMJ, in cui specificano che il c[...]

Venerdi 26 Maggio 2017

Rischio maggiore di demenza con uso tardivo di warfarin dalla diagnosi iniziale di AF

Un ritardo nell'impiego della terapia anticoagulante con warfarin oltre 30 giorni dopo la diagnosi iniziale di fibrillazione atriale (AF) – come purtroppo avviene nella maggior parte dei casi - è associato a un significativo aumento nel tempo del ris[...]

Martedi 16 Maggio 2017

Ipertensione arteriosa colpisce un italiano su quattro, 17 maggio la giornata mondiale

Nel nostro paese 16 milioni di italiani sono colpiti da questo problema (il 33% sono uomini, il 31% donne), causa principale di un numero rilevante di complicanze cardiovascolari. E “il killer silenzioso”, che ogni anno costa la vita a circa 10 milio[...]

Martedi 9 Maggio 2017

Ca prostatico, possibile legame tra terapia di deprivazione androgenica e aumento del rischio di demenza

La terapia di deprivazione androgenica potrebbe essere associata a un aumento del rischio di demenza nei pazienti affetti da un carcinoma prostatico, stando ai risultati di una revisione sistematica e una metanalisi appena pubblicata sulla rivista Pr[...]

Studio EBBINGHAUS: nessun danno cognitivo e di memoria abbassando molto il colesterolo con evolocumab

Abbassare il colesterolo LDL a livelli “senza precedenti” con un inibitore della PCSK9 - fino a meno di 25 mg/dl in alcuni pazienti - non influisce negativamente sulla memoria e, più in generale, sulle funzioni cognitive. A dimostralo sono i risultat[...]

Declino cognitivo, svaniscono le speranze poste sugli antiossidanti

Neanche la supplementazione di antiossidanti previene la demenza. È quanto riferito in uno studio pubblicato su JAMA Neurology in cui gli autori sostengono si tratti del primo studio che valuta a lungo termine l'associazione tra l’utilizzo del supple[...]

Sabato 1 Aprile 2017

Beta-amiloide cerebrale nell'epilessia a esordio giovanile e predisposizione all'Alzheimer, forti indizi

Secondo uno studio apparso online su “JAMA Neurology”, soggetti adulti con epilessia a esordio infantile, in particolare se portatori dell'allele epsilon-4 (e4) dell'apolipoproteina E (APOE), hanno un aumentato carico di amiloide cerebrale più avanti[...]

Domenica 2 Aprile 2017

Malattie autoimmuni e rischio demenza, un link allarmante ma ancora da esplorare

I pazienti affetti da vari tipi di malattie autoimmuni presentano un rischio aumentato di demenza. Sono le preoccupanti conclusioni di uno studio retrospettivo, pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health, in cui i ricercatori hanno oss[...]

Venerdi 31 Marzo 2017

Parte da Firenze la nuova battaglia contro l'Alzheimer

A Firenze il 17° Congresso Nazionale dell'Associazione Italiana Psicogeriatria AIP. Dal 1 al 3 Settembre l'Alzheimer Fest a Varese

Sabato 11 Marzo 2017

Le malattie autoimmuni aumentano il rischio di demenza

Un nuovo studio, pubblicato online sul “Journal of Epidemiology & Community Health”, fornisce ulteriori elementi che evidenziano un collegamento tra le malattie autoimmuni e la demenza, tra cui il morbo di Alzheimer (AD), ma soprattutto la demenza va[...]

Sabato 4 Marzo 2017

Alzheimer, l'ormonoterapia post-menopausale non aumenta i rischi (ma non è protettiva)

La terapia ormonale in post-menopausa (HT) sembra non essere motivo di rischio rispetto allo sviluppo di malattia di Alzheimer (AD) ma nemmeno di svolgere in tal senso un effetto neuroprotettivo. Lo suggerisce una nuova ricerca pubblicata online su “[...]

Domenica 26 Febbraio 2017

Dai biomarcatori liquorali migliore predizione di rischio di progressione da MCI a demenza

La classificazione del rischio per un singolo individuo di progressione da una condizione di lieve decadimento cognitivo (MCI, mild cognitive impairment) a demenza può essere migliorata basandosi su biomarcatori liquorali (CSF, fluido cerebrospinale)[...]

Domenica 19 Febbraio 2017

Non è mai troppo tardi per dedicarsi alle attività ricreative e ridurre così il declino cognitivo

Gli anziani che si dedicano a specifiche attività mentalmente stimolanti, anche in tarda età, come l’uso del computer, lavori manuali, attività sociali, hanno un rischio minore di deterioramento cognitivo lieve incidente.

L'ipertensione protegge dalla demenza se l'esordio è negli over 80

Sviluppare l’ipertensione in età molto avanzata protegge dal rischio demenza. È quanto sostengono i ricercatori di uno studio, pubblicato di recente su Alzheimer's & Dementia, in cui si discutono i possibili meccanismi che sono alla basa di questa pr[...]

Assumere omega-3 può prevenire l'Alzheimer

La supplementazione di acido docosaesaenoico (Dha) ad alte dosi potrebbe diminuire l'incidenza dell'Alzheimer nei soggetti che presentano l'allele 4 del gene apolipoproteina E (Apo-E4). Sono le conclusioni di una review recentemente pubblicata su JAM[...]

Giovedi 16 Febbraio 2017

Alzheimer, alt a studio di Fase III con verubecestat. Motivo? Inefficacia

Altra vittima nella corsa ai farmaci per l'Alzheimer. Questa volta è il turno di verubecestat, farmaco sperimentale sviluppato da Merck & Co, in Italia MSD, per i pazienti affetti da Alzheimer con sintomi da lievi a moderati, che non ha mostrato nes[...]

Sabato 4 Febbraio 2017

Parlare due lingue protegge dall'Alzheimer

Studiate le lingue: inglese, francese, russo, cinese. Quello che volete. Oltre che servirvi per il lavoro farà bene alla vostra salute. Ricercatori italiani hanno scoperto che le persone bilingui risultano più protette contro la demenza di Alzheimer,[...]

Venerdi 3 Febbraio 2017

Nessun rischio demenza per chi assume cibi ricchi di colesterolo

Non solo per chi fa una dieta ad alto contenuto di colesterolo o mangia molte uova non ha un aumentato rischio di demenza incidente o Alzheimer, ma l’assunzione moderata di quest’ultimo alimento può portare a benefici nelle performance cognitive. È q[...]

Nelle donne il declino cognitivo inizia nella mezza età

L'invecchiamento cognitivo nelle donne sembra aver inizio intorno ai 50 anni e riguarda in particolare un significativo declino sia nella velocità di elaborazione sia nella memoria. “Questo tipo di declino è molto comune, così come l'invecchiamento d[...]

Sabato 4 Febbraio 2017

Ca alla prostata, non c’è legame tra terapia di deprivazione androgenica e demenza

Gli uomini con un cancro alla prostata sottoposti alla terapia di deprivazione androgenica non hanno mostrato un’incidenza maggiore di demenza, compreso il morbo di Alzheimer, rispetto a quelli non trattati con questa terapia in un ampio studio di po[...]

Sabato 28 Gennaio 2017

Abiti in zone molto trafficate? Attenzione al rischio demenza

Quanto più vicino si vive ad una strada principale tanto più alto sarà il rischio di demenza. È quanto sostengono gli autori di un ampio studio di corte pubblicato di recente su Lancet che però non hanno trovato alcuna associazione tra vicinanza al t[...]

Domenica 22 Gennaio 2017

Ipertensione negli ultrasessantenni: dagli States nuove linee guida rivedono i target sistolici

Avviare una terapia antipertensiva nei pazienti di età =/> 60 anni con una pressione arteriosa sistolica (PAS) persistentemente pari o superiore ai 150 mmHg, per conseguire un target pressorio inferiore a 150 mmHg e diminuire così il rischio di event[...]

Mercoledi 18 Gennaio 2017

Cannabis terapeutica, i pro e i contro del suo utilizzo in un ampio report internazionale

L'utilizzo della cannabis a scopo terapeutico è stato molto dibattuto negli anni in quanto se da un lato prove rilevanti hanno suggerito che il suo utilizzo è associato allo sviluppo di psicosi e schizofrenia, dall'altro lato diversi studi dimostran[...]

Sabato 14 Gennaio 2017

Dall'Università di Verona un test affidabile al 100% per la diagnosi della malattia di Creutzfeldt-Jacob

Un nuovo algoritmo per la diagnosi della malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) – basato sulla combinazione di test su campioni di liquido cefalorachidiano (CSF) e tampone nasale – ha specificità e sensibilità "virtualmente del 100%" e dovrebbe portare [...]

Venerdi 13 Gennaio 2017

Dopo la psicosi nel Parkinson, pimavanserina riduce allucinazioni e deliri nell'Alzheimer

Nuovi risultati di un trial di fase 2 con il farmaco antipsicotico pimavanserina in pazienti affetti da psicosi associata a malattia di Alzheimer (AD), hanno dimostrato una riduzione statisticamente significativa delle psicosi tra quelli trattati con[...]

Domenica 18 Dicembre 2016

Parkinson, nuovo test biochimico diagnostico basato sull'amplificazione dell'alfa-sinucleina liquorale

Un gruppo di ricercatori ha messo a punto un test biochimico per la diagnosi della malattia di Parkinson (PD) utilizzando una tecnologia che rileva gli oligomeri malripiegati (misfolded) di alfa-sinucleina (alfaSyn) nel liquido cerebrospinale (CSF). [...]

Domenica 27 Novembre 2016

Roche fiduciosa nei propri farmaci sperimentali per l'Alzheimer, nonostante il flop di Lilly

Roche sostiene che crenezumab e gantenerumab, i propri farmaci in sviluppo la malattia di Alzheimer che hanno come bersaglio la beta-amiloide, hanno ancora un potenziale, nonostante il recente fallimento dello studio con solanezumab, il farmaco di E[...]

Sabato 26 Novembre 2016

Agenti anti-tau come freno all'Alzheimer, cambio di strategia: dall'add-on si passa alla monoterapia

La strategia degli inibitori dell'aggregazione di proteine tau continua a dimostrarsi promettente nei pazienti con malattia di Alzheimer (AD) lieve o moderata. Lo dimostrano i risultati di uno studio di fase III, condotti con leuco-metiltioninio bis [...]

Venerdi 25 Novembre 2016

Ca alla prostata, terapia di deprivazione androgenica non correlata ad aumento del rischio di demenza

Il trattamento con la terapia di deprivazione androgenica (ADT) non è risultato associata a un aumento del rischio di demenza in un ampio studio di popolazione da poco pubblicato sul Journal of Clinical Oncology. (Jco).

Mercoledi 23 Novembre 2016

Studio EXPEDITION3, solanezumab non funziona, un altro fallimento nell'Alzheimer

Un'altra delusione per tutti coloro - medici, pazienti, caregiver- che si interessano di Alzheimer. Nell'attesissimo studio EXPEDITION3, l'anticorpo monoclonale solanezumab diretto contro la placca amiloide della quale ne riduce la formazione, non [...]

Giovedi 3 Novembre 2016

Alzheimer, farmaco sperimentale di MSD riduce la placca amiloide in trial di Fase I

Merck & Co. (in Italia MSD) ha reso noto che i dati di studio di Fase I condotto con la terapia sperimentale verubecestat, precedentemente nota come MK-8931, sono stati pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine. I risultati dimostrano c[...]

Venerdi 28 Ottobre 2016

Pazienti colpiti da ictus, nasce la Carta dei diritti per una cura migliore

L'ictus è una delle principali cause di mortalità e una delle principali cause di disabilità. Oltre 17 milioni di persone nel mondo sono colpiti da ictus ogni anno (200mila in Italia) e sei milioni sono le vite perse per questa patologia. Ogni due se[...]

Domenica 23 Ottobre 2016

Malattie neurologiche, la condizione più diffusa nel mondo occidentale

In Italia sono oltre 1.000.000 le persone affette da demenza, di cui 600.000 quelle colpite da Alzheimer, mentre circa 930.000 sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell'Ictus, patologia che ogni anno fa registrare 120.000 nuovi casi. A Venezia[...]

A Venezia il 47° congresso nazionale della Società Italiana di Neurologia

Fino al 25 ottobre il capoluogo veneto sarà animato da oltre 2.000 specialisti chiamati da tutta Italia per fare il punto sulle più recenti innovazioni in campo diagnostico e terapeutico nel trattamento delle principali malattie neurologiche - dalla [...]