NEWS

Martedi 2 Ottobre 2018

Rigurgito mitralico, dopo l'ESC rivincita per MitraClip dal trial COAPT

Nell'ambito di un sottogruppo accuratamente selezionato di pazienti con insufficienza cardiaca e grave rigurgito mitralico secondario, la riparazione della valvola mitralica transcatetere con MitraClip ha ridotto il numero di ospedalizzazioni per ins[...]

Sabato 10 Marzo 2018

Nello scompenso cardiaco bassi livelli di testosterone si associano a una prognosi più sfavorevole

Uno studio condotto da ricercatori giapponesi e pubblicato online sull' “American Journal of Cardiology” ha indagato l'impatto del testosterone sulla prognosi dello scompenso cardiaco (HF), così come sulla funzione cardiaca, sul danno cardiaco e sull[...]

Sabato 2 Dicembre 2017

Statine, difesa del tessuto endoteliale miocardico in favore della guarigione dell'infarto. Studio preclinico

Nel tessuto infartuato, le statine diminuiscono la permeabilità e riducono il transito di leucociti infiammatori sfavorevoli, migliorando di conseguenza la guarigione e la funzionalità del ventricolare sinistro. Pubblicati online su “Arteriosclerosis[...]

Venerdi 8 Settembre 2017

Gestione delle valvulopatie, cosa cambia nelle nuove linee guida congiunte ESC/EACTS

In concomitanza con la loro presentazione a Barcellona durante l'edizione 2017 del Congresso dell'European Society of Cardiology (ESC), sono state pubblicate online sull'European Heart Journal e sul sito web dell'ESC le linee guida aggiornate per la [...]

Domenica 5 Marzo 2017

Scompenso cardiaco, dalle Linee Guida ESC perché e come controllare la frequenza cardiaca

Una nuova analisi delle novità contenute nelle Linee Guida (LG) ESC (European Society of Cardiology) sulla gestione dello scompenso cardiaco (HF), a quasi un anno dalla loro emanazione, e delle possibili difficoltà di applicazione nella pratica clini[...]

Lunedi 12 Dicembre 2016

Infarto: omega 3 capaci di intervenire positivamente su rimodellamento cardiaco. Al via studio al Gemelli

Uno studio, recentemente pubblicato su Circulation, ha analizzato gli effetti dell'assunzione di alte dosi di farmaci Omega-3 in pazienti che avevano subito un infarto miocardico acuto (IMA) dimostrando che alte dosi di Omega-3, possono intervenire p[...]

Domenica 25 Settembre 2016

Sacubritil/valsartan in prima battuta nello scompenso cardiaco?

Sacubitril/valsartan, capostipite della nuova classe farmacologica denominata Arni (Angiotensin receptor-neprilysin inhibitor) entra nell'armamentario terapeutico raccomandato dalle linee guida dell'ESC sulla gestione dell'insufficienza cardiaca acut[...]

DAPT, la variabilità della risposta piastrinica a clopidogrel è associata a disfunzione endoteliale

Nei pazienti che - dopo intervento coronarico percutaneo (PCI) - ricevono una doppia terapia antipiastrinica (DAPT), la disfuzione endoteliale è associata a variabilità della risposta a clopidogrel.

ACE-inibitori e ARB potrebbero ridurre i decessi nei pazienti nefropatici

In uno studio made in Usa appena pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, un gruppo di pazienti anziani affetti da una malattia renale cronica non in dialisi hanno mostrato un rischio di decesso inferiore durante lo studio se ass[...]

Mercoledi 20 Novembre 2013

Scompenso con funzione di pompa preservata, spironolattone non passa l'esame

Nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione d'eiezione conservata (=/>45%) lo spironolattone non si è dimostrato in grado di ridurre l'endpoint primario composto da morte cardiovascolare (CV), ospedalizzazione per insufficienza cardiaca né ha [...]

Giovedi 31 Ottobre 2013

Ranolazina promettente nell'ipertensione polmonare associata a scompenso diastolico

Il farmaco anti-anginoso ranolazina potrebbe essere efficace anche nell'ipertensione polmonare legata allo scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata (HFpEF), una condizione per la quale esistono poche opzioni farmacologiche disponibili.

Domenica 17 Febbraio 2013

Scompenso cardiaco, effetti positivi di atorvastatina ad alte dosi nel breve termine su pareti dei vasi e rimodellamento ventricolare sinistro

Una ricerca condotta all'Università di Atene e apparsa su Atherosclerosis dimostra che, in pazienti affetti da scompenso cardiaco ischemico, un trattamento a breve termine con 40 mg/die di atorvastatina determina un impatto benefico sulle proprietà d[...]

Darbopoietina alfa delude nello studio RED-HF

Amgen ha annunciato i risultati top-line di dello studio di fase III RED-HF ® (Reduction of Events With Darbepoetin Alfa in Heart Failure) sul suo farmaco antianemico darbepoetina alfa. L'esito non ha soddisfatto le attese, infatti, il trial non ha c[...]

Mercoledi 18 Aprile 2012

Scompenso cardiaco, il testosterone può aiutare

Secondo una metanalisi appena uscita su Circulation: Heart Failure, l'assunzione di testosterone può aiutare a migliorare la capacità di esercizio e diversi fattori metabolici nei pazienti con scompenso cardiaco.

Giovedi 3 Novembre 2011

Possibile beneficio nel rigurgito aortico del blocco del sistema renina-angiotensina

Un ampio studio di popolazione anglo-australiano, appena pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology (JACC), suggerisce che il blocco del sistema renina-angiotensina nei pazienti con rigurgito aortico di gravità medio-alta può ridurr[...]

Sabato 14 Maggio 2011

Scompenso, benefici dei PUFA dose correlati

L'utilizzo degli acidi grassi poliinsaturi (PUFA) per 3 mesi in pazienti con scompenso cardiaco di origine non ischemica ha portato a un miglioramento della funzione sistolica del ventricolo sinistro correlato alla dose di farmaco utilizzata.

Domenica 26 Settembre 2010

Nesiritide sottocute promettente nello scompenso cardiaco

Il trattamento con peptide natriuretico di tipo B (BNP, nesiritide) sottocute per 2 mesi ha portato a miglioramenti sia strutturali sia funzionali in pazienti con scompenso cardiaco moderatamente grave, in un piccolo studio pilota appena presentato a[...]