NEWS

Lunedi 21 Gennaio 2019

Coinfezione HIV/HCV vs monoinfezione HCV, rischio di cancro epatico non aumenta

Le persone con co-infezione da HIV ed epatite C non sono a rischio più elevato di malattia epatica allo stadio terminale o di cancro al fegato rispetto alle persone moninfette da epatite C. Tale tendenza è probabilmente associata alla maggiore effica[...]

Venerdi 6 Aprile 2018

Fegato grasso, attenzione alla dieta. I dati da un ampio studio americano

Uno studio appena pubblicato su Gastroenterology ha evidenziato che il miglioramento della qualità della dieta correla con un minore accumulo di grasso epatico e un rischio ridotto di insorgenza di fegato grasso.

Martedi 22 Agosto 2017

Antivirali ad azione diretta e insorgenza di cancro epatico, riduzione del rischio dopo raggiungimento della risposta virologica sostenuta

Un recente studio retrospettivo pubblicato sulla rivista Gastroenterology ha evidenziato che i pazienti con virus dell'epatite C (HCV), che avevano eliminato il virus usando farmaci antivirali ad azione diretta (DAA), hanno mostrato un rischio notevo[...]

Martedi 9 Maggio 2017

Ca epatico, nivolumab riduce le dimensioni del tumore con risposte durature

È un tumore “silenzioso” perché non mostra sintomi specifici. E solo il 10% dei casi è diagnosticato in fase iniziale quando l'intervento chirurgico può essere risolutivo. In Italia vivono circa 27.750 cittadini dopo la diagnosi di cancro del fegato,[...]

Lunedi 30 Gennaio 2017

Coinfetti HIV/HCV, diminuzione dei decessi e di patologie croniche grazie al trattamento dell'epatite C

L'eradicazione dell'infezione da virus dell'epatite C in pazienti co-infetti con HIV è stata associata a riduzioni del diabete e dell'insufficienza renale cronica in aggiunta alla riduzione di mortalità, progressione dell'HIV ed eventi epatici colleg[...]

Giovedi 23 Giugno 2016

Steatoepatite non alcolica, l'antidiabetico pioglitazone potrebbe essere una cura

Un farmaco generalmente utilizzato per il diabete, il pioglitazone, potrebbe arrestare la progressione di un'altra malattia che è una delle principali cause di trapianti di fegato. Parliamo della steatoepatite non alcolica, malattia in forte crescita[...]

Venerdi 6 Maggio 2016

Analoghi nucleos(t)idici per il trattamento dell'epatite B e rischio di cancro, c'è un collegamento?

Un nuovo studio presentato all'International Liver Congress 2016 a Barcellona dimostra un possibile collegamento tra il trattamento orale con analoghi nucleos(t)idici nel lungo periodo in pazienti cronici con Epatite B (HBV) e l'aumento del rischio d[...]

Domenica 15 Marzo 2015

Steatoepatite non alcolica, a che punto siamo col trattamento?

La steatoepatite non alcolica è la principale causa di malattia cronica del fegato, ora che abbiamo capito come sconfiggere il virus dell’epatite C. La Nash è anche il precursore del cancro primario del fegato e ha una crescente indicazione al trapi[...]

Martedi 2 Settembre 2014

Breakthrough cancer pain, stato del paziente alla base del trattamento

Quali sono i farmaci per il trattamento del breakthrough cancer pain? Come scegliere quello adatto a uno specifico paziente e come passare da un trattamento a un altro? Su queste domande si sono interrogati esperti italiani nel settore e hanno cercat[...]