222 news PER "nash"


NEWS

Venerdi 22 Febbraio 2019

Epatite C, i database degli ospedali per la ricerca del sommerso

Le nuove terapie per le epatiti B e C hanno portato risultati straordinari, ma resta il sommerso. Se ne è discusso a Roma presso l'Università La Sapienza durante il meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Itali[...]

Mercoledi 20 Febbraio 2019

Steatoepatite non alcolica, in fase III acido obeticolico centra un end point ma rimangono aspetti da chiarire

Buone notizie in tema di terapia della steatoepatite non alcolica (NASH). Intercept Pharmaceuticals ha annunciato i risultati ad interim di un ampio studio clinico, REGENERATE, da cui si evince che l'acido obeticolico dopo 18 mesi di trattamento ridu[...]

Sabato 16 Febbraio 2019

Ictus ischemico acuto, dal trial EXTEND le prove di benefici dal tPA a distanza di 9 ore dall'insorgenza

Estendere la finestra temporale per la terapia trombolitica a 9 ore in pazienti colpiti da ictus ischemico selezionati utilizzando l'imaging di perfusione basato sulla tomografia computerizzata automatizzata (CT) può risultare in eccellenti outcome f[...]

Martedi 12 Febbraio 2019

NASH, selonsertib fallisce in fase III nello studio STELLAR-4. Adesso Gilead punta sulle associazioni

Non è facile superare la fase clinica 3 di sperimentazione, molti sono i farmaci che falliscono a questo livello. E' quanto accaduto a selonsertib, inibitore apoptotico sperimentale orale che non ha raggiunto l'endpoint primario di miglioramento dell[...]

Lunedi 11 Febbraio 2019

Grasso intra-addominale ed epatico, rischio maggiore se sei americano

Sembra proprio un problema di etnia e razza. E’ quanto emerge da uno studio americano pubblicato su Gastroenterology: la propensione a immagazzinare il grasso a livello intra-addominale varia in modo significativo a seconda dell'etnia e della razza, [...]

Mercoledi 6 Febbraio 2019

Saltare la colazione fa aumentare di peso: un mito da sfatare

Nonostante convinzioni di vecchia data e molte raccomandazioni mediche, la colazione non sembra avere un ruolo importante nella perdita di peso. Secondo una nuova meta-analisi appena pubblicata sul British Medical Journal non vi sono evidenze che con[...]

Domenica 3 Febbraio 2019

Ictus, benefici costanti dalla trombectomia endovascolare rispetto alla sola gestione medica. Studio su “JAMA Neurology”

L'età, la gravità dei sintomi e il glucosio sierico non influenzano il beneficio della trombectomia endovascolare nei pazienti con ictus, secondo un’analisi secondaria dello studio DEFUSE 3, pubblicata online su “JAMA Neurology”. La posizione della l[...]

Domenica 20 Gennaio 2019

I 13 farmaci da tenere d'occhio nel 2019

Terapie geniche, CAR-T, Jak inibitori, proteine di fusione, nuovi farmaci anti-tumorali. Per malattie rare o con elevato 'unmet medical need'. Il 2019 potrebbe portare a disposizione dei pazienti diverse terapie innovative e vedrà rilasciati i risult[...]

Venerdi 18 Gennaio 2019

2019, l'anno della NASH

In tema di malattie epatiche, dopo i successi raggiunti nella cura delll'epatite C, oggi l'argomento più discusso e su cui si sta investendo maggiormente è la NASH, la steatoepatite non alcolica. Considerando che il fegato grasso riguarda circa 30 mi[...]

Lunedi 24 Dicembre 2018

Gilead investe in nuovi farmaci per la fibrosi epatica

Trovare una terapia per la steatoepatite non alcolica o NASH e altre malattie fibrotiche, patologie per le quali non esistono ancora farmaci approvati, è l'obiettivo di molte big pharma. Tra queste Gilead che ha appena messo sul piatto un accordo che[...]

Mercoledi 19 Dicembre 2018

Maggior rischio di morte nei bambini trattati con antipsicotici ad alto dosaggio

Nei bambini e nei giovani tra i 5 e i 24 anni di età, l'uso off-label di antipsicotici a dosi superiori a clorpromazina 50 mg comporta un rischio di morte inattesa 3,5 volte superiore rispetto ai coetanei che non assumono questi farmaci. Lo evidenzia[...]

Domenica 16 Dicembre 2018

Anticoagulanti orali, rischio di sanguinamento GI superiore ridotto di 1/3 da inibitori di pompa protonica

Secondo un'analisi retrospettiva basata su dati Medicare e pubblicata su “JAMA”, i pazienti in terapia anticoagulante a rischio di sanguinamento gastrointestinale (GI) superiore vedono il loro rischio ridotto di oltre un terzo quando un inibitore del[...]

Sabato 8 Dicembre 2018

Colangite biliare primitiva, elafibranor centra gli endpoint di fase 2

Elafibranor ha raggiunto il suo endpoint primario di fase 2 di riduzione della fosfatasi alcalina dopo 12 settimane di trattamento in pazienti con colangite biliare primitiva, secondo un comunicato stampa dell'azienda Genfit che si occupa dello svilu[...]

Domenica 2 Dicembre 2018

Fattori predittivi dell'uso di statine nei soggetti di età più avanzata. Studio australiano

Le statine costituiscono una strategia-chiave per la prevenzione e il trattamento della malattia cardiovascolare arteriosclerotica, ma la prescrizione rimane subottimale. Sul “Journal of Clinical Lipidology” sono stati di recente pubblicati online i [...]

Sabato 1 Dicembre 2018

Lombalgia, amitriptilina a basso dosaggio possibile opzione terapeutica

Nei pazienti con lombalgia cronica l'uso dell'antidepressivo amitriptilina a basso dosaggio ha ridotto la disabilità e diminuito l'intensità del dolore dopo 3 mesi, quindi potrebbe rappresentare un'opzione di trattamento, in particolare come alternat[...]

Lunedi 19 Novembre 2018

Steatoepatite non alcolica, quali sono le molecole più promettenti? Il punto dopo il congresso dell'AASLD

Diverse aziende stanno lavorando per trovare una terapia efficace per i pazienti con steatoepatite non alcolica. C'è chi è più avanti in questa ricerca con farmaci che stanno per iniziare la fase clinica III e chi è ancora all'inizio con risultati an[...]

Giovedi 15 Novembre 2018

Malattia epatica cronica, attenzione al rischio di danni al fegato indotti dai farmaci #AASLD2018

I pazienti che soffrono di alcune malattie croniche del fegato possono essere particolarmente suscettibili al danno epatico indotto dai farmaci, e l'industria farmaceutica dovrebbe tenerne conto durante lo sviluppo dei medicinali. Sono le conclusioni[...]

Mercoledi 14 Novembre 2018

Steatoepatite non alcolica, al congresso Usa presentati i dati dei farmaci di Gilead in sviluppo clinico #AASLD2018

Presentati al congresso annuale dell'American Association for the Study of Liver Diseases (AASLD) appena concluso a San Francisco i nuovi dati a supporto del programma di sviluppo clinico di Gilead per la fibrosi avanzata dovuta alla steatoepatite no[...]

Lunedi 12 Novembre 2018

Malattia di Crohn, flora batterica e cellule staminali le prossime frontiere

Si terrà lunedì 12 e martedì 13 novembre presso l’Università di Milano il «Second Young Gastroenterologist’s Day & “Milestones And Breakthrough In Ibd” Meeting». Confronto, attualità e futuro. Verranno seguiti due percorsi: anzitutto, l’approccio gen[...]

Batteri multiresistenti: rischio infezione nelle nuove terapie biologiche per le malattie gastrointestinali

Si tiene lunedì 12 e martedì 13 novembre presso l’Università di Milano il «Second Young Gastroenterologist’s Day & “Milestones And Breakthrough In Ibd” Meeting». Due i percorsi seguiti secondo l’impostazione voluta dal Presidente del Congresso, il pr[...]

Lunedi 29 Ottobre 2018

Steatoepatite non alcolica, collaborazione tra Novartis e Pfizer nella lotta al grasso epatico

L’obesità e il diabete sono mali dei nostri anni, delle vere e proprie epidemie collegate anche a patologie epatiche quali accumulo di grasso a livello del fegato che a lungo andare porta ad infiammazione del tessuto circostante con sviluppo della st[...]

Mercoledi 24 Ottobre 2018

Steatoepatite non alcolica, una nuova sfida per la salute del fegato

Sgominata o quasi l’epatite C, perchè come vedremo c'è ancora della starda da fare prima del raggiungimento della eradicazione dell'infezione, le sfide per la salute del fegato non mancano. La salute di questo organo essenziale per la nostra vita è m[...]

Giovedi 11 Ottobre 2018

Leucemia linfatica cronica recidivata/refrattaria, duvelisib migliora gli outcome rispetto a ofatumumab

Nei pazienti con leucemia linfatica cronica non trattati in precedenza, il trattamento con l'inibitore del B-cell receptor (BCR) ibrutinib ha un profilo rischio/beneficio favorevole e in alcuni di essi potrebbe eliminare la necessità della chemiotera[...]

Sabato 6 Ottobre 2018

Lombalgia, risultati parzialmente incoraggianti con amitriptilina a basso dosaggio

In pazienti con lombalgia cronica l’uso di basse dosi dell’antidepressivo amitriptilina ha migliorato la disabilità a 3 mesi con minimi effetti collaterali, anche se non ha dato risultati significativi a 6 mesi su questo e altri parametri. Potrebbe e[...]

Domenica 23 Settembre 2018

Acido acetilsalicilico in prevenzione primaria nell'anziano sano, delusione dal trial ASPREE

Un altro studio clinico su larga scala che ha affrontato l'uso dell'acido acetilsalicilico (ASA) nella prevenzione primaria degli eventi cardiovascolari (CV) - questa volta in soggetti anziani sani - non ha avuto esito positivo. Si tratta del trial A[...]

Venerdi 21 Settembre 2018

Immunoterapia, possibili, ma rari, eventi tossici fatali con gli inibitori dei checkpoint

Eventi tossici fatali si sono verificati nello 0,3-1,3% dei pazienti trattati con inibitori dei checkpoint immunitari. Lo rivela una metanalisi pubblicata di recente su JAMA Oncology che ha preso in esame dati di studi clinici e le segnalazioni post-[...]

Mercoledi 19 Settembre 2018

Steatosi epatica non alcolica, fase II incoraggiante per farmaco di Viking Therapeutics. Azione raddoppia di valore

Annunciati in questi giorni i dati positivi derivanti da uno studio clinico di fase II condotto in pazienti con steatosi epatica non alcolica (NAFLD) ed elevato colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C), trattati per 12 settimane con un farmac[...]

Giovedi 6 Settembre 2018

Inibitori di pompa protonica e aumento del rischio cardiovascolare, dubbi sul collegamento

E' una tematica su cui si sta discutendo negli ultimi anni e la domanda continua a non avere risposte definitive. Gli inibitori della pompa protonica sono associati all'aumento del rischio cardiovascolare? Secondo una recente meta-analisi pubblicata [...]

Domenica 19 Agosto 2018

Fda

Cancro del polmone a piccole cellule, Fda approva nivolumab

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concesso l'approvazione accelerata a nivolumab per il trattamento dei pazienti con carcinoma metastatico del polmone a piccole cellule (SCLC) il cui cancro sia progredito dopo la chemioterapia a b[...]

Giovedi 26 Luglio 2018

John Milligan, il CEO di Gilead, si dimetterà alla fine dell'anno

Gilead Sciences ha annunciato che alla fine dell'anno John Milligan si dimetterà dalla carica di presidente e CEO. Milligan ha commentato "ora che l'azienda è su solide basi per il futuro, il consiglio di amministrazione e io abbiamo concordato che è[...]

Domenica 8 Luglio 2018

Scompenso cardiaco acuto, più dimissioni di successo se si somministra subito la furosemide endovena

I pazienti con scompenso cardiaco acuto (AHF), in particolare quelli con minore gravità, possono trarre beneficio dalla rapida somministrazione per via endovenosa (IV) di furosemide nel dipartimento di emergenza (ED). È questo il risultato e il conce[...]

Sabato 7 Luglio 2018

Diabete di tipo 2, empagliflozin migliora gli esiti cardiovascolari e riduce il rischio di progressione o nuova malattia renale

Negli adulti con malattia cardiovascolare (CV) e diabete di tipo 2, che è la causa numero uno di insufficienza renale negli Stati Uniti, empagliflozin ha ridotto il rischio di morte CV o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, e di peggiorame[...]

Venerdi 29 Giugno 2018

Steatoepatite non alcolica e carcinoma epatocellulare, esiste un collegamento?

I risultati di uno studio recente hanno dimostrato che la steatoepatite non alcolica è risultata la causa di più rapida crescita del carcinoma epatocellulare (HCC) tra i pazienti statunitensi in attesa di trapianto di fegato. E' quanto mostrano i ris[...]

Sabato 23 Giugno 2018

Melanoma avanzato, pembrolizumab in prima linea efficace nel tempo: 41% dei pazienti vivo a 5 anni. #ASCO2018

L'efficacia dell'anticorpo anti-PD-1 pembrolizumab nel trattamento del melanoma avanzato si mantiene nel tempo, anche dopo la fine della cura, e conferma di essere superiore a quella dell'anti-CTLA4 ipilimumab. A dimostrarlo sono i risultati aggiorna[...]

Sabato 9 Giugno 2018

SM, rapidi e robusti miglioramenti alla RM con lo switch da IFN-beta-1a a ocrelizumab

In un'estensione in aperto dei trial OPERA I e II, i pazienti con sclerosi multipla (SM) recidivante che sono passati da interferone beta (IFN-beta)-1a a ocrelizumab hanno mostrato un rapido miglioramento in termini di ridotta attività della malattia[...]

Sclerosi multipla, i benefici di alemtuzumab si mantengono fino a 7 anni

Gli effetti benefici del trattamento della sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente con alemtuzumab si mantengono fino a 7 anni, con significative riduzioni dell'atrofia cerebrale anche tra coloro che non hanno ricevuto alcun trattamento aggiunt[...]

Giovedi 7 Giugno 2018

NASH: un killer silente del nostro fegato. Appello di 150 esperti di tutto il mondo

Oltre 150 esperti internazionali in materia di malattie epatiche e metaboliche hanno lanciato oggi un appello all'azione contro la steatoepatite non alcolica (NASH), una malattia cronica, asintomatica e "silente", che si sta lentamente trasformando i[...]

Venerdi 1 Giugno 2018

NASH, un farmaco in fase II riduce significativamente il grasso epatico senza effetti collaterali di rilievo

Le ricerche sulla NASH continuano e arrivano risultati positivi da un farmaco, MGL-3196, in studio in fase II di sperimentazione clinica e gli ultimi risultati sono molto promettenti. I risultati parlano di una percentuale significativamente superior[...]

Martedi 29 Maggio 2018

Terapia per la steatoepatite non alcolica, cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro?

Il National Institutes of Health stima che ben il 12% degli adulti statunitensi ha la steatoepatite non alcolica o NASH, tale cifra è pari a circa 30 milioni di persone. Anche in Europa la malattia del fegato grasso e la NASH, forma più grave, sta au[...]

Venerdi 18 Maggio 2018

Fegato grasso, il grado di fibrosi determina la pericolosità della malattia

Nella malattia del fegato grasso non alcolica, i pazienti con cirrosi hanno una probabilità più elevata di sperimentare eventi avversi a livello epatico, rispetto ai soggetti con fibrosi a ponte (stadio F3) che sono più propensi a sviluppare tumori n[...]

Domenica 6 Maggio 2018

Celecoxib, sicurezza cardiovascolare pari a ibuprofene e naprossene. Sentenza definitiva della FDA

Celecoxib, inibitore selettivo COX-2, è sicuro tanto quanto naprossene e ibuprofene per il trattamento di pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide ad alto rischio di malattie cardiovascolari (CV), secondo la maggioranza degli esperti partecipan[...]

Giovedi 26 Aprile 2018

Un agonista del recettore dell’ormone tiroideo riduce significativamente l’accumulo di grasso epatico

MGL-3196 è una piccola molecola agonista del recettore β dell’ormone tiroideo (THR-β), attivo per via orale e altamente selettivo per il fegato. In uno studio di fase 2 in pazienti con steatoepatite non alcolica (NASH) il trattamento con MG[...]

Cenicriviroc nella NASH: ulteriori conferme dall'analisi a 2 anni dello studio CENTAUR

L'estensione a 2 anni dello studio CENTAUR su pazienti con steatoepatite non alcolica (NASH) e fibrosi epatica ha confermato l'elevata attività antifibrotica e il buon profilo di tollerabilità di Cenicriviroc (CVC). Durante l'International Liver Cong[...]

Martedi 24 Aprile 2018

Trapianti HCV-correlati e sopravvivenza post-trapianto nettamente migliorati in Europa grazie agli antivirali ad azione diretta. #EASL2018

In Europa, da quando sono entrati nell’armamentario terapeutico gli antivirali ad azione diretta (DAA), le percentuali di trapianto di fegato effettuato a seguito dell’infezione da virus dell'epatite C (HCV) sono diminuite nettamente e quelle di sopr[...]

Lunedi 23 Aprile 2018

Colangite sclerosante primitiva, un analogo ingegnerizzato dell'FGF19 ha ridotto transaminasi e fibrogenesi. #EASL2018

Nei pazienti con colangite sclerosante primitiva (PSC), l'analogo ingegnerizzato del fattore di crescita dei fibroblasti 19 (FGF19), NGM282, inibisce la sintesi degli acidi biliari, diminuisce i marker di infiammazione epatica e migliora significativ[...]

Domenica 15 Aprile 2018

Steatoepatite non alcoolica (NASH), prime conferme dalle terapie combinate di Gilead. #EASL2018

Presentati qualche giorno fa all'International Liver Congress 2018 di Parigi, i dati di uno studio proof-of-concept sulle terapie combinate sperimentali per i pazienti con fibrosi avanzata dovuta a steatoepatite non alcolica (NASH). Lo studio ha valu[...]

Sabato 14 Aprile 2018

Epatopatia alcolica: prima causa di trapianto di fegato negli Usa in pazienti senza carcinoma epatocellulare. #EASL2018

Durante il Congresso EASL (European Association for the Study of the Liver), tenutosi a Parigi nei giorni scorsi, sono stati presentati i risultati di due studi indipendenti che evidenziano come dal 2016 l'epatite alcolica sia diventata la causa prin[...]

Martedi 10 Aprile 2018

Diabete, Lilly punta all'impianto di capsule con cellule che producono insulina

Impiantare nei pazienti diabetici una microcapsula riempita con cellule produttrici di insulina. A questo mira la collaborazione strategica tra Eli Lilly e la biotech Sigilon Therapeutics. Lanciata a metà del 2017 tramite una società di venture capit[...]

Lunedi 9 Aprile 2018

AstraZeneca ottiene in licenza nuovo farmaco antisenso per la NASH. Affare da $300 mln

A pochi mesi di distanza da un accordo che prevede pagamenti identici, oggi la biotech californiana Ionis ha annunciato che per $30 mln ha concesso ad AstraZeneca la licenza di un farmaco sperimentale studiato per la NASH. Altri 300 milioni si render[...]

Venerdi 6 Aprile 2018

Fegato grasso, attenzione alla dieta. I dati da un ampio studio americano

Uno studio appena pubblicato su Gastroenterology ha evidenziato che il miglioramento della qualità della dieta correla con un minore accumulo di grasso epatico e un rischio ridotto di insorgenza di fegato grasso.

Mercoledi 4 Aprile 2018

Immunoterapia con inibitori dei checkpoint, attenzione alla miocardite

I pazienti oncologici che sono stati trattati con inibitori dei checkpoint immunitari hanno un rischio aumentato di miocardite che si sviluppa all'inizio del trattamento, si rileva sia all’elettrocardiogramma sia con la misurazione della troponina si[...]

Mercoledi 21 Marzo 2018

Steatosi epatica non alcolica, empaglifozin riduce il grasso epatico nei pazienti diabetici

La riduzione del grasso epatico è un punto fondamentale nella gestione dei pazienti con steatosi epatica non alcolica (NAFLD), conosciuta anche come malattia del fegato grasso. Un studio recentemente pubblicato è evidenziato che empagliflozin, un ini[...]

Artrite psoriasica, da FUTURE 3 conferme per secukinumab autosomministrato

Secukinumab determina un miglioramento sostenuto dei segni e dei sintomi dell'artrite psoriasica (PsA) in pazienti con malattia attiva fino ad un anno. Queste le conclusioni principali provenienti dai dati primari del trial FUTURE 3, pubblicato su Ar[...]

Sabato 24 Febbraio 2018

Università di Vanderbilt studierà un antivirale nella fibrosi polmonare

Un team della Vanderbilt University di Nashville, in Tennessee, intende valutare con uno studio pilota se l'aggiunta di un farmaco antivirale di uso comune ai trattamenti standard per la fibrosi polmonare idiopatica (IPF), possa aiutare a fermare o i[...]

Oppioidi correlati a maggior rischio di infezioni gravi

I farmaci oppioidi, in particolare quelli a lunga durata d'azione o ad alte dosi, hanno un impatto sull'efficienza del sistema immunitario e possono aumentare il rischio di infezioni gravi, tra cui la polmonite invasiva, la meningite e la batteriemia[...]

Venerdi 9 Febbraio 2018

Ema

Diabete, approvazione europea per semaglutide, GLP-1 agonista once a week che fa bene al cuore

L'antidiabetico semaglutide ha ricevuto il via libera definitivo della Commissione europea come aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico per il trattamento del diabete di tipo 2 negli adulti. Potrà essere utilizzato sia in monoterapia quando la met[...]

Sabato 3 Febbraio 2018

Dimissione post-ictus o TIA, prescrizione di antipertensivi migliora esiti cardiovascolari e sopravvivenza

I pazienti ai quali vengono prescritti farmaci antipertensivi alla dimissione ospedaliera dopo un ictus o un attacco ischemico transitorio (TIA) dimostrano migliori outcome cardiovascolari (CV) e di sopravvivenza per tutte le cause rispetto a quelli [...]

Venerdi 2 Febbraio 2018

Steatoepatite non alcolica, a rallentarla ci pensa il cioccolato fondente

Il cioccolato oltre ad essere un cibo/bevanda molto gradita ad adulti e bambini contiene sostanze, i polifenoli del cacao presenti nel cioccolato fondente, che migliorano la funzione endoteliale in pazienti con staeatoepatite non alcolica. E' quanto [...]

Giovedi 1 Febbraio 2018

Diabete, semaglutide prevale nella sfida tra GLP-1. Studio su Lancet

I pazienti con diabete di tipo 2 trattati con semaglutide una volta alla settimana hanno sperimentato riduzioni statisticamente maggiori dei livelli di emoglobina glicata A1c (HbA1c) e del peso corporeo, rispetto al trattamento con dulaglutide. Lo di[...]

Mercoledi 31 Gennaio 2018

Steatoepatite non alcolica, selorsertib migliora fibrosi e percezione di malattia da parte dei pazienti

Un recente lavoro americano pubblicato su Liver International ha evidenziato che i pazienti affetti da steatoepatite non alcolica trattati con selonsertib hanno miglioramenti della fibrosi epatica e degli outcome riportati dagli stessi pazienti.