NEWS

Venerdi 7 Dicembre 2018

Anemia falciforme, conferme dalla terapia genica con LentiGlobin. #ASH2018

In occasione del 60° Congresso annuale dell’American Society of Hematology, sono stati annunciati nuovi dati relativi ai pazienti del Gruppo C del suo studio di Fase 1/2 HGB-206, attualmente in corso, sulla terapia genica sperimentale dell’azienda co[...]

Domenica 11 Novembre 2018

Colpire l'infiammazione con metotrexate non serve a ridurre gli eventi cardiovascolari. Studio CIRC sul NEJM

Il metotrexate a bassa dose somministrato per ridurre l'infiammazione non ha avuto alcun impatto sugli eventi cardiovascolari in pazienti con aterosclerosi ad alto rischio ma stabili. Lo dimostrano i dati dello studio CIRC supportato dal National Hea[...]

Giovedi 1 Novembre 2018

Indicazione cardiovascolare per l'anti IL-1, per ora l'Fda non dà il via libera

Doccia fredda dell'Fda sulle speranze di Novartis di ottenere un'indicazione cardiologica per canakinumab, un anticorpo monoclonale completamente umano diretto contro l'interleukina-1β già approvato per diverse indicazioni in rare malattie di na[...]

Martedi 28 Agosto 2018

Studio ASCOT Legacy, benefici da coppia “farmaci antipertensivi-statine” su sopravvivenza nel lungo termine #ESC2018

L'assunzione di farmaci antipertensivi e di statine è in grado di migliorare la sopravvivenza nei pazienti ipertesi per un numero di anni superiore a 10. Sono queste la conclusioni principali provenienti dallo studio ASCOT Legacy, presentato in occas[...]

Domenica 6 Maggio 2018

Ipertensione pediatrica, con le nuove e più rigorose linee guida americane aumenta la prevalenza

Una nuova tabella per la classificazione dell'ipertensione pediatrica ha determinato un aumento del 20% della prevalenza stimata di elevati livelli di pressione arteriosa (BP) nei bambini e negli adolescenti. Un'ulteriore analisi indica che vi è un r[...]

Sabato 24 Febbraio 2018

Non solo psoriasi. Ustekinumab riduce l'infiammazione aortica, marker-chiave di rischio cardiovascolare

Un anticorpo impiegato per trattare la psoriasi, ustekinumab, è efficace anche nel ridurre l'infiammazione aortica, un marker-chiave del rischio futuro di eventi cardiovascolari maggiori. Lo comprovano i risultati di uno studio – presentato a San Die[...]

Domenica 18 Febbraio 2018

HOPE-3, negli uomini di mezza età la terapia con farmaci cardiovascolari non incide sulla funzione erettile

La terapia di prevenzione primaria a lungo termine con una statina e/o la combinazione di candesartan e un diuretico tiazidico a basso dosaggio non aumenta il rischio di disfunzione erettile (ED) negli uomini di mezza età a rischio cardiovascolare (C[...]

Lunedi 28 Agosto 2017

Un antinfiammatorio riduce gli infarti del miocardio: lo studio CANTOS apre nuove prospettive di cura per le malattie cardiovascolari

Ridurre l'infiammazione può avere un effetto positivo nei pazienti con storia di infarto del miocardio: quella che fino ad oggi era una affascinante ipotesi adesso è realtà. Ce lo confermano i dati dello studio di fase III CANTOS che ha valutato l'us[...]

Martedi 9 Maggio 2017

Asma pediatrico e steroidi: troppo, poco o male utilizzati?

L'eccesso di prescrizione di corticosteroidi (CS) orali sembra essere un fatto comune nel trattamento della popolazione pediatrica con asma, soprattutto con riferimento ai bambini più piccoli, stando ad uno studio USA di recente pubblicazione sulla r[...]

Giovedi 13 Aprile 2017

Alte dosi di vitamina D non proteggono da malattie cardiovascolari

La vitamina D, se assunta mensilmente ad alte dosi, non previene le malattie cardiovascolari. Sono le conclusioni di uno studio clinico randomizzato, pubblicato recentemente su JAMA Cardiology, in cui gli autori sostengono che la supplementazione men[...]

Sabato 4 Giugno 2016

Scompenso: dal controllo intensivo pressorio outcome migliori, eventi avversi severi non aumentati

Riducendo la pressione arteriosa sistolica (SBP) a un target

Domenica 20 Marzo 2016

Anemia falciforme, outcome migliori con la dose appropriata di idrossiurea

Pazienti adulti con anemia trattati con le dosi raccomandate di idrossiurea hanno mostrato livelli più alti di emoglobina fetale (HbF), minore disfunzione d'organo e un miglioramento della sopravvivenza rispetto a coloro che non hanno ricevuto le dos[...]

Martedi 12 Gennaio 2016

Aumento del rischio di malattia renale cronica con l'uso dei PPI, i dati da due grandi studi

Gli inibitori della pompa protonica tornano a far parlare di se. Arriva ieri la notizia della pubblicazione su JAMA Internal Medicine di due grandi studi di coorte che parlano di un aumento del rischio di malattia renale cronica del 20% -50% associat[...]

Mercoledi 16 Dicembre 2015

Leucemia linfatica cronica recidivata, mantenimento con ofatumumab allontana la progressione

Nei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivati, una terapia di mantenimento con ofatumumab può prolungare la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e il tempo per arrivare al trattamento successivo. È questo il risultato principale dello[...]

Sabato 12 Settembre 2015

Ipertensione, scendere a 120 mmHg fa bene a cuore e cervello

E' uno studio che farà epoca e che potrebbe cambiare il modo con cui viene trattata l'ipertensione arteriosa. Si chiama SPRINT (Systolic Blood Pressure Intervention Trial) ed è un trial indipendente sponsorizzato dal National Institutes of Health che[...]

Venerdi 4 Settembre 2015

Anemia aplastica, approvazione europea per eltrombopag

La Commissione Europea ha approvato eltrombopag per il trattamento dei pazienti adulti con anemia aplastica severa che non rispondono in modo adeguato alla terapia immunosoppressiva e non sono eleggibili per il trapianto di cellule staminali ematopoi[...]

Martedi 28 Luglio 2015

Anemia aplastica, parere positivo del Chmp per eltrombopag

Il Chmp dell'Ema ha dato parere favorevole all'approvazione di eltrombopag per il trattamento dei pazienti adulti con anemia aplastica severa che non rispondono in modo adeguato alla terapia immunosoppressiva e non sono eleggibili per il trapianto di[...]

Martedi 16 Giugno 2015

Enfisema, aspirina possibile freno alla progressione della malattia

L'aspirina potrebbe rallentare la progressione dell'enfisema polmonare. A suggerirlo è un'analisi dello studio MESA Lung, uno studio osservazionale appena presentato a Denver all''ultimo congresso dell'American Thoracic Society (ATS).

Lunedi 15 Giugno 2015

Fegato grasso, attenzione al consumo di bevande zuccherate

Il consumo regolare di bevande zuccherate è associato a una maggiore prevalenza di malattia del fegato grasso, anche dopo aggiustamento per indice di massa corporea. Questo è quanto mostrato da un ampio studio osservazionale pubblicato sulla rivista [...]

I National Institutes of Health rinnovano il proprio sostegno nella lotta contro l'asma

Nella Giornata Mondiale dell'Asma 2015, celebratasi il 5 maggio scorso, i National Institutes of Health (NIH) statunitensi hanno rilasciato una dichiarazione con cui rinnovano l'impegno nel sostenere e promuovere gli sforzi per una migliore comprensi[...]

Sabato 25 Aprile 2015

Statine, uso eccessivo se applicate linee guida pediatriche per ipercolesterolemia a giovani adulti

L’applicazione delle linee guida per il trattamento dell’ipercolesterolemia-LDL in pediatria potrebbe portare, se trasferita in giovani adulti, a un uso aumentato di sei volte della terapia con statine (circa 400.000 soggetti in più solo negli USA) r[...]

Venerdi 19 Dicembre 2014

Chi dorme poco è a rischio di demenza?

Il poco sonno aumenta il rischio di sviluppare demenza come conseguenza dei cambiamenti che si verificano all'interno del cervello.

Sabato 22 Novembre 2014

Dolore cronico nell'anemia falciforme, nuove raccomandazioni

“Utilizzare oppioidi (a lungo e/o breve durata d'azione) quando il dolore non è controllato da farmaci non oppioidi”. Questa è una delle 12 raccomandazioni emesse dal National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI) per la gestione del dolore cronic[...]

Martedi 2 Settembre 2014

Antitrombotici nella prevenzione dell'ictus utilizzati in maniera non ottimale, lo dice un Registro europeo

I dati ricavati da quasi 12.500 pazienti arruolati nel Global Anticoagulant Registry in the FIELD-Atrial Fibrillation (GARFIELD-AF), un innovativo progetto di ricerca accademica indipendente, hanno evidenziato che le strategie di prevenzione dell'ict[...]

Venerdi 29 Agosto 2014

Fda

Nuove indicazioni Fda per eltrombopag

L’agenzia del farmaco Uda (Fda) ha ampliato le indicazioni di eltrombopag in modo da includere anche trattamento dei pazienti con anemia aplastica grave che hanno non hanno risposto in modo adeguato alla terapia immunosoppressiva. Nel febbraio scorso[...]

Sabato 26 Luglio 2014

Nei bambini, gli antiasmatici ritardano la crescita?

Il regolare utilizzo dei corticosteroidi inalatori nei bambini con asma persistente è efficace nel trattamento della patologia respiratoria ma sembra ridurre la crescita corporea. Questi risultati, che potrebbero essere di interesse per i genitori e [...]

Venerdi 27 Giugno 2014

Asma, flop della vitamina D come terapia aggiuntiva

L'aggiunta di integratori di vitamina D alla terapia standard con corticosteroidi per via inalatoria serve a poco nei pazienti adulti affetti da asma. È questo il responso dello studio VIDA, un trial multicentrico randomizzato e controllato di fase I[...]

Mercoledi 21 Maggio 2014

Fibrosi polmonare idiopatica, il mucolitico non serve

Il trattamento con la sola N acetilcisteina non ha mostrato un beneficio significativo sugli outcome in un gruppo di pazienti con fibrosi polmonare idiopatica nello studio multicentrico PANTHER - IPF appena pubblicato sul NEJM.

Martedi 20 Maggio 2014

Statine inefficaci contro la sindrome da distress respiratorio acuto legata alla sepsi

Le statine non migliorano gli outcome nella sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS, dall'inglese Acute Respiratory Distress Syndrome) legata alla sepsi. A dimostrarlo è uno studio multicentrico di fase III, opera dell'ARDS Clinical Trials Netw[...]

BPCO, statine inutili contro le riacutizzazioni

Le statine non servono per prevenire le riacutizzazioni della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). A sancirlo sono i risultati dello studio STATCOPE (Prospective Randomized Placebo-Controlled Trial of Simvastatin in the Prevention of COPD Exa[...]

Domenica 16 Marzo 2014

Pazienti con peggioramento di scompenso cardiaco: digossina da rivalutare

Nonostante i farmaci più recenti e le terapie basate sull'impiego di dispositivi medici abbiano drammaticamente migliorato la sopravvivenza dei pazienti ambulatoriali con scompenso cardiaco (HF), gli outcomes dei soggetti con peggioramento di HF sono[...]

Mercoledi 29 Gennaio 2014

Asma e LABA, i rischi dipendono da alleli rari?

Uno studio appena pubblicato su Lancet Respiratory Medicine suggerisce che la presenza di alcune varianti genetiche rare può spiegare gli eventi avversi, anch'essi rari, ma potenzialmente letali, osservati con i beta agonisti long-acting (LABA ) nel [...]

Venerdi 15 Novembre 2013

Nuove linee guida Usa sulla prevenzione cv: addio al concetto dei target di colesterolo

L'American Heart Association (AHA) e l'American College of Cardiology (ACC) hanno appena diffuso quattro nuove linee guida incentrate sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso una migliore valutazione dei rischi e la gestione dei li[...]

Venerdi 27 Settembre 2013

Acidi grassi omega-3, nessuna prevenzione del declino cognitivo

L'assunzione di acidi grassi omega-3 potrebbe non avere alcun effetto protettivo sulle funzioni cognitive, stando ai risultati di un lavoro – un'analisi secondaria dello studio WHISCA – appena pubblicato sul sito della rivista Neurology.

Martedi 4 Giugno 2013

Bpco, studio osservazionale dimostra superiorità di budesonide/formoterolo

I risultati dello studio osservazionale “real-life” PATHOS, pubblicati sul British Medical Journal, dimostrano che trattare i pazienti affetti da Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) con la combinazione fissa budesonide/formoterolo si associa[...]

Martedi 9 Aprile 2013

Fda

Fda: ibrutinib “terapia fortemente innovativa” per la leucemia linfatica cronica

L'Fda ha concesso, per la terza volta, la designazione di “terapia fortemente innovativa” (breakthrough therapy designation) per il farmaco sperimentale ibrutinib. Il medicinale è stato definito fortemente innovativo come monoterapia nel trattamento [...]

Venerdi 5 Aprile 2013

Minor rischio di decesso nell’anziano con alti livelli ematici di omega -3

Livelli plasmatici più elevati di acidi grassi omega-3 (contenuti in abbondanza nel pesce, specie nel salmone e nel pesce azzurro) possono avere un effetto protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari nei soggetti anziani. A evidenziarlo s[...]

Lunedi 11 Marzo 2013

Niacina/laropiprant, no benefici nella prevenzione cariovascolare in pazienti ad alto rischio

Al congresso dell'American College of Cardiology, che chiude i battenti oggi a San Francisco, sono stati appena presentati i dati completi dello studio HPS2-THRIVE (Heart Protection Study 2-Treatment of HDL to Reduce the Incidence of Vascular Events)[...]

Martedi 28 Agosto 2012

Metotressato, a breve studio Usa nella prevenzione cardiovascolare

La possibilità che il farmaco immunosoppressore metotressato possa prevenire gli eventi cardiovascolari maggiori sarà presto valutata in uno studio randomizzato condotto in 7.000 pazienti, finanziato dal governo federale degli Stati Uniti. Denominato[...]

Sabato 7 Luglio 2012

Eltrombopag promettente nell'anemia aplastica grave

L'agonista orale dei recettori della trombopoietina eltrombopag può aumentare i livelli delle cellule del sangue in alcuni pazienti con anemia aplastica grave nei quali tutte le terapie standard non hanno funzionato, stando ai risultati di uno studio[...]

Mercoledi 30 Maggio 2012

Scompenso cardiaco con LVEF preservata, ACE-inibitori e ARB riducono la mortalità nella ‘real life'

Gli antagonisti del sistema renina-angiotensina (RAS) hanno mostrato di migliorare in modo significativo la sopravvivenza nei pazienti con scompenso cardiaco e una frazione d'eiezione ventricolare conservata (HF-PEF) in un ampio studio osservazionale[...]

Lunedi 26 Marzo 2012

Cellule staminali del midollo deludono nello scompenso

Un'iniezione di cellule staminali del midollo osseo direttamente nel cuore non ha migliorato la performance cardiaca in un trial di fase II, lo studio FOCUS, presentato nella sessione di apertura del congresso annuale dell'American College of Cardiol[...]

Giovedi 22 Marzo 2012

Da veleno di serpente nuovo farmaco contro la morte cardiaca post infarto

I ricercatori del Cardiorenal Research Laboratory della Mayo Clinic hanno ricevuto una somma pari a 2,5 milioni di dollari dal National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI) per studiare gli effetti del farmaco sperimentale cenderitide nel preserv[...]

Mercoledi 25 Gennaio 2012

PPI inefficaci nell'asma pediatrico

Nei bambini asmatici già in terapia con corticosteroidi e senza sintomi di reflusso gastroesofageo (anche quelli con test del pH positivo) l'aggiunta di un inibitore della pompa protonica non migliora né i sintomi della malattia né la funzionalità po[...]

Lunedi 23 Gennaio 2012

Stent medicati più sicuri dei tradizionali nei pazienti anziani

Nelle persone anziane, l’utilizzo di stent medicati (anche detti a rilascio di farmaco – drug eluting stents [DES]) durante una angioplastica percutanea è più sicuro e probabilmente anche più efficace a un anno dall’intervento, rispetto agli stent me[...]

Domenica 27 Novembre 2011

Nei bambini asmatici non necessario trattamento giornaliero con steroidi inalatori

Un trattamento intermittente con corticosteroidi per via inalatoria può essere efficace quanto una somministrazione quotidiana nel prevenire gli attacchi di asma nei bambini in età prescolare che hanno episodi di respiro sibilante, e in più implica u[...]

Martedi 22 Novembre 2011

Vitamina D, benefici cardioprotettivi da valutare meglio

In occasione dell’ultimo congresso dell’American Heart Association (AHA), a Orlando, sono stati presentati i dati di uno studio prospettico, randomizzato e controllato con placebo, che getta qualche dubbio sui presunti benefici cardioprotettivi della[...]

Giovedi 17 Novembre 2011

Niacina bene sull'HDL ma non migliora gli outcome clinici

La niacina aumenta il colesterolo HDL ma non sembra offrire benefici per quanto riguarda gli outcome clinici, se aggiunto alle statine nei pazienti con malattie cardiovascolari già ben trattati. Lo si evince dai risultati dello studio AIM-HIGH, un tr[...]

Giovedi 10 Novembre 2011

Aggiornate le linee guida ACC/AHA sulla prevenzione secondaria nell'aterosclerosi e nella coronaropatia

È stato pubblicato pochi giorni fa online su Circulation un aggiornamento delle linee guida dell'American Heart Association e dell'American College of Cardiology Foundation per la prevenzione secondaria e la riduzione del rischio nei pazienti con mal[...]

Sabato 29 Ottobre 2011

Fibrosi polmonare idiopatica: no alla tripla terapia

Per motivi di sicurezza e su indicazione di un comitato esterno di esperti, il National Heart, Lung and blood Institute (Nhlbi) ha fermato uno dei tre bracci di uno studio clinico multicentrico condotto per valutare per il trattamento dei pazienti co[...]

Giovedi 6 Ottobre 2011

Omega-3 e antiossidanti inutili nel danno polmonare acuto

I pazienti con danno polmonare acuto non hanno tratto beneficio dall'assunzione giornaliera di antiossidanti e acidi grassi omega-3 in un trial indipendente made in Usa, lo studio OMEGA, appena pubblicato su JAMA. E non solo. Secondo gli autori della[...]

Mercoledi 29 Giugno 2011

Documento europeo di consenso su dislipidemie

È stato pubblicato sullo European Heart Journal un nuovo documento di consenso, targato European Atherosclerosis Society (EAS), che contiene raccomandazioni per la gestione dei pazienti con alti livelli elevati di trigliceridi e bassi livelli di cole[...]

Lunedi 30 Maggio 2011

Alt a studio sponsorizzato NIH su anti-colesterolo

Interrotto in anticipo di 18 mesi rispetto al programma, uno studio indipendente denominato AIM-HIGH condotto su niacina a rilascio prolungato in aggiunta a una statina nei pazienti con una storia di cardiopatia, ipertrigliceridemia e bassi livelli d[...]

Giovedi 26 Maggio 2011

Azitromicina riduce le riacutizzazioni di Bpco

Aggiungere azitromicina una volta al giorno al trattamento convenzionale contro la Bpco aiuta a ridurre in modo significativo le riacutizzazione della malattia. A sostenerlo è uno studio indipendente, finanziato dal National Institutes of Health–Nati[...]

Domenica 24 Aprile 2011

FA, ablazione meglio dei farmaci per ridurre rischio ictus

I pazienti con fibrillazione atriale trattati con ablazione transcatetere mediante radiofrequenza sembrano avere un rischio a 3 anni di ictus e attacco ischemico transitorio significativamente più basso rispetto a quelli trattati con i farmaci antiar[...]

Sabato 5 Marzo 2011

Scompenso, diuretico in bolo o in infusione continua?

Nei pazienti con scompenso acuto, gli outcome sembrano essere sostanzialmente gli stessi a prescindere dal fatto che il diuretico sia somministrato mediante infusione continua o boli, ad alte o basse dosi. A metterlo in evidenza è un trial di fase II[...]

Giovedi 27 Gennaio 2011

Antipertensivi, idroclorotiazide non adeguata in prima linea

L'effetto antipertensivo di idroclorotiazide (HCTZ) nelle 24 ore, alle dosi più comunemente utilizzate - da 12,5 a 25 mg/die - risulta significativamente inferiore rispetto a quello mostrato dalla maggior parte degli altri farmaci usati per ridurre[...]

Domenica 26 Settembre 2010

Asma, tiotropio meglio di una dose doppia di steroide nello step-up

L'asma si controlla meglio aggiungendo il tiotropio (Spiriva, Pfizer e Boehringer Ingelheim) a un glucocorticoide per via inalatoria (ICS) a basso dosaggio piuttosto che raddoppiando la dose di quest'ultimo.

Sabato 29 Maggio 2010

Arteriopatia periferica, le statine potrebbero ridurre il rischio di mortalità

La terapia con statine potrebbe essere associata a una riduzione del rischio di mortalità cardiovascolare (Cvd) e mortalità per tutte le cause nei pazienti con arteriopatia periferica (Pad, peripheral artery disease) degli arti inferiori.

Sildenafil nella fibrosi polmonare idiopatica, studio del Nejm

In uno studio di fase III appena pubblicato online sul New England Journal of Medicine, sildenafil ha dato un risultato parzialmente positivo nel trattamento della fibrosi polmonare idiopatica, una malattia cronica e progressiva caratterizzata da un [...]