65 news PER "vka"


NEWS

Domenica 24 Marzo 2019

Endocardite infettiva, passare dal trattamento antibiotico iniettivo a quello orale migliora i risultati terapeutici

I dati a lungo termine dello studio POET confermano che nei pazienti con endocardite infettiva, il passaggio dalla terapia antibiotica endovenosa a quella orale migliora l'efficacia e la sicurezza del trattamento, forse anche grazie a una minor durat[...]

Mercoledi 20 Marzo 2019

Ablazione transcatetere della fibrillazione atriale: con edoxaban in trattamento non interrotto bassa incidenza di eventi tromboembolici ed emorragici

Il trattamento non interrotto con edoxaban 60 mg è efficace e sicuro nei pazienti affetti da fibrillazione atriale e sottoposti a procedura di ablazione transcatetere. A dimostrarlo sono i risultati di ELIMINATE –AF, uno studio prospettico, randomizz[...]

Domenica 7 Ottobre 2018

Triplice terapia antitrombotica in pazienti con AF e CAD, DOAC meglio dei VKA. Dati danesi real-world

Quando la triplice terapia antitrombotica viene utilizzata in pazienti con fibrillazione atriale (AF) e malattia coronarica (CAD), per affrontare questo difficile scenario clinico è preferibile utilizzare uno degli anticoagulanti orali diretti (DOAC)[...]

Domenica 23 Settembre 2018

AF, un buon controllo dell'INR nei pazienti trattati con warfarin è predittivo di buoni esiti clinici?

Molti pazienti in terapia anticoagulante con warfarin con un buon controllo dell'INR (International Normalized Ratio) non rimangono per un tempo elevato nel range terapeutico (TTR, Time in Therapeutic Range) persino un anno dopo, rendendo il TTR prec[...]

Sabato 8 Settembre 2018

Diabete di tipo 2, le statine proteggono dal rischio cardiovascolare i pazienti fino all'età di 85 anni

Nei pazienti anziani con diabete di tipo 2 l'uso di statine è associato a riduzioni significative dell'incidenza di malattia cardiovascolare aterosclerotica e mortalità per tutte le cause. Questo effetto si è ridotto dopo gli 85 anni fino a scomparir[...]

Martedi 4 Settembre 2018

Fibrillazione atriale: nuovi anticoagulanti battono il warfarin in termini di riduzione mortalità. Studio GARFIELD-AF

Una nuova analisi dei dati provenienti dal registro GARFIELD-AF (the Global Anticoagulant Registry in the FIELD-Atrial Fibrillation) (box 1), il più grande registro prospettico internazionale di pazienti con fibrillazione atriale (AF), presentata in [...]

Domenica 2 Settembre 2018

Nella terapia anticoagulante orale l'aderenza è tutto. Anche il packaging conta

L'aderenza alla terapia anticoagulante orale non è ancora ottimale, sebbene le cose siano migliorate con la disponibilità dei nuovi farmaci. Vari fattori possono migliorare la regolarità nell'assunzione dei farmaci, primo fra tutti il rapporto medico[...]

Sabato 14 Luglio 2018

Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Nel trattamento a lungo termine del diabete di tipo 2, la terapia combinata con l’agonista del recettore GLP-1 exenatide più l’inibitore del co-trasportatore sodio glucosio di tipo 2 (SGLT-2) dapagliflozin, si è dimostrata efficace nel mantenere la r[...]

Sabato 7 Luglio 2018

Diabete di tipo 2, empagliflozin migliora gli esiti cardiovascolari e riduce il rischio di progressione o nuova malattia renale

Negli adulti con malattia cardiovascolare (CV) e diabete di tipo 2, che è la causa numero uno di insufficienza renale negli Stati Uniti, empagliflozin ha ridotto il rischio di morte CV o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, e di peggiorame[...]

Sabato 30 Giugno 2018

Prevenzione ictus in AF, minore rischio di infarto miocardico con DOAC rispetto a warfarin

Dati del mondo reale relativi a pazienti con fibrillazione atriale (AF) hanno riscontrato un rischio ridotto di infarto miocardico (IM) con anticoagulanti orali diretti (DOAC o NOAC) rispetto alla terapia con antagonisti della vitamina K (VKA), secon[...]

Martedi 12 Giugno 2018

Quali saranno i 10 farmaci con il maggior fatturato nel 2024?

A livello mondiale, le vendite di farmaci su prescrizione nel 2024 raggiungeranno 1,2 trilioni di dollari, con una crescita annua del 6 percento e il mercato sarà ancora guidato dal blockbuster di AbbVie, Humira (adalimumab), che manterrà il primo po[...]

Venerdi 1 Giugno 2018

Ipercolesterolemia, l’acido bempedoico, si inserirà tra statine e anti PCSK9?

In pazienti con ipercolesterolemia ad alto rischio e intolleranti alle statine, l'acido bempedoico ha raggiunto il suo endpoint primario in uno studio di Fase III, con una diminuzione del 23% del colesterolo LDL a 12 settimane, rispetto all’1% nel gr[...]

Trattamento dei tumori, terapie cellulari in forte espansione a livello globale. Rapporto del Cancer Research Institute

Il Cancer Research Institute (CRI), organizzazione no-profit americana dedicata esclusivamente al miglioramento dell'assistenza ai malati di cancro, ha appena pubblicato un nuovo rapporto sul panorama globale delle terapie cellulari sviluppate per il[...]

Sabato 26 Maggio 2018

Oncologia, dove vanno la ricerca e la spesa farmaceutica? Ce lo dice il report 2018 di IQVIA

Il report annuale sui farmaci anticancro pubblicato da IQVIA, leader mondiale nella raccolta ed elaborazione di dati nel settore farmaceutico, fa il punto sulla recente esplosione della ricerca contro il cancro, sulle numerose terapie innovative in f[...]

Sabato 5 Maggio 2018

Cardioversione elettiva sicura in pazienti con AF in terapia anticoagulante con apixaban

Apixaban è sicuro ed efficace per l'anticoagulazione in pazienti con fibrillazione atriale (AF) programmati per la cardioversione. Lo rivelano i risultati dello studio EMANATE, pubblicati online sull' “European Heart Journal”.

Domenica 22 Aprile 2018

Andexanet alfa, antidoto per anticoagulanti anti-fattore Xa: da ANNEXA-4 risultati promettenti

Il fattore sperimentale di inversione del fattore Xa andexanet alfa ha rapidamente fermato il sanguinamento in pazienti che hanno avuto una grave emorragia acuta mentre erano trattati con un inibitore del fattore Xa, mostrando un accettabile profilo [...]

Domenica 15 Aprile 2018

Ablazione AF, somministrazione ininterrotta intraprocedurale di apixaban sicura quanto il warfarin

La somministrazione ininterrotta di apixaban sembra essere altrettanto sicura del warfarin e di altri antagonisti della vitamina K (VKA) nei pazienti a rischio di ictus sottoposti ad ablazione di fibrillazione atriale (AF). Lo suggeriscono i risultat[...]

Domenica 25 Marzo 2018

AF: fugati i timori di epatotossicità da NOAC, sicuri quanto i VKA, anche con pregressa malattia epatica

I pazienti con nuova diagnosi di fibrillazione atriale (AF) non valvolare (FANV) non hanno un rischio maggiore di grave danno epatico se iniziano il trattamento assumendo un anticoagulante orale non antagonista della vitamina K (NOAC) invece di un an[...]

Domenica 4 Marzo 2018

Sfatato il paradosso dell'obesità: più malattie cardiache e più anni da malati per chi è in sovrappeso

Le persone obese con malattie cardiache in realtà non vivono più a lungo delle persone normopeso con le stesse malattie, vengono solo diagnosticate in più giovane età. Un nuovo studio pubblicato il 28 febbraio su Jama Cardiology smaschera il "parados[...]

Domenica 5 Novembre 2017

AF e coronaropatia combinate, con ASA i DOAC sono più efficaci e sicuri rispetto ai VKA

I DOAC (anticoagulanti orali ad azione diretta, noti anche come NOAC o NAO) possono essere più sicuri ed efficaci rispetto agli anticoagulanti orali antagonisti della vitamina K (VKA) nel trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale (AF) in ter[...]

Domenica 10 Settembre 2017

Dal Congresso ESC di Barcellona le nuove linee guida sulle malattie arteriose periferiche

Sono state presentate al Congresso 2017 dell'ESC (European Society of Cardiology) le nuove linee guida sulla diagnosi e il trattamento delle malattie arteriose periferiche (PAD). Sviluppato in collaborazione con l'ESVS (European Society for Vascular [...]

Venerdi 8 Settembre 2017

Gestione delle valvulopatie, cosa cambia nelle nuove linee guida congiunte ESC/EACTS

In concomitanza con la loro presentazione a Barcellona durante l'edizione 2017 del Congresso dell'European Society of Cardiology (ESC), sono state pubblicate online sull'European Heart Journal e sul sito web dell'ESC le linee guida aggiornate per la [...]

Giovedi 27 Luglio 2017

Ema

Fibrillazione atriale, dopo lo stent per la SCA ok del Chmp a rivaroxaban

Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso parere positivo in merito a un aggiornamento della scheda tecnica, riguardo l'uso dell'inibitore orale del fattore Xa (rivaroxaban), al dosaggio[...]

Sabato 15 Luglio 2017

VTE, più rischi emorragici con warfarin vs edoxaban anche per polimorfismi genetici

Le varianti genetiche possono identificare, tra i pazienti con tromboembolismo venoso (VTE), un rischio aumentato di sanguinamento in caso di trattamento con warfarin rispetto a edoxaban. Lo dimostrano i risultati – apparsi online su “Heart” - di una[...]

Venerdi 5 Maggio 2017

Al via nuovi studi su edoxaban per impianto di valvola aortica transcatetere e dopo ablazione transcatetere

E' iniziato l'arruolamento dei primi pazienti nei trial ENVISAGE-TAVI AF ed ELIMINATE AF, due ulteriori studi che valutano l'anticoagulante orale in monosomministrazione giornaliera edoxaban per il trattamento della fibrillazione atriale nei pazient[...]

Domenica 2 Aprile 2017

I farmaci antitrombotici aumentano il rischio di ematoma subdurale

Negli ultimi 15 anni l'incidenza dell’ematoma subdurale è aumentata in concomitanza del maggiore utilizzo di farmaci antitrombotici, in particolar modo degli antagonisti della vitamina K (VKA) nei pazienti più anziani. Lo dimostra uno studio danese p[...]

Lunedi 13 Marzo 2017

I farmaci antitrombotici aumentano il rischio di ematoma subdurale

Negli ultimi 15 anni l'incidenza dell’ematoma subdurale è aumentata in concomitanza del maggiore utilizzo di farmaci antitrombotici, in particolar modo degli antagonisti della vitamina K (VKA) nei pazienti più anziani. Lo dimostra uno studio danese p[...]

Domenica 19 Febbraio 2017

Fibrillazione atriale, nella prevenzione dell'ictus l'adozione dei NOAC supera quella dei VKA

Un nuovo studio, pubblicato sul “Journal of American College of Cardiology” suggerisce che i nuovi anticoagulanti orali (NOAC) hanno superato gli antagonisti della vitamina K (VKA) nel trattamento della fibrillazione atriale (AF) di nuova diagnosi, a[...]

Sabato 11 Febbraio 2017

Pazienti con AF dopo TAVI più sicuri se trattati con apixaban che non con antagonisti della vit.K

Un nuovo studio dimostra che i pazienti con fibrillazione atriale (AF) sottoposti a sostituzione transcatetere della valvola aortica (TAVI) sono a più alto rischio di outcomes avversi, incluso il decesso, rispetto ai pazienti in ritmo sinusale. Peral[...]

Domenica 29 Gennaio 2017

NOAC in AF: dosi inferiori a quelle convenzionali, secondo uno studio osservazionale italiano, predittive di sospensione permanente

La sospensione dei nuovi anticoagulanti orali (NOAC) nei pazienti con fibrillazione atriale (AF) non valvolare (NVAF) appare relativamente comune e si manifesta più spesso nei primi 6 mesi dopo la prescrizione. Inoltre, i pazienti trattati con dosi r[...]

Venerdi 27 Gennaio 2017

Apixaban rispetto a un VKA migliora gli outcomes post-TAVI in pazienti con fibrillazione atriale

I pazienti con fibrillazione atriale (AF) sottoposti a sostituzione transcatetere della valvola aortica (TAVI) sono a più alto rischio di outcomes avversi (incluso il decesso) rispetto a soggetti in normale ritmo sinusale. Peraltro i pazienti con AF [...]

Domenica 18 Dicembre 2016

Profilassi ictale in pazienti AF: con i NOAC meno emorragie intracraniche rispetto al warfarin. Conferma real world dai registri danesi

I nuovi anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K (NOACs) sono ampiamente usati come profilassi dell'ictus nella fibrillazione atriale non valvolare (AF) ma i dati comparativi sono scarsi. Uno studio danese, basato su registri a livello n[...]

Mercoledi 31 Agosto 2016

Fibrillazione atriale, conferme per edoxaban anche nei pazienti sottoposti a cardioversione

Edoxaban in monosomministrazione giornaliera, è efficace e sicuro anche per i pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare (FANV) sottoposti a cardioversione elettrica, la procedura che utilizza scariche elettriche a bassa intensità per r[...]

Venerdi 29 Luglio 2016

Ictus e fibrillazione atriale, al Sud pazienti penalizzati nell'accesso ai nuovi anticoagulanti

Scarsa percezione, anche nella classe medica, della relazione tra fibrillazione atriale e ictus; forte diseguaglianza nell'accesso alle terapie che possono prevenirlo tra Nord e Sud Italia, e sottoutilizzo dei farmaci anticoagulanti, più sicuri e man[...]

Mercoledi 13 Aprile 2016

Malattie reumatiche, somministrazione a lungo termine di glucocorticoidi a dose ridotta presenta profilo rischio accettabile

Sono stati recentemente pubblicati online sulla rivista Annals of Rheumatic Diseases i risultati di un report redatto da una Task Force EULAR che ha definito le condizioni sotto le quali il trattamento a lungo termine con glucocorticoidi (GC) potrebb[...]

Lunedi 29 Febbraio 2016

Prevenzione ictus, efficacia e sicurezza di rivaroxaban confermate nella pratica clinica quotidiana

Pubblicati su Thrombosis and Haemostasis, i risultati del Registro NOAC (nuovi anticoagulanti orali) di Dresda offrono un ulteriore contributo alla conferma dell'efficacia e della sicurezza anche nella pratica clinica quotidiana di rivaroxaban (impie[...]

Sabato 6 Febbraio 2016

Tromboembolismo venoso, nessun aumento di recidive da anticoagulanti più terapia ormonale

Le donne in terapia anticoagulante e che ricevono terapia ormonale non hanno un rischio aumentato di recidive di tromboembolismo venoso (TEV) rispetto alle donne in trattamento anticoagulante ma che non ricevono terapia ormonale. Lo rivelano i risult[...]

Venerdi 22 Gennaio 2016

Edoxaban supera warfarin per costo/efficacia come anni di vita guadagnati corretti per la qualità

Edoxaban, anticoagulante orale diretto del fattore Xa, nonostante il costo più elevato in confronto al warfarin, rappresenta rispetto a quest'ultimo un'alternativa economicamente interessante nella prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica (SE)[...]

Domenica 15 Novembre 2015

Sulodexide, opzione per prevenire recidive di tromboembolismo venoso senza rischi emorragici

Sulodexide, data dopo l'interruzione del trattamento anticoagulante, ha ridotto il rischio di recidiva in pazienti con tromboembolismo venoso (TEV) non provocato, senza alcun apparente aumento del rischio emorragico

Sabato 3 Ottobre 2015

NOAC, nei pazienti asiatici (sensibili ai VKA) sono altrettanto efficaci e sicuri, se non addirittura migliori

Nei pazienti con fibrillazione atriale (AF) non valvolare (NVAF), l’impiego a dose standard dei nuovi anticoagulanti orali (NOAC) per la prevenzione dell’ictus ischemico risulta più efficace e più sicuro nelle popolazioni asiatiche rispetto a quelle [...]

Venerdi 2 Ottobre 2015

IMA da tromboembolia coronarica, sottopopolazione ad alto rischio soltanto ora caratterizzata

I pazienti con embolia coronarica (CE) rappresentano un sottogruppo ad alto rischio di pazienti con infarto miocardico acuto (IMA) e richiedono un follow-up stringente. A questa importante causa non aterosclerotica di IMA è dedicato un ampio studio g[...]

Sabato 4 Luglio 2015

AF, dal vissuto dei pazienti alle raccomandazioni, non solo cliniche, su anticoagulanti anti-ictus

La visione attuale della fibrillazione atriale (AF) nella prospettiva del paziente e le raccomandazioni sviluppate per i medici affinché supportino i pazienti con AF nell’impiego dei farmaci anticoagulanti. Sono stati questi i principali argomenti di[...]

Sabato 13 Giugno 2015

I NOAC riducono il rischio di eventi fatali da emorragie maggiori. Profilo di sicurezza rafforzato

I risultati di una meta-analisi portoghese – apparsi online su Heart - suggeriscono che i nuovi anticoagulanti orali non antagonisti della vitamina K (NOAC) diminuiscono il rischio di casi di mortalità relativi a eventi di sanguinamento maggiore, in [...]

Domenica 7 Giugno 2015

Rivaroxaban vs warfarin in pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad ablazione transcatetere

I risultati dello studio VENTURE- AF sono stati presentati durante la “late breaking presentation” nel corso della 36^ edizione del Congresso Annuale Heart Rhythm di Boston (13 - 16 maggio 2015), pubblicati contemporaneamente sull' European Heart Jou[...]

Lunedi 25 Maggio 2015

Dopo la TAVI minore rischio di sanguinamento e ictus ricorrendo al solo ASA rispetto alla DAPT

Non si osservano differenze riguardo a eventi avversi netti clinici e cerebrali (NACE) a 1 mese impiegando un regime anticoagulante basato sul solo acido acetilsalicilico (ASA) o sulla duplice terapia antiaggregante (DAPT, ossia ASA + clopidogrel) in[...]

Domenica 17 Maggio 2015

Emorragia intracerebrale acuta, positiva combinazione di sostituti dei fattori della coagulazione

La combinazione di plasma fresco congelato (FFP) e concentrato di complesso protrombinico (PCC) potrebbe essere associata a una letalità inferiore nelle strategie di inversione per antagonisti della vitamina K nell’emorragia intracerebrale acuta (VKA[...]

Sabato 7 Febbraio 2015

PCI in caso di AF, tripla terapia con VKA continuo dà meno rischi di ponte LMWH

In uno studio prospettico apparso online sull’International Journal of Cardiology, condotto su un’ampia popolazione “real-world” di pazienti affetti da fibrillazione atriale (AF) sottoposti a intervento coronarico percutaneo con impianto di stent (PC[...]

Sabato 15 Novembre 2014

Emorragia intracerebrale da VKA: plasma fresco + complesso protrombinico dimezzano i decessi

Nei pazienti che hanno riportato un’emorragia intracerebrale acuta (ICH) durante la somministrazione di un antagonista della vitamina K (VKA), il trattamento con qualsiasi sostituto dei fattori coagulativi si associa con la riduzione del rischio di m[...]

Giovedi 6 Novembre 2014

Orticaria spontanea cronica nei bambini, maggiore sensibilità all'aspirina

Circa un quarto dei bambini e degli adolescenti con orticaria spontanea cronica (CSU) sono ipersensibili all'aspirina. Per i bambini con orticaria cronica, la determinazione dell'eccessiva sensibilità ai farmaci antinfiammatori non steroidei nel sett[...]

Domenica 2 Novembre 2014

PC per STEMI in pazienti in terapia cronica VKA: aumentato rischio di sanguinamento da gestire

Secondo uno studio retrospettivo statunitense, pubblicato on-line su Heart, nei pazienti con STEMI trattati con intervento coronarico percutaneo (PCI) primario la terapia cronica con antagonisti della vitamina K (VKA) risulta associata a un significa[...]

Sabato 6 Settembre 2014

Fibrillazione atriale, aumenta uso nuovi anticoagulanti orali per il registro europeo PREFER in AF

In seguito all’update delle linee guida sulla gestione della fibrillazione atriale (AF) effettuato dall’European Society of Cardiology nel 2012, si riscontrano nella pratica clinica europea significativi cambiamenti riguardo il trattamento dei pazien[...]

Martedi 2 Settembre 2014

Antitrombotici nella prevenzione dell'ictus utilizzati in maniera non ottimale, lo dice un Registro europeo

I dati ricavati da quasi 12.500 pazienti arruolati nel Global Anticoagulant Registry in the FIELD-Atrial Fibrillation (GARFIELD-AF), un innovativo progetto di ricerca accademica indipendente, hanno evidenziato che le strategie di prevenzione dell'ict[...]

Venerdi 29 Agosto 2014

Nuove linee guida ESC/ESA per valutare e gestire il rischio cardiaco in chirurgia non cardiaca

Sono state emanate, da una joint task force composta dall'European Society of Cardiology (ESC) e dall'European Society of Anesthesiology (ESA), le nuove linee guida aggiornate per la valutazione e la gestione cardiovascolare della chirurgia non cardi[...]

Sabato 19 Luglio 2014

Nuovi anticoagulanti efficaci e sicuri nel tromboembolismo venoso

E’ stata recentemente pubblicata sul European Journal of Vascular and Endovascular Surgery una metaanalisi sull’uso dei nuovi anticoaglunati orali (NAO) nel tromboembolismo venoso (VTE) che ha mostrato come questi farmaci siano non solo efficaci ma a[...]

Domenica 13 Luglio 2014

Trombosi venosa cerebrale. Prime esperienze con rivaroxaban, pari benefici rispetto a VKA

Rivaroxaban, inibitore del fattore Xa, dimostra di determinare un beneficio clinico pari a quello di un antagonista della vitamina K (VKA) nel trattamento della trombosi delle vene e del seno venoso cerebrali (trombosi venosa cerebrale [CVT]). È il p[...]

Sabato 21 Giugno 2014

Fibrillazione Atriale, per il NICE i nuovi anticoagulanti in prima linea, no all'ASA da solo

Il NICE ha annunciato l'aggiornamento definitivo delle Linee Guida per la gestione della Fibrillazione Atriale, presentando le principali modifiche nel trattamento di questa patologia potenzialmente fatale. Le Linee Guida, aggiornate per la prima vol[...]

Lunedi 26 Maggio 2014

Terapia anticoagulante per fibrillazione atriale, quadro europeo del rischio di ictus emorragico

La fibrillazione atriale (AF) rappresenta la principale causa di morbilità e mortalità in Europa (ne sono affette circa 6 milioni di persone) eppure spesso la diagnosi avviene tardivamente, magari nel corso di un ricovero per ictus ischemico. D'altra[...]

Venerdi 23 Maggio 2014

Ematoma subdurale, rischio maggiore con warfarin rispetto ai nuovi anticoagulanti orali

L'impiego di antagonisti della vitamina K (VKA) aumenta in modo significativo il rischio di ematoma subdurale (ES), di circa 3 volte rispetto alla terapia antipiastrinica. Rispetto ai VKA i nuovi inibitori orali ad azione diretta della coagulazione ([...]

Domenica 27 Aprile 2014

Switch warfarin-nuovi anticoagulanti orali sicuro nel ‘real world' anche senza verifica INR

Nella pratica clinica quotidiana, contrariamente a quanto previsto dai foglietti illustrativi, solo il 75% dei pazienti trattati con antagonisti della vitamina K (VKA) hanno una documento che certifichi la misurazione dell'INR prima dell'inizio di un[...]

Venerdi 4 Aprile 2014

Inibitori diretti della trombina, minor rischio emorragico rispetto a warfarin: verifica Cochrane

Nei soggetti con fibrillazione atriale (FA) non valvolare trattati con anticoagulanti per prevenire embolie sistemiche o cerebrali, non si riscontrano differenze nel numero di eventi ischemici e decessi vascolari tra i vari inibitori diretti della tr[...]