oggi

Venerdi 8 Novembre 2019

Fenilchetonuria, servono centri per i pazienti adulti. Lo rivela ricerca paneuropea

Cosa vuol dire vivere con la fenilchetonuria oggi? E quali sono le problematiche ancora aperte? Alcune risposte arrivano dalla ESPKU International Conference, conclusasi il 3 novembre a Izmir in Turchia.

Gestione del dolore cronico, a Bruxelles ne discutono i massimi esperti europei

Oggi a Bruxelles in occasione del simposio SIP (Societal Impact of Pain) i massimi specialisti di settore hanno discusso di dolore cronico, del suo gravoso impatto economico e dell'inadeguatezza del sistema formativo accademico. Societal Impact of Pa[...]

Ricerca clinica in Italia a rischio, lo dice il “libro bianco sulla ricerca clinica indipendente” 

E' un quadro allarmante sul futuro della ricerca clinica quello che emerge dal Libro Bianco “Il valore della ricerca clinica indipendente in Italia” realizzato dalla Fondazione FADOI (Federazione dei dirigenti ospedalieri internisti) e dalla Fondazio[...]

Asma grave, non lasciare soli i pazienti che arrivano in pronto soccorso 

Per avere una fotografia fedele del setting del paziente con asma grave nel suo percorso di accesso, presa in carico e dimissione dal Pronto Soccorso nel nostro Paese la testata Italian Health Policy Brief ha sviluppato la ricerca qualitativa “Asma g[...]

Malattie ematologiche: al Grandangolo si fa il punto sui successi della ricerca

Ogni anno in Italia si registrano circa 33mila casi di tumori del sangue, tra leucemie, linfomi e altre patologie, tuttavia un numero di pazienti crescente guarisce o cronicizza grazie ai progressi della ricerca e all'innovazione scientifica. Se ne p[...]

Biogen ottiene da Samsung Bioepis i biosimilari di ranibizumab e aflibercept

Biogen ha annunciato di aver siglato un accordo con Samsung Bioepis volto a ottenere l’esclusiva per la commercializzazione dei biosimilari di ranibizumab ed aflibercept sui mercati più importanti del mondo come Stati Uniti, Canada, Europa, Giappone [...]

Immunoterapia, possibile impatto del microbiota intestinale sull’efficacia di ipilimumab. #EMSO19

Nei pazienti con tumori solidi in stadio avanzato trattati con l’anti-CTLA-4 ipilimumab, la composizione del microbiota intestinale potrebbe influire sull’efficacia dell’immunoterapia. A suggerirlo sono i risultati di uno studio presentato a Barcello[...]

Tumore dell’ovaio avanzato, mantenimento con niraparib in prima linea ritarda la progressione.#ESMO19

Le pazienti con carcinoma ovarico avanzato di nuova diagnosi che sono state trattate con niraparib dopo aver risposto alla chemioterapia di prima linea a base di platino hanno ottenuto un miglioramento di 5,6 mesi della sopravvivenza libera da progre[...]