oggi

Domenica 17 Gennaio 2021

Minor rischio di danno renale acuto con gli inibitori SGLT2 rispetto ad altri ipoglicemizzanti

Nei pazienti con diabete di tipo 2, tra i vari ipoglicemizzanti utilizzati gli SGLT2 hanno conferito un minor rischio di sviluppare un danno renale acuto rispetto all'uso dei GLP-1 agonisti o ai DPP-4 inibitori. Sono le conclusioni di una metanalisi [...]

Diabete di tipo 2, bimagrumab favorisce la perdita di peso e migliora i parametri metabolici

L’anticorpo monoclonale umano bimagrumab ha fallito nel trattamento della malattia da deperimento muscolare, ma potrebbe essere un farmaco utile contro obesità e diabete, visti i risultati di un trial clinico di fase II pubblicati sulla rivista JAMA [...]

Covid-19 e diabete, metformina riduce il rischio di decesso

Nei pazienti con Covid-19 che soffrono di diabete di tipo 2, l'assunzione di metformina prima della diagnosi di malattia virale è risultata associata a una riduzione di tre volte della mortalità. È quanto emerge da uno studio osservazionale statunite[...]

Stanchezza, mal di testa e malessere generale tra i sintomi più frequenti nei pazienti “long Covid”

Stanchezza, malessere post-esercizio e disfunzione cognitiva (o annebbiamento cerebrale) sono i sintomi più comuni riportati nel lungo periodo (6 mesi dopo l’infezione) da chi ha contratto il COVID-19, secondo un nuovo studio di preprint pubblicato s[...]

Insufficienza cardiaca a ridotta frazione di eiezione, una consensus aggiornata ACC inserisce sacubitril/valsartan e inibitori SGLT2 

L'American College of Cardiology (ACC) ha pubblicato una guida riveduta per ottimizzare il trattamento dei pazienti con insufficienza cardiaca (HF) con frazione di eiezione ridotta (HFrEF). Il testo – pubblicato online sul “Journal of the American Co[...]

Disturbo bipolare, la mancata risposta al litio è correlata al deficit di espressione di un gene specifico

Una diminuzione dell'attivazione di un gene specifico può spiegare perché molti pazienti con disturbo bipolare (BD) non rispondono al litio. È quanto suggerisce una nuova ricerca pubblicata online su “Molecular Psychiatry”.

Fibrillazione atriale con malattia renale cronica, apixaban può offrire migliori esiti renali a lungo termine rispetto a warfarin

Per i pazienti con fibrillazione atriale (AF) non valvolare, i risultati di uno studio - pubblicato online sull' “American Journal of Kidney Diseases” (AJKD) - hanno mostrato che il trattamento con apixaban era associato a un rischio inferiore di pro[...]

Cardioprotezione da colesterolo-HDL associata a minor rischio di calcificazione aortica, correlazione influenzata dai livelli di estradiolo in menopausa

Elevati livelli di colesterolo HDL da soli potrebbero non essere cardioprotettivi per le donne di mezza età in quanto l'estradiolo può influenzare il rischio di malattie cardiovascolari, secondo i dati dello studio SWAN Heart, pubblicati online su “M[...]

Sclerosi multipla, effetti benefici su tasso di recidive e progressione della disabilità dall'esposizione ai farmaci immunomodulanti per oltre 15 anni

L'esposizione a lungo termine all'immunoterapia (intesa come immunomodulazione mediante farmaci modificatori della malattia) ha ridotto il tasso di recidive e progressione della disabilità in una grande coorte di pazienti con SM seguita per 15 anni, [...]